Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 26 Marzo - ore 15.49

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Sciopero femminista anche alla Spezia nella giornata dell'8 marzo

Il movimento "Non una di meno" promuove anche in città l'iniziativa che dal 2017 si svolge in tutto il mondo. Sarà solo il primo passo del coordinamento spezzino che ieri ha celebrato la sua prima assemblea.

Il manifesto e il Piano antiviolenza
Sciopero femminista anche alla Spezia nella giornata dell'8 marzo

La Spezia - Anche alla Spezia l'8 marzo sarà giornata di sciopero femminista, come nel resto del mondo. In un Urban center pieno di persone, interrogativi e proposte ieri si è svolta la prima assemblea pubblica del coordinamento spezzino "Non una di meno", che fa riferimento al movimento internazionale che promuove per il terzo anno consecutivo la protesta delle donne nel giorno a loro dedicato.
"Finalmente quest'anno riusciamo a portare anche nella nostra città la chiamata internazionale a questo sciopero - spiegano le promotrici del movimento e dell'iniziativa -. Siamo molto soddisfatte della partecipazione che si è registrata ieri, segno che è possibile anche qua creare una connessione tra realtà che ruotano intorno al mondo femminile e che spesso non dialogano tra loro".
Le giovani promotrici, definite "una boccata d'ossigeno" da una femminista spezzina di lunga data, puntano a organizzare una manifestazione per la Giornata della donna d'intesa con tutte le persone e le realtà che collaboreranno nel corso dei prossimi incontri. Il primo è previsto per martedì 19 febbraio alle 19 nella sala della sede Arci di Via XXIV maggio, ma per le adesioni e per ricevere tutte le informazioni è possibile scrivere all'indirizzo email nudmlaspezia@gmail.com, oltre che consultare la pagina Facebook del movimento spezzino.

Prima ancora che del progetto stringente dello sciopero nell'incontro di ieri i numerosi interventi hanno fatto emergere le linee guida sulle quali si basa l'attività del movimento, all'interno del quale non compariranno sigle di partiti o associazioni politiche. Un Piano femminista contro la violenza maschile sulle donne e tutte le forme di
violenza di genere consultabile cliccando qui.

Il manifesto nazionale dello sciopero dell'8 marzo
L’8 marzo, in ogni continente, al grido di "Non una di meno!" sarà sciopero femminista.
Interrompiamo ogni attività lavorativa e di cura, formale o informale, gratuita o retribuita. Portiamo lo sciopero sui posti di lavoro e nelle case, nelle scuole e nelle università, negli ospedali e nelle piazze. Incrociamo le braccia e rifiutiamo i ruoli e le gerarchie di genere. Fermiamo la produzione e la riproduzione della società. L'8 marzo noi scioperiamo! In Italia una donna su tre tra i 16 e i 70 anni è stata vittima della violenza di un uomo, quasi 7 milioni di donne hanno subito violenza fisica e sessuale, ogni anno vengono uccise circa 200 donne dal marito, dal fidanzato o da un ex. Un milione e 400 mila donne hanno subito violenza sessuale prima dei 16 anni di età. Un milione di donne ha subito stupri o tentati stupri. 420 mila donne hanno subito molestie e ricatti sessuali sul posto di lavoro. Meno della metà delle donne adulte è impiegata nel mercato del lavoro ufficiale, la discriminazione salariale va dal 20 al 40% a seconda delle professioni, un terzo delle lavoratrici lascia il lavoro a causa della maternità.
Lo sciopero è la risposta a tutte le forme di violenza che sistematicamente colpiscono le nostre vite, in famiglia, sui posti di lavoro, per strada, negli ospedali, nelle scuole, dentro e fuori i confini. Femminicidi. Stupri. Insulti e molestie per strada e sui posti di lavoro. Violenza domestica. Discriminazione e violenza sulle donne disabili. Il permesso di soggiorno condizionato al matrimonio. Infiniti ostacoli per accedere all'aborto. Pratiche mediche e psichiatriche violente sui nostri corpi e sulle nostre vite. Precarietà che diventa doppio carico di lavoro e salari dimezzati. Un welfare ormai inesistente che si scarica sul lavoro di cura gratuito e sfruttato nell'impoverimento generale. Contro questa violenza strutturale, che nega la nostra libertà, noi scioperiamo! Scioperiamo in tutto il mondo contro l'ascesa delle destre reazionarie che stringono un patto patriarcale e razzista con il neoliberalismo. Chiamiamo chiunque rifiuti quest'alleanza a scioperare con noi l'8 marzo. Dal Brasile all'Ungheria, dall'Italia alla Polonia, le politiche contro donne, lesbiche, trans*, la difesa della famiglia e dell'ordine patriarcale, gli attacchi alla libertà di abortire vanno di pari passo con la guerra aperta contro persone migranti e rom. Patriarcato e razzismo sono armi di uno sfruttamento senza precedenti. Padri e padroni, governi e chiese, vogliono tutti «rimetterci a posto». Noi però al "nostro" posto non ci vogliamo stare e per questo l'8 marzo scioperiamo! Scioperiamo perché rifiutiamo il disegno di legge Pillon su separazione e affido, che attacca le donne, strumentalizzando i figli. Combattiamo la legge Salvini, che impedisce la libertà e l'autodeterminazione delle migranti e dei migranti, mentre legittima la violenza razzista. Non sopportiamo gli attacchi all'«ideologia di genere», che nelle scuole e nelle università vogliono imporre l'ideologia patriarcale. Denunciamo il finto «reddito di cittadinanza» su base familiare, che ci costringerà a rimanere povere e lavorare a qualsiasi condizione e sotto il controllo opprimente dello Stato. Rifiutiamo la finta flessibilità del congedo di maternità che continua a scaricare la cura dei figli solo sulle madri. Abbiamo invaso le piazze di ogni continente per reclamare la libertà di decidere delle nostre vite e sui nostri corpi, la libertà di muoverci, di autogestire le nostre relazioni al di fuori della famiglia tradizionale, per liberarci dal ricatto della precarietà. Rivendichiamo un reddito di autodeterminazione, un salario minimo europeo e un welfare universale. Vogliamo aborto libero sicuro e gratuito. Vogliamo autonomia e libertà di scelta sulle nostre vite, vogliamo ridistribuire il carico del lavoro di cura. Vogliamo essere libere di andare dove vogliamo senza avere paura, di muoverci e di restare contro la violenza razzista e istituzionale. Vogliamo un permesso di soggiorno europeo senza condizioni. Queste parole d'ordine raccolgono la forza di un movimento globale. L'8 marzo noi scioperiamo! Il movimento femminista globale ha dato nuova forza e significato alla parola sciopero, svuotata da anni di politiche sindacali concertative. Dobbiamo lottare perché chiunque possa scioperare indipendentemente dal tipo di contratto, nonostante il ricatto degli infiniti rinnovi e l'invisibilità del lavoro nero. Dobbiamo sostenerci a vicenda e stringere relazioni di solidarietà per realizzare lo sciopero dal lavoro di cura, che è ancora così difficile far riconoscere come lavoro. Invitiamo quindi tutti i sindacati a proclamare lo sciopero generale per il prossimo 8 marzo e a sostenere concretamente le delegate e lavoratrici che vogliono praticarlo, convocando le assemblee sindacali per organizzarlo e favorendo l'incontro tra lavoratrici e nodi territoriali di Non Una di Meno, nel rispetto dell'autonomia del movimento femminista. Lo sciopero è un'occasione unica per affermare la nostra forza e far sentire la nostra voce. Con lo sciopero dei e dai generi pratichiamo la liberazione di tutte le soggettività e affermiamo il diritto all'autodeterminazione sui propri corpi contro le violenze, le patologizzazioni e psichiatrizzazioniimposte alle persone trans e intersex. Contro l'abilismo che discrimina le persone disabili rivendichiamo l'autodeterminazione e i desideri di tutti i soggetti. Con lo sciopero dei consumi e dai consumi riaffermiamo la nostra volontà di imporre un cambio di sistema che disegni un altro modo di vivere sulla terra alternativo alla guerra, alle colonizzazioni, allo sfruttamento della terra, dei territori e dei corpi umani e animali. Con lo sciopero dal lavoro produttivo e riproduttivo bloccheremo ogni ambito in cui si riproduce violenza economica, psicologica e fisica sulle donne. «Non una di meno» è il grido che esprime questa forza e questa voce. Contro la violenza patriarcale e razzista della società neoliberale, lo sciopero femminista è la risposta. Scioperiamo per inventare un tempo nuovo. Se le nostre vite non valgono, noi scioperiamo!

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News