Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 01 Marzo - ore 14.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Settemila quaderni donati in memoria del cartolaio di Piazza Verdi

Non solo cancelleria ma anche giocattoli e altri oggetti per ricordare Antonio Maulella, scomparso quest'estate. La Pubblica assistenza della Spezia ha ricevuto quattro furgoni di oggetti vari: "Grazie di cuore".

generosità e ricordi
Un furgone carico di quaderni. La donazione della famiglia Maulella

La Spezia - Più di settemila quaderni donati a chi potrà, a sua volta, darli a qualcuno che ne ha bisogno. E poi una montagna di giocattoli, qualche porta gioie e un'infinità di materiale di cancelleria. Così la famiglia di Antonio Maulella, scomparso alla fine di agosto, ha deciso di non rinunciare ad un ultimo grande atto di solidarietà alla fine di un'epoca.
Il figlio Raffaele, assieme ad altri membri della famiglia, si è rimboccato le maniche e nel lasciare libero il fondo di Piazza Verdi ha raccolto una gran quantità di materiali, li ha caricati su quattro furgoni e li ha regalati alla Pubblica assistenza della Spezia. L'ente a sua volta li distribuirà nei canali dove è richiesto un aiuto in più: le famiglie in difficoltà e le realtà che le seguono.
"Non possiamo che ringraziare Raffaele per questo gesto - ha detto Tiziano Battaglini della Pubblica assistenza della Spezia -. Una parte della donazione verrà consegnata ai salesiani e una parte al Sorriso francescano. Sono materiali utilissimi per la scuola".

Ma la solidarietà non si ferma e sarebbe già stata contattata anche Caritas alla quale potrebbero essere destinati altri materiali. Un gesto, una mano tesa verso chi ha poco per ricordare un commerciante che per cinquant'anni è stato il faro, per gli acquisti dell'ultimo minuto magari prima di un saggio, per migliaia di studenti.
Negli anni '60 Antonio Maulella iniziò a lavorare nella cartoleria di Piazza Verdi, aperta nel 1948 dai suoceri, imparando il mestiere di rilegatore e cartolaio. Divenne così negli anni il “Cartolaio di Piazza Verdi”.
Dizionari, libri, tesi di molte generazioni di spezzini sono passati per quella cartoleria, così come paure e speranze di giovani studenti che acquistavano di prima mattina fogli e penne per saggi e verifiche.

La cartoleria Maulella non esiste più ma lo spirito di Antonio resterà vivo ogni volta che uno studente, che ha ricevuto un dono dalla sua cartoleria, aprirà un quaderno e appunterà la lezione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un furgone carico di quaderni. La donazione della famiglia Maulella
La famgilia Maulella con la Pubblica assistenza


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News