Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 09 Aprile - ore 23.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Da Kyoto alla Spezia in difesa dell'aria pulita

Nuovo presidio di 'Spezia via dal carbone', l'associazione Medici per l’ambiente (ISDE), Italia Nostra, Legambiente, Lipu e Wwf

Da Kyoto alla Spezia in difesa dell'aria pulita

La Spezia - Da Kyoto alla Spezia. Ricorre oggi il ventennale del protocollo che sancisce l'impegno di numerose nazioni di operare nella riduzione delle emissioni di elementi inquinanti. Anche alla Spezia si celebra questa data, per tenere alto il dibattito sull'ambiente e per lanciare un monito all'amministrazione comunale spezzina. Per questo motivo Spezia via dal carbone, l'associazione Medici per l’ambiente (ISDE), Italia Nostra, Legambiente, Lipu e Wwf si sono ritrovati in presidio davanti a Palazzo Civico.
“La nostra città deve abbandonare il carbone – ha spiegato Stefano Sarti di Legambiente -, l'amministrazione non ha ancora chiuso il ciclo del carbone e questo significa per la salute un rischio per tutti. Andrebbe portato avanti uno studio preciso e settoriale. Poi, mancano i dati ufficiali.”
Per il comitato: “Le istituzioni locali (Comune, Provincia e Regione) nell’ambito dell’iter di dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, per l’impianto Enel di Vallegrande, non hanno messo in discussione il carbone come combustibile primario e il sindaco non ha adempiuto al suo dovere di massima autorità sanitaria, presentando un parere sanitario all’interno della procedura autorizzatoria.”

L’Assessore alla sostenibilità ambientale Laura Ruocco ha incontrato i partecipanti al presidio in occasione dell’anniversario di Kyoto.
L’assessore ha ribadito che i traguardi fissati dal protocollo di Kyoto rimangono un obiettivo di tutti coloro che hanno a cuore lo sviluppo sostenibile e l’abbattimento delle emissioni climalteranti.

“La lotta ai cambiamenti climatici e la difesa del territorio sono nodi fondamentali – ha detto la Ruocco – da affrontare con tempestività. Il Comune della Spezia si impegna a portare in sede nazionale un’uscita dai combustibili fossili causa delle emissioni climalteranti, a partire da quelle città che vedono la presenza di centrali in zone fortemente urbanizzate. Il nostro impegno da subito è diminuire drasticamente l’inquinamento prodotto dalla Centrale Enel attraverso la procedura AIA e porre le condizioni per uno sviluppo delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica. Abbandono dei combustibili fossili, sviluppo delle energie rinnovabili, efficienza energetica sono i pilastri su cui deve fondarsi una nuova politica energetica nazionale, quella che ad oggi il nostro Paese non ha e che chiediamo a questo Governo di mettere in atto. Su questo ci impegniamo ad aprire un confronto con il Ministro Clini, un confronto che chiede una città che in passato ha subito pesantemente scelte energetiche nazionali e che vede oggi un impegno forte del Comune sulla definizione di nuove strategie energetiche locali. L’approvazione in Consiglio Comunale del Piano Energetico e l’adesione al Patto dei Sindaci è la prova concreta di questo impegno che costituisce un tratto distintivo di questi anni di governo. Il biglietto da visita più credibile con cui ci presenteremo al confronto con Clini”

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News