Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Gennaio - ore 09.33

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Turni massacranti, vigilantes in piazza per il rinnovo del contratto

Lavoratori e sigle sindacali di categoria sotto la prefettura per stimolare la revisione nazionale delle tutele, della sicurezza e delle condizioni di lavoro.

Il presidio
Turni massacranti, vigilantes in piazza per il rinnovo del contratto

La Spezia - Ritocco salariale, rispetto delle tutele in termini di turni e orari e maggiore sicurezza. Sono queste, in estrema sintesi, le richieste dei lavoratori del mondo della vigilanza che attendono da cinque anni il rinnovo del contratto collettivo nazionale, aggiornato l'ultima volta nel 2013.
"Occorrono aumenti salariali e ripristino delle tutele, soprattutto in occasione dei cambi di appalto, quando è elevato il rischio che qualcuno resti in mezzo a strada", affermano Luca Comiti, Filcams Cgil, Mirko Talamone, Fisascat Cisl, e Marco Callegari, Uiltucs, presenti questa mattina insieme ai delegati sindacali e a una rappresentanza di metronotte e vigilantes sotto la prefettura.
"Le associazioni datoriali sono divise tra loro - proseguono - mentre tra le sigle c'è intesa. Abbiamo scritto al ministero del Lavoro e al ministero degli Interni per avere un adeguamento contratto e per poter garantire maggiore sicurezza a chi svolge un lavoro tanto delicato".

"Subiamo condizioni di lavoro pesanti - proseguono i delegati Alessandro Rossi, Marco Balbo e Piero Sagramoni per la Filcams Cigl, Mauro Pasquinelli e Gabriele Rossi per la Fisascat Cisl, e Davide Dimichino e Luciano Nacci per la Uiltucs - con turni che vanno dalle 12 alle 14 ore. Effettuiamo servizi di sicurezza sussidiaria negli aeroporti, nei porti, nelle stazioni ferroviarie. Siamo presenti nelle aree sensibili dove lo Stato ha deciso di non essere più presente per assicurare condizioni di sicurezza ai cittadini. Effettuiamo esami e conseguiamo certificazioni che poi non vengono riconosciute".
Con l'arrivo della pandemia il lavoro è aumentato e le mansioni sono cambiate: gli addetti alla vigilanza ora sono il primo filtro per chi si reca in enti pubblici e supermercati, ma sono stati richiesti anche su spiagge e nelle strade dello shopping. Gli unici settori nei quali il lavoro è calato drasticamente sono quelli legati alle crociere e al trasporto valori, influenzato dalla contrazione dei consumi.

I vigilantes, che alla Spezia sono 400 e lavorano per diverse aziende, sottolineano che il turno "smontante notte" non esiste, a differenza di quanto accade per gli agenti di Polizia e per i Carabinieri. "Possiamo essere richiamati in servizio dopo 11 ore dalla fine del turno notturno e per un massimo di volte che oscilla da 48 a 76 ci può essere chiesto di riprendere il lavoro dopo sole 9 ore. E' una eventualità che capita piuttosto di frequente e talvolta non viene rispettato nemmeno il limite minimo di 9 ore.

A complicare il quadro c'è il fatto che alcuni sindacati autonomi hanno firmato il rinnovo del contratto. "Così si crea dumping contrattuale perché le imprese, soprattutto se non sono iscritte ad Assovigilanza, utilizzeranno quello che è più favorevole per loro", continuano i segretari Comiti, Talamone e Callegari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News