Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Febbraio - ore 09.23

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Nessuna psicosi da Coronavirus, territorio preparato"

La dottoressa Stefania Artioli direttrice della Struttura complessa di Infettivologia al Sant’Andrea della Spezia, che fa parte della task force di Alisa spiega: "Fondamentale vaccinarsi e lavarsi le mani"

il punto
"Nessuna psicosi da Coronavirus, territorio preparato"

La Spezia - “Tra gli utenti non c’è alcuna psicosi per il Coronavirus. Non sono segnalate criticità nel territorio ligure e dobbiamo proseguire nella corretta informazione”. Lo ha detto Stefania Artioli, direttrice della Struttura complessa di Infettivologia al Sant’Andrea della Spezia, che fa parte della task force di Alisa che sta monitorando la situazione ligure nell’analisi del temutissimo Coronavirus.
“Posso dire - ha proseguito la dottoressa Artioli – che in altre situazioni (Sars, Ebola, ndr) ricevevamo centinaia di telefonate di cittadini preoccupati e spaventati. In realtà, che dall’interno guardiamo all’esterno, possiamo dire che non ci sono criticità comunicative. Per mia esperienza personale, posso dire che da parte dell’utenza non abbiamo la percezione di allarmi”.
La presenza del Coronavirus in Italia, con due casi certificati e in cura allo Spallanzani di Roma, richiede comunque attenzione a tutti i livelli.
“A livello regionale – ha sottolineato Artioli – sono coinvolte tutte le figure professionali in tutti gli ambiti e nei reparti. Sono attivi percorsi specifici e ci sono tutti i protocolli operativi. E’ bene ricordare, comunque, che gli operatori sanno come intervenire ma anche i cittadini possono tutelarsi anche lavandosi, con cura, le mani. Questo è il primo atto concreto di prevenzione a questo si aggiunge il vaccino antinfluenzale. E’ importante farlo perché se ci trovassimo davanti ad una coinfezione il quadro clinico potrebbe complicarsi ulteriormente. Questo aspetto è valido sia per il Coronavirus che per altre patologie. Pensiamo anche ad una banale influenza e un pneumococco: i pazienti sopra i 65 anni infatti vengono sottoposti ad entrambe queste vaccinazioni in via preventiva”.
“Voglio ribadire che sullo Spezzino che come nel resto della Regione – ha detto Artioli - sono presenti specialisti, infettivologi, personale. Sono tutti preparati nei percorsi mirati per seguire i pazienti. Ci sono tutte le figure professionali adeguate per intervenire. Nella mia esperienza professionale ho vissuto i tempi di Ebola e Sars ed è la prima volta che davanti a una situazione sanitaria, che in questo caso è dettata dal Coronavirus, c’è un coordinamento a livello regionale di questo livello”.

Nell’ultima nota diffusa dalla Regione Liguria dal presidente Giovanni Toti, insieme alla vicepresidente e assessore alla Sanità Sonia Viale, al commissario di Alisa Walter Locatelli e a Filippo Ansaldi, direttore della prevenzione di Alisa è stato specificato che: la task force ligure, coordinata da Alisa e composta dal Diar emergenza-urgenza, dal responsabile emergenza-urgenza 118, dai direttori delle Malattie infettive e Igiene e Sanità pubblica, dai direttori sanitari, insieme ai pediatri e ai medici di Medicina generale, è in costante collegamento con le autorità competenti del ministero della Salute per aggiornare, in tempo reale, l’evoluzione del quadro epidemiologico. “Possiamo dire ai cittadini liguri che il sistema sanitario regionale ha attivato tutte le misure necessarie per garantire la massima attenzione all’evolversi della situazione – ha affermato il governatore Toti - in piena collaborazione con le autorità nazionali competenti per l’attuazione delle indicazioni e raccomandazioni ministeriali sul virus. Grazie ai nostri medici e a tutti i professionisti che si stanno spendendo, come sempre, per salvaguardare la nostra salute”.
“Ad oggi – ha aggiunto - la vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Sonia Viale -  non c’è motivo di generare allarmismi ma è importante ricordare ai cittadini cosa fare in caso di necessità: il sito del ministero della Salute è costantemente aggiornato e rimane il punto di riferimento per avere notizie ufficiali. Se si ritiene di essere un caso sospetto, bisogna rivolgersi al proprio medico di famiglia o, se si tratta di bambini, al pediatra di libera scelta, oppure chiamare il numero dell’emergenza 112”.

La sintesi delle misure previste

Sono stati definiti e condivisi i percorsi territoriali, di presentazione al sistema di emergenza-urgenza e inter- e intra-aziendali di possibile accesso di caso sospetto, in particolare, sono stati approfonditi i seguenti aspetti:
 
Punti di accesso (aeroporto/porto, ambulatorio MMG e PLS, domicilio ecc.) e accesso al sistema emergenza-urgenza (percorsi).
 
Trasporti territoriali (procedure e definizione dei criteri di identificazione di caso sospetto da parte del 118).
 
Percorsi intra-aziendali; le Aziende provvederanno all’eventuale aggiornamento e alla capillare diffusione delle procedure.
Centralizzazione del paziente per la verifica della definizione di caso sospetto presso i reparti di malattie infettive identificati per Azienda/Area ottimale:
·Asl 1: ospedale Sanremo
·Asl 2: ospedale Savona
·Area Metropolitana Genovese e Asl4: Policlinico San Martino (coinvolgimento Istituto G. Gaslini per pazienti pediatrici)
·Asl 5: ospedale della Spezia
·Centralizzazione sull’intero territorio regionale del paziente-caso sospetto presso i reparti di Malattie Infettive Policlinico San Martino e Istituto Gaslini, compatibilmente alle condizioni cliniche
·Centralizzazione dei campioni sul laboratorio di riferimento regionale (SC Igiene Policlinico San Martino).
Per quanto riguarda il paziente pediatrico (<14 anni), è prevista la centralizzazione sull’intero territorio regionale del paziente-caso sospetto presso il reparto Malattie Infettive dell’Istituto Gaslini, compatibilmente con le condizioni cliniche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News