Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Giugno - ore 15.50

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Selle rosse e massima attenzione all'ambiente, HopHop Boat si presenta

La società che offre escursioni e aperitivi a bordo di gommoni e off shore è quasi pronta a inaugurare la piattaforma ricevuta in concessione dall'Adsp: "Gli spazi della struttura saranno a disposizione di tutti gli spezzini".

La novità alla Morin
Selle rosse e massima attenzione all'ambiente, HopHop Boat si presenta

La Spezia - Dopo un intenso mese di lavori HopHop Boat è quasi pronta a presentare ai turisti e agli spezzini la piattaforma dalla quale prenderanno il via le escursioni in barca alla volta delle bellezze della costa. Sì, anche agli spezzini, perché la struttura sarà aperta a tutti, e non solo ai clienti della start up, per eventi, presentazioni, sedute di fitness o semplicemente per trascorrere una mezz'ora sui divanetti vista mare, a pochi metri dalla Morin e dei pontili dell'Assonautica.
E' questa l'impostazione che Filippo Caramelli e i suoi soci hanno voluto per la piattaforma ricevuta in concessione pluriennale dall'Autorità di sistema portuale a partire dall'inizio di maggio.

Nelle scorse settimane HopHop Boat ha investito decine di migliaia di euro nella riqualificazione e messa in sicurezza della struttura
"La prossima settimana sostituiremo alcuni galleggianti sollevando l'intera piattaforma con una enorme gru e a quel punto dovremmo essere pronti all'inaugurazione. Abbiamo rifatto tutto: dall'impianto elettrico all'illuminazione, dai corpi morti ai rivestimenti. Questi spazi - spiega Caramelli a CDS - saranno aperti a tutti per eventi, momenti di formazione e appuntamenti di associazioni di volontariato. L'Adsp ha recepito che dietro al nostro progetto imprenditoriale c'è una forte ricaduta pubblica e per questo ha scelto la nostra proposta".

Caramelli si occupa di gestione di società immobiliari, ma ha alle spalle un passato da skipper, con regate anche nei mari di Australia e Nuova Zelanda. La passione per il mare è rimasta e a partire dall'anno scorso ha creato con alcuni soci la start up che offre un servizio che punta sulla qualità. Dopo una stagione svolta alla radice di banchina Thaon di Revel ha partecipato al bando emesso dall'Authority e oggi il personale di HopHop Boat è composto da dieci dipendenti, tra skipper e ragazze che si occupano dell'accoglienza dei clienti.
"Vogliamo proporre un'attività legata a turismo in maniera professionale. Abbiamo assunto giovani ragazze laureate, che parlano almeno tre lingue. Per qualcuno si tratta di un lavoro stagionale diverso dagli altri, per altri c'è un forte interesse per le prospettive di sviluppo che può avere l'azienda. E infatti rimaniamo alla ricerca di talenti spezzini. Invece di andare fuori provincia, alla ricerca di una realtà professionale di alto profilo, abbiamo pensato di crearla qua. Dobbiamo essere grati ai battellieri, con i quali collaboriamo in maniera proficua, per aver lanciato il turismo nel nostro golfo una trentina di anni fa. Noi ci rivolgiamo a una clientela diversa, più esigente, interessata a fare tour che durano dai 40 minuti all'intera giornata. E puntiamo molto su alcuni valori: tutti i dipendenti hanno firmato un codice etico in cui è altissima l'attenzione alla salute delle persone, all'ambiente marino e all'inclusione sociale. Accogliamo senza alcun problema clienti diversamente abili (avremo anche una gru per far salire a bordo le carrozzine, e proponiamo il viaggio gratis per l'assistente della persona. E anche i cani, ovviamente, sono i benvenuti a bordo. Inoltre, e mi fa piacere sottolinearlo oggi che è il World ocean day, i nostri skipper hanno a bordo retini con i quali raccolgono plastica e altri rifiuti che trovano lungo il percorso in mare, quasi sempre tra gli applausi dei clienti. Anche per questo abbiamo scelto persone giovani: sono più preparate e più sensibili a determinate tematiche".

Le rotte della flotta, composta da cinque gommoni e un off shore americano, comprendono tutta la costa spezzina, ma HopHop Boat punta decisamente sul Golfo, sulle borgate, su Lerici, Poto Venere e le isole Palmaria, Tino e Tinetto
"Vogliamo far conoscere il Golfo. Le Cinque Terre sono sature e spesso consigliamo mete alternative. E quando gli skipper arrivano sotto la chiesa di San Pietro i nostri ospiti restano sempre a bocca aperta, dimenticando in un attimo qualunque altra idea", afferma Caramelli.
Stando in mare, anche il personale di HopHop Boat ha notato la scarsa educazione dei diportisti, non solo per quel che riguarda il rispetto dell'ambiente, ma anche del Codice della navigazione: "Nei porticcioli spezzini ci sono 8mila barche e sono davvero troppi quelli che non sanno andare per mare. Senza contare coloro che noleggiano le barche senza avere la minima idea di come ci si debba comportare".
Mentre parliamo un gommone si avvicina alla Morin e, in un punto in cui è vietato l'imbarco e lo sbarco di persone, fa saltare a bordo due turisti, per poi far rotta verso il mare aperto.
"Dobbiamo anche fare i conti con gli abusivi. Ce ne sono molti e spesso si spacciano per skipper della nostra società. Per questo - spiega Caramelli - abbiamo deciso di rifare la selleria di tutte le nostre barche con pelle rossa, facilmente riconoscibile. Ci è addirittura capitato di portare alcuni turisti a Porto Venere e di non vederli tornare al gommone. Quando li abbiamo contattati ci hanno detto che erano già rientrati in città con un nostro gommone, ma non era così. L'abusivo che li ha caricati a bordo, in quel caso, ha fatto un viaggio gratis, perché loro avevano già il tagliando per il ritorno...". Un problema che non si traduce solamente in concorrenza sleale, ma anche in pericolo per i clienti: "Tutti i nostri dipendenti, così come richiesto dalla legge, hanno fatto i corsi per la sicurezza e i nostri skipper si sottopongono alle analisi per controllare eventuali assunzioni di sostanze stupefacenti. Tra gli abusivi questo non accade di certo".

Per concludere, un'opinione sulla stagione appena iniziata: "Maggio è stato un pianto, come per tutti, a causa del maltempo, ma le premesse per il prosieguo dell'estate sono buone. Quest'anno il Golfo è più di moda rispetto alle Cinque Terre: le notizie sul sovraffollamento hanno fatto il giro del mondo e i turisti ci chiedono sempre più spesso Tellaro e Porto Venere".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































La Piazza Sospesa sorgerà tra Via Diaz e il lungomare: vi piace il progetto?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News