Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 Agosto - ore 10.33

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Il problema immigrazione c'è. Basta leggere la cronaca"

Bianchi, segretario Coisp: "L’amministrazione Peracchini, che ormai è da un mese che si è insediata, dia un segnale concreto, non solo spot".

`Il problema immigrazione c´è. Basta leggere la cronaca`

La Spezia - “Un arresto per spaccio ed un’anziana scippata nel quartiere di Migliarina e il denominatore comune è che chi ha commesso il reato sono immigrati irregolari sul nostro territorio in attesa degli accertamenti per verificare la loro richiesta per rimanere in Italia”. Inizia così l’intervento di Matteo Bianchi, leader ligure del Coisp, sindacato indipendente di Polizia, sulle notizie di cronaca che arrivano dalla Spezia e riguardano cittadini immigrati: "Nel nostro paese le Forze dell’Ordine lavorano in gran parte per gestire l’assurdità di questa immigrazione incontrollata per la quale purtroppo, ad oggi, i vari Governi che sono passati non hanno trovato o, peggio ancora, non hanno voluto trovare una soluzione che potesse sgravare in maniera sensibile il lavoro della categoria da noi rappresentata, ponendola invece quotidianamente a rischi sia fisici che legali che potrebbero essere invece facilmente evitati”.

"Non è più accettabile - continua Bianchi - lavorare in questa maniera poiché mancano strumenti idonei, risorse umane (l’età media ormai sfiora i 50 anni di età), mezzi operativi e protocolli che ci facciano operare in sicurezza e serenità. Oggi qui in Italia la nostra politica è più concentrata a fare leggi che paralizzano ancora più l’operatività di un comparto, che fino ad oggi è andato avanti grazie soprattutto al sacrificio e buonsenso di ogni singolo uomo e donna in divisa, anziché investire concretamente in esso, sia in termini economici che giuridici, al fine di garantire il più possibile ogni singolo operatore e dare un servizio capillare ai cittadini”. Continua Bianchi: “Sul tema scottante dell’immigrazione crediamo che anche l’amministrazione locale, che ormai è da un mese che si è insediata, debba dare un segnale concreto e non solo spot. Oggi alla Spezia, come in altre realtà, questi cittadini che sono in attesa di chiarire la propria posizione sul suolo nazionale (che dai dati in nostro possesso, le accettazioni sono un numero irrisorio rispetto alle domande presentate) sono sparpagliati su tutto il territorio; il problema è che non sono collocati solo in centri predisposti all’accoglienza, ma anche in singole abitazioni all’interno di un classico contesto urbano, dove vivono anche famiglie".

"Questa politica ha portato di fatto oggi ad un difficile gestione di questi cittadini rendendo quasi impossibile il loro controllo con la possibilità sempre più alta che in futuro possano ripetersi fatti come quello accaduto lungo l’autostrada Torino-Bardonecchia dove un immigrato percorreva quel tratto autostradale in bicicletta, non per follia ma per mancanze di conoscenze basiche sulle regole del nostro paese. Capiamo che questa giunta si sia ritrovata questa situazione come “eredità” di quella precedente, ma non si può piangere sul latte versato tanto a lungo".

Conclude il segretario: "Oggi più che mai, per una maggiore sicurezza dei cittadini, occorre che queste persone siano messe in centri idonei alla ricezione che siano soprattutto controllabili dagli addetti ai lavori e non continuare ad adottare il criterio fino ad oggi utilizzato perché, così facendo, purtroppo si rendono queste persone vulnerabili al facile richiamo della criminalità, rendendoli così innumerevoli potenziali focolai e sacche di illegalità. La Spezia potrebbe avere la grande occasione di diventare un esempio sulla gestione dell’immigrazione indicando, con un piano ragionato, credibile e sostenibile, a tutte le altre realtà italiane la giusta via su come gestire al meglio il fenomeno immigrazione che, fino ad ora, tanto ben gestito non lo è assolutamente stato, scaricando tutti i suoi nefasti problemi sulle spalle delle forze dell’ordine .”

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure