Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 30 Marzo - ore 22.21

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Se non ci sono elementi, la nave partirà per Spezia"

Attorno alle 18 arriverà l'esito delle analisi sui due passeggeri della Costa Smeralda in sospetto di coronavirus. Erario: "Pronti ad accogliere la nave secondo le prescrizioni delle autorità".

15 spezzini a bordo

La Spezia - "Era previsto la nave partisse in serata. Se non arrivano nuovi elementi, probabilmente lasceremo la pratica di partenza per il porto successivo". L'ipotesi che la Costa Smeralda arrivi domani alla Spezia rimane in piedi. Lo ha confermato il capitano di vascello Vincenzo Leone, comandante della capitaneria di porto di Civitavecchia, alla Repubblica negli scorsi minuti. In attesa degli esiti delle analisi sulla coppia di turisti cinesi che presentano sintomi influenzali assimilabili a quelli prodotti dal nuovo coronavirus, nessun contrordine di tipo sanitario è arrivato alla partenza dell'ammiraglia di Costa Crociere che ha il porto spezzino come prossima tappa della sua crociera del Mediterraneo Occidentale.

Rimangono nel frattempo isolati a bordo i due passeggeri asiatici. Questa mattina tre medici ed un'infermiera dell'ASL Roma 4 sono saliti a bordo e hanno praticato un prelievo di sangue e un tampone rinofaringeo ai due pazienti. Sarebbe in particolare una donna di 54 anni a preoccupare maggiormente: presenta infatti febbre alta e una sindrome respiratoria a differenza del compagno. L'Ansa dà notizia di un primo esito negativo, ma solo analisi complete potranno confermare o meno la presenza del coronavirus che sta mettendo in allarme le autorità sanitarie di tutto il mondo.

Un annuncio in merito dovrebbe arrivare attorno alle 18, quando alle 19 era previsto la cittadina galleggiante lasciasse il Lazio per mettere prua verso la Spezia. "La nave al momento non ha ottenuto il rilascio della libera pratica, ovvero la procedura sanitaria prevista in questi casi - sottolinea a CDS il tenente di vascello Giulio Colotto della Capitaneria spezzina - Né equipaggio, né passeggeri hanno infatti potuto lasciare la nave. Aspettiamo quindi direttive dal ministero della salute per capire come muoverci".
Intanto sul piazzale del porto di Civitavecchia alcuni pullman attendono di accogliere un migliaio di passeggeri - sugli oltre 7mila tra clienti e personale della nave - che si erano imbarcati a Civitavecchia una settimana fa e per cui la crociera doveva finire proprio oggi. Per questi l’Ufficio sanitario marittimo di Civitavecchia avrebbe dato il via libera allo sbarco, trovando però l'opposizione del sindaco Ernesto Tedesco. Diversità di vedute tra le autorità marittime e quelle cittadine, con momenti di tensione. La questione rimane delicatissima, perché il nuovo coronavirus può avere un tempo di incubazione che arriva fino a due settimane.

"Siamo in attesa delle 18, quando i risultati delle analisi sui campioni prelevati in mattinata dovrebbero essere completati e resi pubblici", conferma a CDS Giacomo Erario, direttore del terminal crociere. In caso le analisi siano negative, alla Spezia si procederà domani, su indicazione dell'Ufficio sanitario marittimo, con le operazioni di imbarco e sbarco. Già messo in conto un ritardo, visto che a Civitavecchia ci sono centinaia di nuovi passeggeri che salirebbero nelle prossime ore per iniziare la propria vacanza.
Nell'ipotesi in cui arrivasse la conferma della presenza del coronavirus, scatterebbe la quarantena per tutti gli oltre 6mila occupanti della nave tra passeggeri ed equipaggio. In questi casi, nessuno sale e nessuno scende per un periodo che generalmente dura 15 giorni. Tecnicamente la nave può anche lasciare Civitavecchia e cercare un nuovo porto d'attracco in cui spendere il periodo off limits. Ma in ogni caso nessuno potrà lasciare la Costa Smeralda e solo medici e addetti ai lavori potranno salire. Ipotesi questa che spaventa soprattutto le famiglie dei passeggeri, tra cui ci sono anche spezzini. "In ogni caso noi siamo pronti ad accogliere la nave secondo le prescrizioni delle autorità", conclude Erario.

A.Bo - Fa.Lug

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News