Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Agosto - ore 20.29

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Rifiuti abbandonati sui sentieri tra Pegazzano e Biassa

Lo sfogo di una residente che chiede maggiori controlli e maggiore pulizia per contrastare l'inciviltà di chi usa ancora i boschi come discariche.

Rifiuti abbandonati sui sentieri tra Pegazzano e Biassa

La Spezia - Ci risiamo: nei tratti di sentiero tra Pegazzano e Biassa sono ricomparse le discariche. I segmenti di mulattiera sono facilmente avvicinabili con le auto e gli incivili ne approfittano per liberarsi di ogni tipo di materiale.
"C'è un continuo abbandono di rifiuti lungo tutta la strada - afferma Carlotta Bonomi, residente della zona che ha lanciato l'allarme - ma soprattutto nel "dirupo" che dal ciglio della strada arriva fino al canale. In realtà non solo lì, perché lasciano senza problemi mobili, scaldabagni e condizionatori anche in mezzo alla strada. Non è un fenomeno che coinvolge solo casa mia e la sua strada, che già deve sopportare ogni giorno i problemi legati alla cava di cui tutti sembrano essersi dimenticati (ma noi no), ma coinvolge anche tutto il sentiero 504 (quello che da Pegazzano porta al Telegrafo).
I rifiuti sono tanti, grossi, ingombranti, tossici e non appena qualche buon anima, che sia un camioncino della Maris o dell'Acam dopo mesi e quasi per casualità li raccoglie portandoli via, passa solo qualche giorno prima che un'altra libreria Ikea venga abbandonata in mezzo agli alberi.
Non chiediamo un ripulisti immediato senza continuità, perché non serve a nulla. Serve continuità, salvaguardia e protezione del territorio e dei suoi cittadini.
Chissà che qualche candidato, non faccia qualcosa... un po' io ci spero".

Carlotta ha preso carta e penna e ha scritto a CDS per denunciare un problema che si ripropone e che oltre a denotare una scarsissima attenzione all'ambiente da parte della popolazione, mette a nudo le difficoltà fisiologiche nella copertura del territorio da parte delle autorità. E ai temi ambientali si affiancano quelli economici, visto che i sentieri sono ormai uno degli asset fondamentali del turismo.

Ecco il post che Carlotta, comprensibilmente indignata, aveva scritto su Facebook poco prima di inviare una lettera alla nostra redazione:

MA DOVE VOGLIAMO ANDARE?

Queste sono foto di davvero un piccolo (ahimè brevissimo) tratto di strada vicino a casa mia. Parlo sempre del solito posto: sì quello sotto le cave, sì quello tra Pegazzano e Biassa, sì siamo noi quelli che lottiamo ancora per la chiusura delle cave e no, non abbiamo risolto niente, mai niente.
Questa volta però scrivo, sempre più disgustata, sempre più affranta e sempre più delusa.
Lo so, lo so che nelle strade di periferia, un po' fuori dal centro si può trovare di tutto. Ma io mi rifiuto di pensare che non ci possa essere una soluzione. Mi rifiuto di credere che non si possa fare qualcosa subito.
Perché è il nostro verde e va preservato.
Perché lì sotto c'è il canale con acqua che scorre sotto di voi e arriva fino a dove vi fate il bagno e i selfie.
Perché non mi basta che qualche sindaco o futuro sindaco o qualsiasi tipo di autorità mi PROMETTA che non accadrà più.
Perché sinceramente, non mi basta nemmeno che vengano a togliere tutto sto schifo, anche perché tanto il giorno dopo, tornano.
Sperare che ogni anno di qui, ripassi il Giro d'Italia, per godersi la gara sicuramente, ma anche perché è l'unico momento in cui qualcuno arriva a pulire.
Non è giusto.
Non è sano.
Non è etico.

Sporchi che non siete altro.

Aggiunta: per non parlare di quello che troviamo nel sentiero 504 (accanto alla strada in foto), quello meraviglioso che arrivo fino al telegrafo. Sentieri che il resto del mondo preserverebbe con cura e con attenzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure