Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 22 Novembre - ore 15.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Pratiche più semplici, via allo "sportello unico" funebre

Dal 1° dicembre via al servizio che consente di espletare tutte le burocrazie necessarie per la morte di un caro, per il funerale e per la tumulazione. Cresce il numero delle cremazioni, sono 700 all'anno: entro fine 2019 un nuovo forno.

Pratiche più semplici, via allo `sportello unico` funebre

La Spezia - Le pratiche per la morte e la sepoltura del caro estinto diventano molto più semplici, grazie alla riorganizzazione dei servizi cimiteriali spezzini che sarà lanciata in via sperimentale il 1° dicembre e che entrerà in vigore definitivamente con il nuovo anno. Tutte le pratiche, compresi i pagamenti, potranno essere svolte in un colpo solo, senza dover rimbalzare tra diversi uffici e sportelli, peraltro in un momento difficile, in cui l'ultima cosa di cui si ha voglia è l'espletamento delle pratiche burocratiche.
La presentazione delle novità è avvenuta questa mattina a Palazzo civico, da parte del sindaco Pierluigi Peracchini, dell’assessore ai Servizi cimiteriali, Gianmarco Medusei, del direttore di dipartimento Claudio Canneti e del funzionario del servizio Massimo Torracca.

Uno "sportello unico" cimiteriale
"Si tratta di un sistema innovativo - ha spiegato il primo cittadino - che mettiamo in atto tra i primi in Italia, semplificando lo svolgimento di tutta una serie di operazioni da parte dei nostri concittadini. Inoltre - ha annunciato - lanciamo anche un project finanicng per il forno crematorio dei Boschetti: le cremazioni negli ultimi sette anni sono triplicate e dunque serve una nuova struttura, adeguata alla quantità e alle normative".
"Le pratiche relative ai servizi funebri e cimiteriali - ha aggiunto Medusei - potranno essere svolte presso un unico operatore individuato nelle agenzie funebri accreditate presso il nostro Comune. Senza alcun costo aggiuntivo, sarà quindi possibile definire l’arrivo della salma presso il cimitero, programmare il servizio funebre, acquisire e definire la concessione del tumulo, della sepoltura a terra, della cremazione e procedere al relativo pagamento presso un unico interlocutore. Gli spezzini potranno anche scegliere il tumulo tramite un sistema video e informatico simile a Google street view entrando virtualmente nei nove cimiteri comunali".
Il cittadino di fronte al funzionario dell’Agenzia funebre accreditata, da lui scelta, potrà quindi fissare la data e l’orario del funerale, procedere all’individuazione del tipo di sepoltura ovvero alla cremazione e quindi alla sottoscrizione del relativo contratto di concessione.
La gestione prevede inoltre l’implementazione delle attuali modalità di pagamento con il sistema PAGOPA anche presso l’Agenzia accreditata. Si tratta di un progetto strategico per la regolazione dei pagamenti elettronici verso la pubblica amministrazione il cui obiettivo di fondo è quello di facilitare e diffondere gli strumenti di pagamento elettronici, in particolare quelli riferiti agli incassi della PA, rendendoli più semplici, veloci e trasparenti.
Un processo reso possibile in virtù della complessa procedura informatica realizzata dagli uffici comunali in collaborazione con Spezia Risorse e PA Digitale.
La procedura interesserà, a regime, tutti i soggetti a vario titolo coinvolti e quindi uffici dello stato civile, dei Servizi cimiteriali, della Polizia municipale, dell’Asl e delle ditte che operano nel settore.
Una gestione che ha lo scopo prioritario di migliorare la qualità dei servizi resi al cittadino procedendo nel contempo a razionalizzare le risorse finanziarie e umane, garantendo una sempre maggiore trasparenza.

Oltre 700 cremazioni all'anno, entro fine 2019 un forno da 1,8 milioni di euro
"Dal 2005 - ha aggiunto Cannetti - è in funzione l'impianto di cremazione e da allora abbiamo raggiunto una quota pari al 70 per cento di cremazioni su una media di mille defunti all'anno. Entro la fine del 2019 un forno nuovo, per consentire al numero crescente di spezzini che scelgono questa strada di utilizzare il servizio, che ha un costo più contenuto di altri, e prevediamo la possibilità di aprire anche all'utenza proveniente da oltre confine comunale".
L'amministrazione, a tal riguardo, sta portando avanti l'iter di una procedura concorsuale di projet financing, nell’area attigua a Via Sarzana e a Via del Camposanto, per realizzare un impianto di cui si stima un costo - a carico di privati - pari a 1,8 milioni di euro.
Molti spezzini, come detto, stanno scegliendo la cremazione per i costi ridotti del servizio (495 euro) e della cerimonia funebre. Ammontano a 373 gli euro necessari per la tumulazione a terra (per un minimo di 10 anni), mentre ne sono necessari 1.730 per un tumulo in zone scoperte e 5.000 per quelle coperte o ad altezza uomo (entrambe le concessione durano 40 anni).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure