Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Giugno - ore 22.35

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Chiede soldi millantando risarcimenti milionari ma è una truffa. Un arresto

Le accuse: truffa, falso e sostituzione di persona. Le indagini condotte dalla Guardia di finanza.

centiniaia di migliaia di euro
Chiede soldi millantando risarcimenti milionari ma è una truffa. Un arresto

La Spezia - Sosteneva di stare per ricevere un risarcimento di un milione di euro dal fondo “Atinracket e usura”, oppure un’eredità che raddoppiava la cifra. Peccato che si trattasse di una truffa. L’artefice di tutto questo era talmente abile da riuscire a impossessarsi centinaia di migliaia di euro. La sua carriera illegale è finita con le manette ai polsi scattate al termine di un’articolata indagine della Guardia di finanza della Spezia.
Ad essere arrestato è un 41enne spezzino che per i militari avrebbe indotto, con artifizi e raggiri, più persone a consegnargli somme ingenti di denaro, in alcuni casi nell’ordine anche di alcune centinaia di migliaia di euro, approfittando, di volta in volta, di diverse circostanze, ma soprattutto millantando falsamente di essere vittima di usura e di essere in attesa del risarcimento di una ingente somma di denaro di circa 1 milione di euro da parte del Fondo di solidarietà “Antiracket ed Usura”.
Il provvedimento del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di La Spezia, è scattato a seguito di un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale della Spezia, Marinella Acerbi, su richiesta del pm Federica Mariucci. Le accuse per il 41enne sono truffa, falso e sostituzione di persona.

L’uomo avrebbe spinto terze persone, a cui risulta aver presentato falsi documenti autoprodotti riportanti intestazioni contraffatte, anche di Istituzioni dello Stato, a consegnargli le somme di denaro che prometteva di restituire al momento dell’erogazione del beneficio pubblico. In alcune situazioni, si è dichiarato sul punto di ricevere un’eredità superiore al milione di euro, in altre di avere la necessità di svincolare somme depositate su conti correnti poste sotto sequestro dal Fondo Unico di Giustizia, avendo comunque sempre cura, in ogni circostanza, di comprovare quanto asserito con documentazione artatamente predisposta e falsamente intestata.

Al fine di carpire in maniera decisiva la fiducia delle ignare vittime di turno, non esitava a millantare conoscenze nelle Forze dell’Ordine o, in un caso recente, a presentarsi come appartenente alla Guardia di Finanza. Le persistenti condotte criminose, poste in essere con particolare spregiudicatezza e sistematicità, sono valse all’arrestato, a partire dall’anno 2017, più di qualche denuncia e/o segnalazione da parte di privati, di professionisti e di Istituzioni che ne sono rimasti vittime, truffati o comunque danneggiati.
La misura cautelare applicata dalle Fiamme Gialle spezzine è stata quindi adottata alla luce dei gravi indizi di colpevolezza raccolti in ordine all’avvenuta commissione dei reati contestati e soprattutto della necessità fortemente avvertita di impedire che l’indagato potesse continuare a reiterare altri delitti della medesima specie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































La Piazza Sospesa sorgerà tra Via Diaz e il lungomare: vi piace il progetto?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News