Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 20 Giugno - ore 10.04

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Una camminata sul Monte Parodi alla riscoperta del megalite di Tramonti

Una visita al misterioso "Masso della croce" verranno ricordati gli studi e le ricerche di campo effettuate sul masso e sulle altre testimonianze.

Una camminata sul Monte Parodi alla riscoperta del megalite di Tramonti

La Spezia - Venerdì 21 giugno Il CAI della Spezia, in collaborazione con Museo Civico Etnografico “Giovanni Podenzana” e Assofitram, organizza una camminata sul Monte Parodi alla riscoperta del megalite di Tramonti, masso scoperto da Ubaldo Mazzini nel 1922 e indagato a più riprese nei decenni successivi da studiosi e appassionati della materia.
L’iniziativa, ideata e coordinata dal consigliere Marco Tarabugi, vuole fare il punto della situazione degli studi sul megalitismo sulle alture spezzine e diffonderne la conoscenza.

Il cosiddetto Masso della Croce sorge in uno slargo lungo l’antica mulattiera del sentiero di crinale che da Porto Venere conduce a Levanto passando attraverso la costiera di Tramonti e le Cinque Terre. È alto circa 250 cm. Presenta segni di sbozzature e sagomatura. Sulla sommità, in tempi lontani (ma storici) venne infissa una croce latina di ferro forgiato a sezione tonda con punte a freccia, particolarità che è valsa a fissare il toponimo della località che a memoria degli abitanti del posto si ricorda con il nome “La Croce” o “La Crocetta”. Davanti alla grande pietra, in uno spiazzo dove da sempre si fermavano a riposare i vignaioli durante la vendemmia, si trova un muro a secco dalla forma a gradoni, detto appunto “La posa” perché probabilmente serviva come appoggio per scaricare dalle spalle le gerle piene d’uva. Il muro è stato in parte smontato in epoca recente (anni 70/80) e molte pietre asportate. (testo di Rossana Piccioli)

Durante la camminata verranno ricordati gli studi e le ricerche di campo effettuate sul masso e sulle altre testimonianze (Lapis Terminalis e Menhir di Monte Capri) che costellano la zona, che avrebbero ancora bisogno di essere indagate per chiarirne datazione, erezione e significato, poiché ancora troppo avvolte nel mistero e oggetto di fantasiose denominazioni (Menhir del Diavolo), frutto di invenzioni giornalistiche prive di fondamento che hanno attecchito nell’immaginario delle persone ma che non hanno nessuna relazione con la tradizione o la memoria orale. Tali fuorvianti indicazioni hanno portato, negli anni passati, ad atti vandalici manomettendo il sito ed il masso stesso da cui, per la seconda volta, è stata strappata la croce che il Museo Civico aveva fatto reinserire alla fine degli anni Ottanta.



Programma:



- ore 18.30 partenza da Piazza d’Armi, La Spezia, con bus d’epoca Assofitram (max 40 posti) o auto propria

- ore 18.45 arrivo a Biassa (via Fabio Filzi)

- inizio dell’escursione della durata di circa 3 ore

- ore 23.00 rientro in città



Costi:

- 15 euro a persona (non soci CAI)

- 10 euro a persona (soci CAI)

Il costo include ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA e spuntino. Abbigliamento necessario: scarpe da trekking, luce, torcia o lampada frontale, felpa. Difficoltà E (escursionismo). Bambini a partire da 6 anni (accompagnati dai genitori). Per prenotare telefonare a Alessandro Bacchioni (347 1634537) o Gianmatteo Ferretti (3382366336).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































La Piazza Sospesa sorgerà tra Via Diaz e il lungomare: vi piace il progetto?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News