Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 27 Settembre - ore 14.07

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Virus e voto, due metri di distanza al "giù la maschera"

Roma scrive alle prefetture dettando regole e suggerimenti. Mascherina obbligatoria, igienizzazione frequente, guanti consigliati per lo spoglio.

Aree di attesa

La Spezia - Spezzini e liguri al voto il 20 e 21 settembre per rinnovare il consiglio regionale e i consigli comunali per i quali suona la campana. Il tutto con regole e accorgimenti, giocoforza, diversi, vista la necessità di non dare margini di manovra al coronavirus. Le regole, comunicate congiuntamente alle prefetture dai ministeri dell'Interno e della Salute, toccano vari aspetti del processo di voto. C'è il punto dell'allestimento del seggio: “occorre innanzitutto, compatibilmente con le caratteristiche strutturali degli edifici adibiti a seggio elettorale, prevedere percorsi dedicati distinti di ingresso ed uscita, chiaramente identificati con opportuna segnaletica, in modo da prevenire il rischio di interferenza tra i flussi”, si legge.
Necessario inoltre “evitare assembramenti nei seggi elettorali, prevedendo il contingentamento degli accessi nell'edificio, ed eventualmente creando apposite aree di attesa all'esterno dell'edificio stesso. I locali destinati al seggio devono prevedere un ambiente sufficientemente ampio per consentire il distanziamento non inferiore a un metro sia tra i componenti del seggio che tra questi ultimi e l'elettore”, e per i seggi con più sezioni “si ribadisce l'opportunità di prevedere aree di attesa all'esterno”.

Non solo: dovrà essere garantita altresì la distanza di due metri al momento dell'identificazione dell'elettore, quando questi sarà chiamato ad abbassare la mascherina per il breve lasso di tempo necessario, documenti alla mano, all'identificazione. Le indicazioni ministeriali spiegano che può essere prevista segnaletica orizzontale per agevolare il rispetto delle distanze. E ancora: i locali devono essere dotati di finestre e bisogna far cambiar l'aria con regolarità e il numero e la disposizione delle cabine deve essere scelto tenendo attentamente conto dello spazio a disposizione. Obbligatorie operazioni di pulizia approfondita dei locali, in linea con le direttive ministeriali, sia prima dell'insediamento del seggio, sia al termine di ciascuna delle giornate elettorali. Inoltre “nel corso delle operazioni di voto occorre che siano anche previste periodiche operazioni di pulizia dei locali e disinfezioni delle superfici di contatto ivi compresi tavoli, cabine elettorali e servizi igienici”. D'obbligo, poi, mettere a disposizione gli igienizzanti.

È inoltre “rimessa alla responsabilità di ciascun elettore” il rispetto delle seguenti e basilari regole di prevenzione: non uscire di casa, né quindi recarsi al seggio, in caso di sintomatologia respiratoria o temperatura superiore ai 37.5°; non essere stati in quarantena né a contatti con positivi nei 14 giorni precedenti. Non sarà misurata la temperatura agli ingressi. L'elettore, che, al pari di tutti gli altri presenti nel seggio, dovrà indossare la mascherina, sarà tenuto altresì a igienizzare le mani al momento dell'ingresso nel seggio e, nuovamente, prima di ricevere ma matita, con il consiglio di dare una passata di gel anche a voto inanellato. E se per tutti è obbligatoria, come detto, la mascherina, per i componenti del seggio si specifica che occorre quella chirurgica. Devono inoltre mantenere la corretta distanza dai colleghi e igienizzare spesso le mani. “L'uso dei guanti – così dai ministeri – è consigliato solo per le operazioni di spoglio delle schede, mentre non appare necessario durante la gestione delle altre fasi del procedimento”. Ma il presidente del seggio dovrà indossare i guanti al momento dell'inserimento della scheda nell'urna.

Si ricorda infine che da oggi, 11 agosto, e fino al 31 agosto prossimo, è consentita la presentazione delle domande per l'esercizio del diritto di voto presso il proprio domicilio da parte degli elettori affetti da infermità che rendano impossibile l'allontanamento dall'abitazione. La domanda dovrà essere corredata dalla copia della tessera elettorale, dalla copia di un documento di riconoscimento e dalla prescritta documentazione sanitaria rilasciata dal funzionario medico designato dalla Asl di competenza. il rilascio del certificato medico avviene previo appuntamento telefonico, da richiedere presso le sedi distrettuali di:
La Spezia, via Fiume 137, tel 0187 534551, e-mail igiene@asl5.liguria.it;
Sarzana, via Paci 1 Casa della Salute tel 0187 604236, fax 0187 5351056;
Levanto, Ospedale S. Nicolò Via N.S.della Guardia, ambulatorio ISP;
Ceparana, piazza 4 Novembre 34.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






FOTOGALLERY




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News