Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 02 Giugno - ore 20.05

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Turni di 12 ore, niente riposi: l'Asl5 aumenti gli infermieri per turno"

Il sindacato Nursind dipinge un quadro dei ritmi devastanti che si tengono in corsia: "E i ricoveri sono destinati a crescere".

uno sforzo titanico

La Spezia - "Affrontare un turno di lavoro di 12 ore bardati nelle tute senza nemmeno poter bere, cosi come indossare la maschera che dopo poche ore diventa soffocante, oltre al bisogno di dover aumentare i livelli di attenzione per evitare eventuali contaminazioni e dispersione di virus SARS-Cov-2, sono fattori estremamente stressanti che si addizionano all'alto carico assistenziale e che però la Asl5 sembra non considerare minimamente". L'emergenza coronavirus grava pesantissima sulle spalle del personale sanitario. Assunta Chiocca. segretaria spezzina Nursind, dipinge un quadro di sforzi immani da parte di infermieri e Oss dell'ospedale Sant'Andrea. E chiede forze fresche. "In un frangente di estrema gravità e stress come quello che gli infermieri stanno vivendo e per la complessità assistenziale che stanno affrontando, non è più tollerabile che la Asl 5 Spezzino procrastini ancora l’implementazione del personale infermieristico ed Oss nei reparti impegnati nell’emergenza Covid-19. Il carico di lavoro in questi reparti è fortemente aumentato a causa del rallentamento fisiologico che comporta l’indossare i dispositivi di protezione".

Nursind aveva già fatto presente la grave carenza di personale, ritenendo necessario l’aumento del numero di infermieri e OSS per turno nei reparti covid-19. "Evidentemente l’azienda è sorda ad ogni richiamo - continua Chiocca - Gli infermieri lavorano turni da 12 ore, saltano i riposi, sono esausti, hanno pochi dpi e nei reparti sono lasciati in numero troppo esiguo per garantire a se stessi la salute e una buona qualità dell'assistenza in reparti che ormai sono da considerarsi aree ad alta complessità assistenziale. Tutto questo è allarmante considerato che i ricoveri sono destinati a crescere e che senza nemmeno la presenza di un operatore Oss di notte , l'attività lavorativa dell'infermiere si sposta anche verso aree che non sono del proprio profilo professionale determinando relativo innalzamento del rischio clinico per pazienti che per complessità e gravità assistenziale lo hanno già alto. Richiamiamo allora nuovamente l’azienda ad una risposta repentina e in difetto di riscontro tuteleremo i lavoratori nelle competenti sedi facendo se necessario esposto alla procura".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








VIDEOGALLERY


















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News