Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 25 Maggio - ore 22.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Sindacati Atc: "Piano industriale in tempi brevi, per ridurre rischio guasti"

Solamente a settembre è previsto l'arrivo di 13 nuovi mezzi, che saranno seguiti da altri 6 di piccole dimensioni entro la fine del 2019. Ma è necessario l'ok della Provincia e nel frattempo dovrà essere fatta una campagna di manutenzioni.

Emergenza mezzi in Atc

La Spezia - La prontezza della donna che era alla guida e del collega che seguiva con un altro mezzo e che l'ha avvisata suonando il clacson non appena ha notato il fumo che usciva dal vano motore hanno evitato che qualcuno rimanesse ferito nell'incendio che l'altro ieri pomeriggio ha fagocitato un autobus Atc in Viale San Bartolomeo. Un Mercedes di circa 13 anni, tra gli ultimi entrati in servizio per le autolinee spezzine, che "vantano" anche bus vicini alla soglia dei vent'anni.
Un fatto, quello della vetustà del parco mezzi, che i sindacati lamentano da tempo e che, soprattutto con il cambio al vertice dell'azienda di un anno fa, è stato messo nel mirino del presidente Gianfranco Bianchi e dell'amministratore delegato Francesco Masinelli. Il problema, però, è ancora lì, da risolvere: il piano industriale presentato nelle scorse settimane alla Provincia e ai sindacati prevede l'acquisto di mezzi nuovi nei prossimi mesi, ma i fatti dimostrano che la situazione ha carattere di urgenza.

"Bisogna mettere a disposizione risorse per acquistare i pezzi di ricambio - afferma Giuseppe Ponzanelli, segretario di Uiltrasporti -. Se il sindacato si deve rivolgere alla Asl per far sì che gli autisti siano nelle condizioni di lavorare in maniera idonea e solo dopo i controlli vengono acquistati in fretta e furia nuovi seggiolini, significa che siamo davvero alla frutta. In officina i meccanici stanno facendo i salti mortali per consentire ai mezzi di viaggiare: se l'azienda non cambia rotta sarà sempre peggio. Più sono datati gli autobus e più hanno bisogno di manutenzione, è un fatto logico. E invece manca tutto. E più mancano i mezzi e più si mandano in strada autobus in cattive condizioni: è un circolo vizioso che dobbiamo interrompere al più presto".
"Da tempo c'è la percezione di una situazione di difficoltà, soprattutto per i mezzi da 12 metri. Si diradano le lavorazioni - aggiunge Alessandro Negro, segretario di Filt Cgil - e si posticipano le manutenzioni e questo rischia di creare ulteriori problemi. L'azienda ci ha detto che lo stesso problema non si potrà ripetere su altre vetture simili, perché le cause sono già state risolte, però un incendio come quello dell'altro giorno a ridosso dell'estate ci preoccupa molto. A questo si lega il tema del piano industriale: la Provincia non ci ha ancora ricevuto, ma occorrono tempi di risposta rapidi, anche da parte del Comune, per poter iniziare celermente il rinnovo del parco mezzi. Stare nel limbo in attesa delle decisioni crea un blocco al piano degli acquisti".
Per la Fit Cisl parlano il segretario provinciale Marco Moretti e il coordinatore Fausto Bruni, esprimendo forte preoccupazione per quanto accaduto: "Si tratta di un fatto molto grave che fortunatamente non ha determinato conseguenze né per i dipendenti dell’azienda né per i viaggiatori e utenti dell’azienda Atc della Spezia. Per questo auspichiamo una celere attuazione del piano industriale dell’azienda presentato peraltro dalla stessa Atc alcuni giorni fa". Concludono Moretti e Bruni: "Il piano industriale prevede l’acquisto di un numero cospicuo di nuovi mezzi a partire proprio dall’anno in corso fino ad arrivare nel tempo a 194 mezzi nuovi. Non solo: attenzione massima deve essere osservata per le esigenze del settore manutenzione dei mezzi stessi".
Rincara la dose Luca Simoni, segretario Cobas: "Quel modello ha avuto problematiche simili a Roma e a Brescia, e sembra che su quella vettura fosse stato già segnalato odore di gasolio, e parliamo di mezzi che hanno in gran parte superato il milione di chilometri... Ma viaggiava ugualmente, anche perché siamo in emergenza continua. In officina mancano i meccanici e gli investimenti. Ci sentiamo abbandonati, e con noi anche gli utenti che su alcune linee quando piove devono coprire i seggiolini con borse di plastica, per non bagnarsi".
Secondo Mario Bonafiglia, segretario Faisa Cisal, "in attesa dell'approvazione del piano industriale e quindi del possibile arrivo di 13 nuovi mezzi a settembre e altri 6 entro l fine dell'anno, bisogna assolutamente muoversi per riattivare il tavolo interno delle commissioni tecniche per affrontare i diversi argomenti svolgendo riunioni specifiche: sulla manutenzione, sulla Napoleonica, sulle problematiche del magazzino, sui turni... in modo da non essere dispersivi e potersi confrontare con il personale tecnico dell'azienda e riuscire così ad affrontare al meglio i problemi".
Paolo Carrodano conclude ricordando quanto sia importante approvare il piano industriale in tempi brevi, per consentire ad Atc di contenere il periodo di sopravvivenza dell'attuale parco mezzi, da sottoporre a una campagna manutentiva importante. "Il 17 maggio l'azienda si presenterà davanti alla commissione consiliare e il 22 sarà il nostro turno. Nel frattempo ribadiamo la necessità che la Provincia accetti di incontrarci per illustrarci la sua posizione. La situazione è critica, non possiamo andare avanti così: quella dell'altro giorno è stata una giornata difficilissima, con un mezzo che si è fermato lungo la Napoleonica, altri in città e infine l'incendio. Quando ci saranno anche i climatizzatori accesi, sulle vetture in cui funzionano, i rischi di guasti saranno ancora superiori".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News