Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 21 Gennaio - ore 21.28

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Un software per velocizzare le pratiche e il nuovo forno crematorio

Presentate stamane le linee della riorganizzazione dei servizi cimiteriali del Comune: una regia condivisa con le agenzie e Spezia Risorse per rendere più efficace la macchina complessiva.

Un software per velocizzare le pratiche e il nuovo forno crematorio

La Spezia - La gestione dei nove cimiteri del Comune della Spezia finiscono "sotto lo stesso tetto" grazie ad un software che permette una completa riorganizzazione dei servizi. Un vera e propria rivoluzione pensata non soltanto con l'intento di rendere più efficiente l’organizzazione del lavoro, ma anche per potenziare i servizi e aumentare la trasparenza nella gestione dei servizi cimiteriali. Piazza Europa parte innanzitutto da una partnership più forte con Spezia Risorse e le agenzie funebri operanti sul territorio per una migliore e più integrata gestione delle pratiche.
Uno sportello unico che permetta di pagare più facilmente attraverso l'attivazione dell'agenda elettronica che costituirà l'intercapedine della banca dati generale nell'ottica di un miglioramento della programmazione e il controllo della gestione. Gran parte del processo sarà gestito dalle agenzie di onoranze funebri che vorranno accreditarsi: il programma permette di tracciare ogni pagamento, perseguendo la trasparenza dei costi. "Oggi quando muore una persona cara siamo costretti ad espletare le burocrazie passando da un ufficio all'altro - spiega l'assessore ai servizi cimiteriali Corrado Mori -. Con questo sistema permettiamo al cittadino di fare tutto con l'agenzia delle pompe funebri accreditata e quindi collegata al date-base messo a disposizione. Qui si può sapere tutto, subito e senza rischiare sorprese: modalità, prezzi, giorno ed orario". In parole povere il cittadino di fronte all'agenzia potrà scegliere il loculo o l'ossario in cui tumulare il familiare, prenotare il funerale individuando data ed orario, prenotare eventuali servizi accessori e soprattutto effettuare i pagamenti verso il Comune e l'agenzia con il sistema Pagopa, oltre ai sistemi tradizionali di pagamento. Il cittadino potrà accedere al servizio e, a seguito di autenticazione troverà la propria posizione debitoria r iguardante i servizi attivi. Un percorso di pochi click che porterà al pagamento e alla ricevuta telematica, il documento di attestazione dell'avvenuto pagamento.

Un nuovo forno crematorio. Fin qui le migliorie che in parte sono già operative. Ma il Comune progetta anche il potenziamento dei servizi presso il cimitero dei Boschetti: da una sala di commiato, oggi non esistente, ad un punto ristoro e al parcheggio di pertinenza. E poi il progetto di acquistare un servizio fondamentale come il nuovo impianto di cremazione: "La Smart città si allarga anche al tema dei servizi cimiteriali che vogliamo rivoluzionare nell'ottica di una semplificazione. I dati raccontano che si ricorre sempre di più alla cremazione, spesso per motivi di natura economica. Ecco perché l'amministrazione ha elaborato un progetto per nuovo impianto da costruire con un project financing: un nuovo forno fra acquisto e messa in opera arriva a costare 1,2 mln euro. Chi vincerà la gara, lo gestirà, tenendo conto che il forno potrà servire anche altre città. A Massa è stato chiuso, rimangono solo Livorno e Genova. E le tariffe possono abbassarsi". I numeri chiariscono che effettivamente le cremazioni sono la modalità più richiesta (nel 2015 il 51%), seguite dalle inumazioni (al 25%). L'area individuata c'è già ed è attigua all'attuale ingresso.

Quando si parte? Il progetto è già stato votato in giunta e, per quel che concerne la nuova gestione collettiva, l'operatività sarà totale da marzo, mentre l'agenda elettronica è già attiva ed utilizzabile. Discorso diverso per quel che concerne il forno che sarà costruito: è previsto innanzitutto uno studio fattibilità che anticipa il progetto fattibilità su cui si baserà la gara. I tempi? "Nel 2018 speriamo diventi funzionante" - spiega l'ingegner Claudio Cannetti. Il project premierà l'utilizzo di sistemi di risparmio energetico, con produzione di energia da pannelli solari, cogenerazione per energia caldo-freddo e miglioramento nella gestione dei rifiuti. E per saperne di più basta cliccare qui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Come ci facciamo seppellire? Archivio


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure