Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 23 Novembre - ore 23.20

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Aggredito dal branco, ventenne in ospedale. Aggressori in manette

Le indagini hanno fatto luce su un espisodio avvenuto tra venerdì e sabato: un gruppo di universitari, al termine di un compleanno, è stato molestato da altri giovani. Poi, per una fotografia la situazione è precipitata.

gli arrestati hanno vent'anni
Aggredito dal branco, ventenne in ospedale. Aggressori in manette

La Spezia - Un’aggressione brutale, violenta. Un trauma cranico con emorragia e frattura dell’osso temporale. Sono le ferite gravissime riportate da un giovane ricoverato in Prognosi riservata al Sant’Andrea dopo essere stato aggredito da un branco di coetanei lo scorso fine settimana. Adesso tre di loro sono finiti in manette. Hanno vent’anni. E’ stata un’indagine della Squadra mobile e della Polizia municipale a ricostruire i fatti e a garantire che venissero identificati gli aggressori.

Tutto è cominciato nella notte tra venerdì e sanato quando alcuni studenti universitari stavano festeggiando un compleanno. Il gruppetto di amici è uscito da un locale. Poco dopo venivano avvicinati da un gruppetto formato da giovani esagitati di varie etnie che, in Via Del Prione, iniziava senza un motivo a molestarli, cercando un pretesto per attaccare lite.
Pur non raccogliendo le provocazioni, gli studenti subivano una prima aggressione fisica da parte dei giovani teppisti, che colpivano uno di loro con delle bottigliate alla testa, profferendo nel contempo minacce e ponendo in essere altri atteggiamenti volutamente provocatori ai quali, ancora una volta, i giovani studenti non reagivano, allontanandosi.
I ragazzi venivano, però, nuovamente raggiunti dal branco in Piazza Beverini, dove venivano ulteriormente minacciati e seguiti con fare aggressivo e provocatorio mentre, percorrendo Corso Cavour, si stavano dirigendo verso le loro abitazioni.
Proprio in Corso Cavour si verificava l’episodio più grave, quando uno degli studenti, per documentare la situazione della quale erano vittime, scattava una fotografia all’indirizzo degli aggressori.
Questo timido tentativo di difesa veniva subito preso a pretesto per scatenare l’aggressione finale, di inaudita violenza, in parte ripresa da una telecamera di sicurezza di un impianto privato.
La dinamica si è svolta in maniera agghiacciante: uno dei componenti del branco, dopo aver preso una lunga rincorsa, sferrava un violento pugno alla testa dello studente che aveva appena scattato la foto, facendolo cadere a terra privo dei sensi. Non ancora soddisfatto, come ricostruito dalle testimonianze raccolte, iniziava a colpirlo con calci, con la complicità degli altri componenti del branco, che partecipavano anche a questa fase della cruenta aggressione, accanendosi sia sul giovane inerme che sugli amici che si trovavano in sua compagnia, uno dei quali ha dovuto anch’egli ricorrere alle cure mediche, con tre giorni di prognosi
Durante le indagini sono state eseguite delle perquisizioni domiciliari che hanno permesso di rinvenire i capi di abbigliamento indossati in occasione dei fatti da due degli indagati, utili ai fini di ricostruire dettagliatamente i ruoli, peraltro in parte ripresi dai filmati acquisiti.
Nei confronti degli autori del cruento episodio delittuoso, due cittadini di nazionalità dominicana ed uno italiano di età compresa tra i 18 e i 20 anni, è stata emessa la misura della custodia cautelare in Carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari Marinella Acerbi, su richiesta del Procuratore della Repubblica dottor Antonio Patrono che ha coordinato l’attività di indagine.
Gli arrestati sono stati associati presso la locale Casa Circondariale e dovranno rispondere del reato di lesioni personali, aggravate dal fatto di essere state commesse da più persone riunite, con l’impiego di oggetti contundenti e con l’ulteriore aggravante dei futili motivi, mettendo anche in concreto pericolo la vita di una delle vittime.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'identificazione del branco
L'identificazione del branco
L'identificazione del branco


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News