Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 27 Gennaio - ore 18.08

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Rsa Mazzini, c'è la firma sino a fine emergenza. Sigle pronte a tutto

Dopo lo sciopero di oggi sindacati e lavoratori vogliono chiarezza sul destino delle struttura e sull'avvio dei lavori di manutenzione edilizia.

Kcs e Asl nel mirino
Rsa Mazzini, c'è la firma sino a fine emergenza. Sigle pronte a tutto

La Spezia - La Rsa Mazzini continua a essere utilizzata come una struttura Covid, ma nessun intervento di sistemazione edilizia è stato realizzato. E il personale continua in gran parte la cassa integrazione, nonostante le difficoltà quotidiane nella fornitura dei servizi per gli ospiti, in parte positivi al Covid-19.
E' di fronte a queste contraddizioni al limite del paradosso, che questa mattina i lavoratori hanno scioperato, con il sostegno dei sindacati, che hanno messo in atto un presidio di fronte ai cancelli di Viale Alpi.

"Siamo in attesa della convocazione da parte di Asl 5 affinché ci spieghi la situazione e chiarisca se la concessione a Kcs è stata effettivamente firmata. Al momento - hanno dichiarato a CDS Luca Comiti, segretario provinciale di Filcams Cgil, Mirko Talamone, segretario provinciale di Fisascat Cisl, e Marco Furletti, segretario provinciale di Uiltrasporti - sappiamo che si tratta di un affidamento non formalizzato. Vorremmo capire, per esempio, se questa struttura viene considerato Covid oppure no, e che ne è stato dei lavori che dovrebbero rendere la Rsa in grado di accogliere 125 post acuti".
I lavoratori e le sigle sottolineano come, invece, di questa funzione futura al momento non si veda alcuna traccia. Anzi. Di recente sono giunti alla Mazzini 13 nuovi pazienti Covid da Monterosso, portando il totale a 27.
E nel frattempo in provincia sono venuti meno i 125 letti per post acuti previsti.
Il tutto mentre il 70 per cento dei dipendenti è in Fis e, paradossalmente, è stata fatta una assunzione tramite agenzia interinale.

"Kcs si era impegnata a ripulire la struttura - protestano alcuni lavoratori davanti ai cancelli, affiancati da Roberto Palomba, di Fp Cgil - invece sono arrivati nuovi malati di Covid dalla Padre Semeria".
Lo stato di agitazione persiste e presto le sigle chiederanno di essere ricevuti dal prefetto Maria Laura Inversini.
"Se persisterà il ritardo sarà necessario andare oltre a Kcs. Servono tempi certi per gli adeguamenti strutturali e un cronoprogramma preciso. Inoltre stiamo valutando di chiedere alla cooperativa di integrare il trattamento di cassa per consentire ai lavoratori di avere uno stipendio pieno", hanno concluso i sindacalisti, mentre davanti ai cancelli iniziava a rimbalzare una buona notizia: Asl e Kcs hanno firmato poche ore prima la convenzione per l'affidamento della struttura, ma solamente per il periodo di durata dell'emergenza sanitaria in atto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lavoratori della Rsa Mazzini in sciopero
Lavoratrici della Rsa Mazzini in sciopero Archivio CDS


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News