Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 27 Settembre - ore 22.52

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Carabinieri, nell'ultimo anno 19mila controlli e 15 per cento di reati in meno in provincia

206 anni dalla fondazione dell'Arma
Carabinieri, nell'ultimo anno 19mila controlli e 15 per cento di reati in meno in provincia

La Spezia - Ricorre oggi il 206° annuale di fondazione dell’Arma dei Carabinieri, che quest’anno assume un significato ancora più profondo in quanto coincide con il centenario della concessione della prima Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Bandiera di Guerra dell’Istituzione, per il valore dimostrato e il sangue versato durante il primo conflitto mondiale. Era il 5 giugno 1920 e da allora in questa data si celebra la Festa dell’Arma, nata come “Corpo dei Carabinieri reali” il 13 luglio del 1814.
Il Ministro della Difesa, On. Lorenzo Guerini, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Gen. Enzo Vecciarelli, il Comandante Generale, Gen C.A. Giovanni Nistri, e i Presidenti dell’Associazione Nazionale Carabinieri e dell’Opera Nazionale di Assistenza per Orfani dei Militari dell’Arma hanno onorato la ricorrenza rendendo omaggio questa mattina ai Caduti, con la deposizione di una corona d’alloro al Sacrario del Museo Storico dell’Arma.
Le misure di contenimento della pandemia non hanno consentito di prevedere la tradizionale cerimonia militare, ma come ha ricordato il Comandante Generale nel messaggio rivolto a tutti i Carabinieri “la solennità ideale della ricorrenza è interamente riposta nella confermata adesione di tutti ai valori fondanti dell’Istituzione. Tali principi sono emblematicamente sottesi nella concessione, esattamente cento anni fa da oggi, della prima Medaglia d’Oro al Valor Militare alla nostra gloriosa Bandiera e hanno ricevuto rinnovata attestazione nelle attività condotte durante l’emergenza sanitaria. Sin dal suo insorgere l’Arma tutta, dai minori livelli ordinativi in su e ovunque sul territorio nazionale, ha rappresentato la più immediata espressione della prossimità dello Stato ai cittadini, dimostrandosi ancora una volta concreta interprete di quel ruolo di rassicurazione, solidarietà e protezione che è patrimonio unanimemente riconosciuto della Sua storia”.
Un contributo prezioso quello offerto dai Carabinieri in questi difficili frangenti, al pari di quello nell’ordinario contrasto a ogni forma di criminalità, reso con abnegazione silenziosa, spesso mettendo a rischio la propria incolumità. Un pericolo reale, testimoniato dai tanti Caduti di ogni tempo, basti ricordare l’eroismo del Vice Brigadiere Salvo d’Acquisto, Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria, di cui il prossimo 17 ottobre ricorre il centenario della nascita, e l’esempio del Mar. Magg. Vincenzo Carlo Di Gennaro, ai cui famigliari ieri il Generale Nistri ha personalmente consegnato la Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria, e ultimi, in ordine di tempo, i Caduti App. Sc. Emanuele Anzini e Vice Brig. Mario Cerciello Rega.
Fin dalla sua nascita l’Arma dei Carabinieri è al fianco degli italiani per garantire loro sicurezza e prossimità attraverso la capillare diffusione sul territorio delle oltre 4500 Stazioni e Tenenze territoriali, alle quali si aggiungono le circa 1.000 Stazioni forestali, e contribuisce alla tutela di interessi collettivi attraverso l’impegno dei reparti specializzati. Per far ciò, ha spesso adeguato la propria struttura organizzativa, mantenendosi saldamente ancorata ai propri valori. In quest’opera di continuo rinnovamento cento anni fa nascevano la scuola Marescialli e Brigadieri di Firenze, i Battaglioni Mobili e la Banda musicale dell’Arma.
“La professionalità degli uomini e delle donne dell’Arma presenti in numerose aree del mondo, inquadrati in contingenti multinazionali e interforze a fianco dei colleghi di Esercito, Marina e Aeronautica” è stata sottolineata dal Capo di Stato Maggiore della Difesa nel suo messaggio augurale per la ricorrenza, evidenziando tra l’altro “lo straordinario impegno per favorire la pacifica convivenza tra i popoli e dare sostegno e migliori prospettive di vita in luoghi e terre remote”.
Il Ministro della Difesa ha invece posto l’attenzione sull’innata capacità dei carabinieri di essere, con garbo e discrezione, sempre vicini ai cittadini, che sanno di poter trovare in ciascun di loro un riferimento sicuro e una mano tesa nelle difficoltà. L’On. Guerini ha pertanto invitato le donne e gli uomini dell’Arma ad essere “fieri ed orgogliosi di questo rapporto privilegiato con gli italiani costruito in più di due secoli di vita, alimentato quotidianamente per garantire sicurezza, legalità e ordine.
Anche il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con un messaggio indirizzato al Generale Nistri, ha rivolto l’augurio più fervido degli italiani a tutti i carabinieri, sottolineando la dedizione dimostrata in questo periodo particolarmente difficile che “ha confermato quel rapporto di naturale relazione e fiducia con la gente, garantendo la prossimità rassicurante dello Stato, solidarietà e concreta assistenza”. Lo spirito di sacrificio dei militari dell’Arma in favore delle comunità loro affidate è testimoniato anche dall’elevato numero di contagiati e di deceduti, ha proseguito il Capo dello Stato, che ha voluto esprimere la vicinanza e la riconoscenza della Repubblica ai Caduti di ogni tempo e ai loro familiari.

Nella mattinata odierna, alle 9.30, nella cornice della piazza d’Armi della caserma “Salvo D’Acquisto”, sede del Comando Provinciale della Spezia, i Carabinieri hanno celebrato, come avviene sia in tutto il territorio nazionale che all’estero, la ricorrenza della festa per il 206° anniversario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri. La cerimonia, per la contingente situazione sanitaria nazionale, quest’anno si è svolta alla sola presenza del Prefetto Dr.ssa Maria Luisa Inversini e del Comandante Provinciale Col. Antonio Bruno, che hanno depositato una corona di alloro presso la targa dedicata al VB Salvo D’Acquisto, per ricordare i caduti dell’Arma che si sono immolati per difendere il nostro Paese e le sue Istituzioni tenendo fede al giuramento prestato. In questo momento solenne un pensiero commosso è stato rivolto a tutte le vittime della pandemia ed ai loro familiari. Tra questi, è stato ricordato il nostro Maresciallo Maggiore Massimiliano MAGGI, scomparso lo scorso 19 marzo. Massimiliano, effettivo presso la Stazione della Spezia Principale, era Sottufficiale molto apprezzato in città per le sue doti umane e professionali, soprattutto dai suoi cittadini per cui garantiva quotidianamente disponibilità e sicurezza. Lo hanno ricordato, con profondo affetto, i superiori ed i colleghi tutti che oggi si sono stretti idealmente intorno alla sua famiglia per sostenerla nel suo immenso dolore.
La Festa dell’Arma, è anche il momento per fare un bilancio dell’anno trascorso, esaminare i risultati conseguiti e individuare nuovi obiettivi, sempre nell’ottica di garantire un servizio che miri ad essere aderente alle esigenze di sicurezza e serenità espresse dalla collettività.
L’essenza del servizio svolto è rappresentata da un lato dal pronto intervento, che ha visto l’entrata a regime del numero unico di emergenza 112, e dall’altro dal controllo del territorio, operati dalle pattuglie delle Sezioni e Nuclei Radiomobili e da quelle delle Stazioni, cui si sono aggiunti i servizi in abiti civili dei reparti investigativi.

È con questo obiettivo che i Carabinieri del Comando Provinciale della Spezia, nel corso degli ultimi dodici mesi, hanno proiettato sul territorio oltre 18.000 servizi, vale a dire, quotidianamente, quasi 50 servizi esterni, di giorno e di notte, con un incremento di oltre il 15% rispetto allo stesso periodo precedente. Questa incrementata presenza sulle strade si è tradotta in oltre 19.000 controlli, pari ad oltre il 20% in più rispetto ai dodici mesi precedenti e, soprattutto, a fronte di una riduzione del 15% del numero di reati commessi in generale in tutta la provincia, con un particolare decremento dei reati predatori (-22%). L’Arma ha proceduto per il 63% dei fatti reato compiuti, 139 provvedimenti restrittivi della libertà personale e 1425 persone segnalate in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria quali responsabili di reati.
Proprio l’attività investigativa, orientata a contrastare le minacce alla sicurezza portate sia dalla criminalità di strada che dalla quella organizzata, ha registrato importanti successi.
Tra tutti è emblematica la complessa ed articolata attività di indagine portata avanti dalla Compagnia di Sarzana e condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Genova, che ha consentito di trarre in arresto tre persone accusate di prostituzione minorile, violenza sessuale su minori, incendio doloso, oltre alla denuncia in stato di libertà di altre quattro persone. L’esecuzione delle misure consentiva di interrompere lo sfruttamento sessuale di due minori, di cui una appena tredicenne, avvenuto con il coinvolgimento dei familiari.
Tra le varie operazioni effettuate, la Compagnia della Spezia ha invece tratto in arresto un cittadino italiano resosi responsabile di cinque rapine avvenute nell’ultimo bimestre del 2019, nel centro cittadino, che hanno creato particolare allarme tra le persone anziane e sole poiché in due circostanze, le due anziane vittime, hanno riportato lesioni gravi.
A fronte di questi risultati, sono stati ben 5 i Carabinieri del Comando Provinciale feriti nel corso di attività di servizio.
Tutto questo senza mai perdere di vista quella missione di vicinanza ai cittadini ed ai più deboli e di tutela della popolazione, nei grandi e piccoli centri, che sin dal 13 luglio 1814 costituisce l’essenza del servizio quotidiano dell’Arma, a tutela dell’ordine e della sicurezza della collettività.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






FOTOGALLERY




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News