Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 15 Dicembre - ore 21.20

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Cinquemila interventi in un anno, vicini alla gente"

Il discorso del Comandante dei Vigili del Fuoco della Spezia Leonardo Bruni in occasione di Santa Barbara.

"Cinquemila interventi in un anno, vicini alla gente"

La Spezia - La ricorrenza di Santa Barbara, con l’approssimarsi della fine dell’anno, e’ tradizionalmente l’occasione per valutare quanto e’ stato fatto e per fissare gli obiettivi per il futuro.  
Passando sinteticamente ai numeri del soccorso per il 2019, si stima a fine anno l’effettuazione di circa 5mila interventi di soccorso tecnico urgente (piu’ di 13 al giorno), circa un 10% in meno rispetto al 2018, considerato che il nostro territorio nel corso del 2019 non ha avuto per fortuna gravi e prolungate emergenze. Il dato annuale e’ comunque particolarmente significativo e dimostra come la provincia della spezia si caratterizzi ancora tra le piu’ impegnative d’italia. in effetti confrontando il dato della spezia con il numero di interventi medio nazionale per abitante o per superficie di territorio evidenziamo valori di gran lunga superiori anche piu’ del 50% rispetto al dato medio nazionale.
Il 69% degli interventi sono stati effettuati dalla sede centrale della Spezia con il distaccamento porto ed il Nucleo sommozzatori, il 21% dal distaccamento di Sarzana (piu’ di 1.000 interventi), il 10% dal distaccamento di Brugnato con il distaccamento volontario di Levanto. 
Analizzando per tipologia i soccorsi del 2019, si fa notare in particolare il dato relativo al dissesto idrogeologico, peculiare del nostro territorio, e quindi frane, dissesti statici e danni d’acqua (circa il 15% del totale); poi la maggior parte degli interventi (circa il 40%) e’ indirizzata al soccorso alla persona ed al soccorso urbano al cittadino in difficolta’ o in pericolo nelle piu’ svariate situazioni. per tali interventi fondamentale e’ la collaborazione con tutte le forze dell’ordine ed il 118 con cui operiamo qui alla spezia con una non comune consolidata sinergia.
Si conferma invece un dato relativamente basso per incendi (circa il 13% del totale) e anche quest’anno, per le particolari condizioni meteo ma anche per le buone attività’ di prevenzione e dissuasione, non sono stati molti gli incendi boschivi, comunque risolti con il coordinamento del personale vigili del fuoco dos (direttori operazioni di spegnimento), con rinnovata intesa con i volontari aib e di protezione civile.
In riduzione anche gli incendi nelle attività’ industriali ed imprenditoriali in genere, a testimonianza anche dell’applicazione delle norme e dell’incisiva azione del comando in materia di sicurezza e prevenzione incendi.
Tra le operazioni piu’ difficili e significative del 2019 voglio ricordare la recente emergenza meteo del 3 e 4 novembre che ha colpito l’alta val di vara con importanti danni per frane ed allagamenti. 
Ma molto importante e’ stato altresi’ l’impegno dei vigili del fuoco della spezia per la recentissima emergenza alluvionale che ha ancora colpito il territorio ligure e particolarmente savona nei giorni 23 e 24 novembre anche con il crollo del viadotto sulla autostrada a6, con l'intervento gia' nelle prime fasi di soccorso da parte delle sezioni operative di colonna mobile del nostro comando. Il nostro personale ha potuto mettere a disposizione dei colleghi della Liguria il proprio dispositivo di soccorso e le proprie specialità’ oltre che le attrezzature che proprio nel corso di quest’anno il comando della spezia e’ riuscito ad acquisire quali un nuovo potente mezzo movimento terra con attrezzatura di demolizione ed una nuova sperimentale imbarcazione per soccorso alluvionale, progettata e realizzata dai nostri tecnici, denominata proprio “modello spezia”.
Evidenzio anche nel corso del 2019 le ripetute e complesse operazioni di ricerca e salvataggio di persone in zone impervie, spesso lungo i sentieri delle 5 terre o nelle aree boschive dell’alta val di vara, con impiego anche di tecnologie di geolocalizzazione e topografia applicata al soccorso oltre al supporto dell’elicottero drago del Nucleo Vigili del Fuoco regionale. In tali interventi desidero sottolineare i settori di eccellenza del comando, in particolare con l’impegno delle squadre speciali di soccorso esperte in tecniche speleo alpino fluviali (i cosiddetti saf) ma anche l’impiego delle nuove tecniche di supporto all'attività’ operativa con l’utilizzo dei droni per le attivita’ di ricognizione e ricerca, con personale del nostro comando appositamente addestrato ed abilitato a tali operazioni.
Rilevante nel corso di quest’anno e’ stata anche l'attività’ nel settore tecnico della prevenzione incendi, in costante rinnovamento normativo. L’ufficio prevenzione incendi del comando della spezia ha elaborato oltre 800 procedimenti tra valutazioni di progetti, sopralluoghi di verifica, controlli, in attivita’ civili e luoghi di lavoro, e oltre 120 operazioni di polizia giudiziaria sotto il coordinamento del procuratore della Repubblica.
Voglio sottolineare fra gli altri compiti istituzionali anche l’importante attività’ di formazione per la sicurezza svolta dal comando nei luoghi di lavoro ai sensi del d.l. 81/08 (effettuati 22 corsi per la gestione dele emergenze ai lavoratori di enti ed aziende con il rilascio di 400 attestati di idoneità’), ed anche i numerosi servizi di vigilanza nei locali di pubblico spettacolo, le iniziative per la diffusione della cultura della sicurezza nelle scuole e di formazione tecnica per i professionisti che operano nel campo della prevenzione incendi.  
Molto intensa anche l'attività formativa interna e la costante indispensabile attivita’ addestrativa del personale operativo, fondamentale per l’efficacia del soccorso ma anche per la sicurezza del personale dei Vigili del Fuoco. in particolare il comando ha lavorato come polo didattico nazionale per l’antincendio navale con l’impiego del simulatore installato presso questa sede ed unico per l’italia settentrionale, formando colleghi vigili del fuoco provenienti dalla toscana, dall’Emilia Romagna, dalle marche, dalla lombardia, dalla liguria ma anche dall’estero, croazia e slovenia, nell’ambito del progetto transfrontaliero “namirg”. a riguardo di tale impianto con l’annesso percorso addestrativo confinato, desidero ringraziare vivamente lo studio progetec della spezia rappresentato oggi dall’ing. Cananzi e dal geom. Tonelli per il supporto ingeneristico di progettazione strutturale. 
Voglio infine ricordare che l’anno scorso avevamo indicato, tra gli obiettivi per il 2019, l’impegno allo sviluppo di nuove sinergie ed intese con enti e strutture del territorio per ogni auspicabile potenziamento dei servizi di soccorso.  e proprio in tale ambito nel corso del 2019 sono stati raggiunti importanti e concreti risultati che vado sinteticamente ad elencare gli accordi in piu’ convenzioni con la regione liguria:  per il potenziamento del dispositivo di soccorso in occasione di situazioni di allerta meteo, per la partecipazione attiva alla lotta antincendio boschiva, - per l’elisoccorso integrato con il 118 con aerosoccorritori e sommozzatori dei Vigili del Fuoco anche del Comando della Spezia; poi, per la prima volta, la stipula di una convenzione con il comune di lerici per l’organizzazione di un presidio di soccorso acquatico estivo con personale vf specializzato e l’impiego di moto d’acqua.
Quindi, il rinnovo dell’importante convenzione con il parco delle Cinque Terre per l’istituzione di un presidio estivo di soccorso tecnico urgente con sede a Soviore; Il nuovo accordo con il comune di portovenere per la dislocazione sull’isola palmaria di un automezzo per l’antincendio boschivo e con il parco delle 5 terre per la dislocazione di riserve idriche antincendio sul territorio, le intese con la Marina militare per interventi di messa in sicurezza sull’isola del Tino; le attività di studio e le intese con la capitaneria di porto per il miglior coordinamento del soccorso antincendio in mare, anche con lo svolgimento di apposite esercitazioni operative, nonché per la definizione di importanti provvedimenti per la sicurezza portuale quale ad esempio l’ordinanza per la regolamentazione del transito e sosta di navi alimentate a gnl; gli accordi con il corpo nazionale del soccorso alpino per il miglior reciproco allertamento e collaborazione nelle operazioni di ricerca e soccorso in zone impervie, lo sviluppo di intese con la stazione elicotteri della marina militare Maristaeli di luni per ipotesi di collaborazione operativa, la collaborazione con la base dell’aeronautica militare di Cadimare quale supporto logistico per la formazione del personale vigile del fuoco nel settore acquatico, le attivita’ di pianificazione e le esercitazioni congiunte con 118, polizia stradale e salt per il soccorso autostradale, gli approfondimenti tecnici ed anche le attività esercitative con importanti aziende del territorio quali la Snam - gnl italia di Panigaglia di Porto Venere, l’Arcola petrolifera, La Spezia container terminal.
Voglio esprimere quindi un grande ringraziamento ai dirigenti, comandanti e sindaci di tutti gli enti e le strutture che ho ricordato e che con noi hanno voluto condividere tali importanti iniziative comunque rivolte al soccorso e alla sicurezza dei cittadini. Tutto cio’ e’ stato possibile anche grazie alla costante e determinante regia del prefetto, dott. Antonio Lucio Garufi, che ha saputo creare forti legami tra gli enti e le strutture del territorio non solo professionali ma soprattutto di sincera e concreta collaborazione.
L’analisi di questi dati evidenzia un’importante crescita generale e costituisce per noi ulteriore stimolo per il continuo miglioramento della risposta operativa e per affrontare gli obiettivi che ci proponiamo per il 2020. tra questi cito, l’auspicabile potenziamento della convenzione con il parco delle 5 terre per il servizio integrativo antincendio estivo ed il soccorso sui sentieri, la proposizione di nuove convenzioni per la costituzione di presidi di soccorso acquatico in coordinamento con la capitaneria, il potenziamento dell’organico del distaccamento volontario di Levanto e soprattutto la realizzazione della nuova sede del distaccamento porto in calata Malaspina, il cui progetto esecutivo e’ stato definito con l'Autorità portuale della Spezia ed approvato dal provveditorato opere pubbliche.
A conclusione del bilancio del lavoro svolto nel corso del 2019 consentitemi quindi un doveroso riconoscimento a tutti i Vigili del Fuoco della Spezia, che non hanno mai fatto mancare entusiasmo, generosità e dedizione al servizio. Un commosso pensiero ai Vigili del Fuoco caduti per servizio con il ricordo dei  colleghi Antonio, Matteo e Marco del Comando di Alessandria che solo un mese fa sono deceduti in servizio a causa di una esplosione tanto devastante quanto assurda ed imprevedibile.  

Il comandante provinciale
Leonardo Bruni

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































Dove acquisterai prevalentemente i tuoi regali di Natale?












Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News