Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 17 Gennaio - ore 22.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Addio a Lorenzo Vincenzi, una vita dedicata alla cultura e all'insegnamento

Stimato letterato, studioso di Dante e autore di testi è stato anche presidente dell'Isr. Grande tifoso dello Spezia è stato per molti anni docente del Parentucelli di Sarzana amatissimo dai suoi ex allievi.

profondo cordoglio
Addio a Lorenzo Vincenzi, una vita dedicata alla cultura e all'insegnamento

La Spezia - All'età di 68 anni è mancato questa mattina Lorenzo Vincenzi, per anni docente del Parentucelli di Sarzana, letterato illuminato della nostra provincia, studioso della Divina Commedia e della storia contemporanea, autore di libri e testi universitari e presidente dell'Istituto spezzino per la storia della Resistenza. Figura stimatissima per la fine preparazione e la conoscenza di temi che hanno scandito tutta la sua vita ma soprattutto persona amata per lo spessore umano e l'acuta ironia.
Doti che ha sempre messo al servizio dei suoi ragazzi, che nella lunga attività spesa nell'istituto sarzanese – che aveva lasciato per la pensione nel 2019 – lo hanno reso uno dei docenti più apprezzati, per le memorabili lezioni su Dante come per le battute improvvise che, unite ad un approccio rigoroso, gli permettevano di costruire rapporti solidissimi con tutti i suoi allievi. Ragazzi che spesso si stupivano nell'incontrarlo sui gradoni della Curva Ferrovia dove, da abbonato di lungo corso, con immutati acume e passione sapeva gioire e soffrire per le sorti dell'amatissimo Spezia che spesso seguiva anche in trasferta con il fratello, che oggi lascia insieme alla sorella.

Una scomparsa prematura la sua che ha suscitato grande cordoglio fra le persone che hanno avuto la fortuna di conoscerlo. “Per me è stato un riferimento costante oltre che un amico – sottolinea a CdS Amilcare Grassi, scrittore, poeta ed ex docente – dicevo sempre che era la mia enciclopedia vivente perché su qualunque questione interpellare Lorenzo era come consultare una biblioteca. Era una persona buona perché intelligente, capace di comprendere i limiti umani, e questo mi mancherà molto insieme alla sua ironia. È stato prezioso – aggiunge – anche come lettore delle cose che ho scritto, ha curato un mio libro ed era parte integrante di quella piccola comunità di cui faceva parte anche Paolo Bertolani. È stato un Insegnante con la “i” maiuscola e mancherà tantissimo ai suoi allievi”.

E' un ricordo commosso quello di Massimo Caleo, ex sindaco di Sarzana che in questi ultimi anni aveva condiviso con Vincenzi anche l'esperienza al Parentucelli-Arzelà come vicepreside: “Ero legato a Lorenzo da una lunga amicizia – afferma a CdS - era una persona dotata di grande competenza, lucidità di analisi politica e storica e di grande umanità. Per me è stato un onore incontrarlo di nuovo sui banchi di scuola da collega, l'ho ammirato perché continuava ad avere un entusiasmo per i ragazzi incredibile e mi emozionava sempre vedere con quanta devozione partecipava alle cene con i suoi ex alunni i quali si sono sempre rivolti a lui con amore, rispetto e grande cura anche negli anni dopo la scuola. Un affetto encomiabile che dimostra ancora di più lo spessore umano di Lorenzo”

Patrizia Gallotti, direttore dell'Istituto per la Storia della Resistenza e dell'età contemporanea lo ricorda infine come “uomo di cultura, noto per la sua profonda conoscenza della letteratura e per il suo amore dei classici, ha pubblicato monografie, articoli e saggi di argomento letterario, storico, filosofico e musicale. Numerosi i suoi interventi sulla storia della Resistenza e della Seconda Guerra Mondiale. Con Lui la cultura spezzina perde un protagonista sensibile ed attento in particolare verso intere generazioni che ha contribuito a formare con cura e attenzione. Mancherà il suo rigore scientifico, la sua riservatezza e la sua umanità. Tutto l'Istituto storico spezzino è vicino alla famiglia”.

Arci Valdimagra infine “saluta con stima il professor Lorenzo Vincenzi, sempre a disposizione nell'impreziosire con la sua vasta conoscenza e con i suoi modi dignitosi i molteplici convegni e le iniziative associative cui era invitato. Che la terra gli sia lieve”.

La cerimonia funebre si svolgerà sabato mattina alle ore 9 presso la cripta del Cristo Re alla Spezia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News