Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 18 Agosto - ore 13.55

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Siccità, la Spezia regge ma serve la pioggia. La dispersione il problema

A fare il punto della situazione è Gianpiero Brozzo di Acam acque e responsabile delle risorse idriche: "Solo alcune frazioni della Val di Vara stanno utilizzando le autobotti. Se permarrà questa siccità potremmo avere problemi nello Spezzino".

Siccità, la Spezia regge ma serve la pioggia. La dispersione il problema

La Spezia - Al Passo dello Stelvio si può tirare un sospiro di sollievo è arrivata la neve a rinvigorire i ghiacciai. Nel resto d'Italia ormai secca e con le risorse idriche al lumicino invece rimane alto l'allarme siccità. Anche alla Spezia non piove abbondantemente da settimane e al massimo qualche nuvola grigia e poche gocce illudono quanti vorrebbero un po' di refrigerio sia per le colture che per il proprio benessere.

Alla Spezia la situazione è regolare grazie alle risorse idriche sotterranee Caldo e appiccicaticcio è la sensazione più comune tra gli spezzini, alcuni dei quali passano la notte insonne proprio per la cappa di umidità. Superato il disagio fisico, c'è da chiedersi se anche la Spezia rientra in quelle città italiane strette nella morsa del caldo e che dovranno ricorrere alle cisterne o, ancor peggio, alla razionalizzazione dell'acqua. A rispondere a questa domanda è Gianpiero Brozzo di Acam acque e responsabile delle risorse idriche che spiega: "La realtà spezzina rispetto al panorama nazionale è molto diversa. I problemi maggiori infatti si riscontrano nelle aree dove mancano le risorse idriche superficiali che si alimentano con laghi artificiali o con i fiumi. Il loro tempo di decadimento è maggiore rispetto alle acque sotterranee, caratteristica invece della nostra provincia".
Frazioni della Val di Vara "a secco" alimentate dalle autobotti. Bene in Val di Magra grazie al canale lunense. Non tutte le risorse sono eterne. "La Spezia - prosegue Brozzo - è alimentata da queste risorse e abbiamo dunque un tempo di decadimento della portata delle acque più lungo. In questo momento la situazione è sotto controllo, anche se ci sono segnali di allarme in Val di Vara dove le risorse idriche rappresentate dalle sorgenti che hanno un esaurimento veloce. Alcune di queste frazioni vengono alimentate con le autobotti. E' chiaro che se la situazione delle piogge non cambia è possibile che entro qualche settimana potremmo riscontrare dei problemi anche qui. Al momento anche in Val di Magra non bisogna temere per l'agricoltura, perchè il Canale lunense rimane un'ottima risorsa".
La dispersione delle acque. Un problema da non sottovalutare. Nel resto d'Italia la dispersione dell'acqua rappresenta una grossa criticità. In merito alla situazione spezzina Brozzo aggiorna la situazione e conclude: "Siamo comunque nella media nazionale, la perdita nel territorio spezzino si attesta all'incirca al 30 per cento, c'è un'attività di ricerca perdita che procede e cerchiamo di limitare questo coefficiente".


(foto: repertori)




Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure