Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Ottobre - ore 08.58

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Allerta rossa. Potrebbe essere una notte difficile e tempestosa | Foto

L'innalzamento dell'allerta impone tutta una serie di norme di autoprotezione e sono assolutamente sconsigliati spostamenti se non necessari. Cosa è successo da questa mattina? Valli sotto la lente.

potrebbe essere una notte pericolosa
Allerta rossa. Potrebbe essere una notte difficile e tempestosa

La Spezia - Un fine settimana difficile sul territorio provinciale spezzino con un allerta meteo che proprio poco fa è stata innalzata al livello più alto e pericoloso. La giornata si è aperta con l'esondazione del Rio Borsa che ha trascinato a valle detriti di ogni genere. A farne le spese anche Varese Ligure e Sesta Godano, seppure in maniera più limitata. Nel resto della provincia, salvo qualche albero caduto, come nel caso di Arcola e Sarzana, il vento ha soffiato con tutta la sua forza scompigliando le tegole di qualche tetto. Tutto questo si è però tradotto in interventi da parte di tecnici e Vigili del Fuoco, che ad ogni emergenza partono per garantire la sicurezza di tutti.
Parlando di strade la Ripa rimarrà chiusa fino alla cessata allerta e una serie di interventi è stata condotta anche dalla Provincia vari smottamenti e alberi sulle strade.

Per la provincia spezzina le prossime ore dovranno essere di allerta massima. Ore in cui anche i cittadini dovranno prestare la massima attenzione e limitando il più possibile gli spostamenti. In queste ore di costante osservazione, da parte di tutti gli enti chiamati in campo a partire dalla Protezione civile provinciale, è emerso che la piena si è rivelata morbida quando il fiume ha confluito con il Magra toscano. Il fiume Vara a livelli alti ma comunque inferiori ai livelli del novembre 2019. La piena questa mattina alle 11 era già arrivata alla foce e quindi ha scaricato.
In queste ore è prevista un'ondata d'acqua pari a quella che stamani ha interessato l'alta Val di Vara. E l'aspetto da tenere maggiormente sotto controllo è la saturazione dei versanti, anche se l'intervallo da una perturbazione all'altra è lungo ma non abbastanza da ridurre il carico dovuto alla prima ondata. Ed è così che si è concretizza l'allerta rossa sui grandi bacini.
Le procedure di preparazione agli eventi sono state fatte e sono attive le portelle che impediscono l'invasione, da parte dell'acqua, delle zone urbanizzate.

Viste le notti di burrasca che si prospettano l'appello, da parte delle autorità, rimane quello di prestare la massima attenzione e di evitare spostamenti non necessari. Il periodo perturbato non finirà domani: ci sarà una tregua passata la burrasca notturna ma pioggia e vento potrebbero tornare intensi già domenica sera.
La notte potrebbe rivelarsi davvero difficile. L'area della bassa Val di Vara nelle zone di Ceparana, Bottagna e Follo subiscono anche la chiusura della Ripa. Tra le accortezze da seguire nelle vicinanze delle proprie abitazioni ci sono: controllare che i pluviali e grondaie siano libere, verificare che le canalette siano libere.
Questa è la prima ondata di maltempo forte autunnale e la centrale operativa per il coordinamento di tutte le forze chiamate in campo sono operative. I tratti di fondovalle sono sconsigliati perché potrebbe essere una notte pericolosa.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fotogallery

Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News