Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 23 Agosto - ore 13.26

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Furbetto" allo scritto della patente, denunciato per truffa ai danni dello Stato

Guai per un 30enne indiano pizzicato dalla Polizia stradale durante un controllo.

`Furbetto` allo scritto della patente, denunciato per truffa ai danni dello Stato

La Spezia - Le risposte arrivavano sul cellulare e da un auricolare. Con questo sistema pensava di passare il test di guida. Ma è stato pizzicato dalla Polizia stradale nonostante sembrasse insospettabile, o almeno fino ad un certo punto della sessione di esami teorici per il conseguimento della patente di categoria B, quando un cittadino indiano di 30 anni, regolarmente soggiornante in Italia a San Felice sul Panaro munito di carta d’identità e permesso di soggiorno per lavoro subordinato nel settore siderurgico.
Nel corso del test l'uomo ha attirato l’attenzione degli uomini della Sezione Polizia Stradale della Spezia – Squadra di Polizia Giudiziaria – che, di concerto con la Direzione dell’Ufficio Motorizzazione Civile della Spezia, nel pomeriggio di martedì 1° agosto hanno attivato un servizio di osservazione atto alla repressione dei fenomeni legati alla sostituzione di persona, ovvero all’impiego di tecnologie per il suggerimento delle risposte da remoto, durante gli esami teorici per il conseguimento e/o la revisione della patente di guida. Forse la troppa rapidità o la troppa decisione nel rispondere positivamente a tutte e quaranta, tante sono le domande proposte dal sistema video a risposta multipla del Ministero delle infrastrutture e trasporti, hanno “tradito” il giovane indiano che, al termine della prova, è stato immediatamente bloccato dal personale della Polizia di Stato.
La perquisizione personale ha quindi sciolto l’arcano e dato piena spiegazione al 40 su 40 di risposte esatte. L’uomo, infatti, recava in un orecchio un piccolo quanto efficace auricolare oltre ad un dispositivo collegato ad un cellulare attraverso il quale da remoto gli venivano suggerite le risposte esatte. Ora il 30enne che per il conseguimento della patente di guida farà bene ad evitare scorciatoie ed iscriversi ad un regolare corso teorico/pratico, dovrà rispondere innanzi all’Autorità Giudiziaria di truffa ai danni dello Stato e per aver tratto in inganno, durante la sessione di esami, gli esaminatori della Motorizzazione Civile. Quella di martedì 1° agosto non è che l’ennesima di una lunga serie di operazioni portate a compimento dalla Polizia Stradale spezzina guidata dal vice questore aggiunto Elena Natale in questo specifico e particolare settore di intervento della Specialità Polizia Stradale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure