Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Gennaio - ore 09.04

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Portofino e Cinque Terre le aree protagoniste degli interventi del Soccorso Alpino

La casistica degli interventi vede al primo posto i casi di caduta accidentale che rappresentano circa il 40% del totale.

il bilancio del 2020
Portofino e Cinque Terre le aree protagoniste degli interventi del Soccorso Alpino

La Spezia - I due volti del 2020: da una parte i mesi chiusi in casa, soprattutto durante il lockdown più stringente, dall’altra la voglia di evasione ogni volta che se n’è presentata l’occasione. E così il numero degli interventi del Soccorso alpino Liguria del 2020 è stato simile a quello del 2019. In particolare nell’anno appena concluso gli interventi in tutta la regione sono stati 328, solo dieci in meno del 2019 (338).

Il dato indubbiamente sorprende ma in realtà è assolutamente lo specchio di un anno particolare. Se in certi mesi, infatti, sentieri vicini al mare e dell’entroterra sono rimasti deserti o quasi, sono rimaste negli occhi di tutti le immagini di pseudo assembramenti in zone come il monte di Portofino o l’area dei forti di Genova nei fine settimana che sono stati “liberi”. Ma anche chi è andato a camminare nell’entroterra in estate, anche nella prima parte di autunno, ha raccontato di aver incontrato molta più gente rispetto al passato. Proprio per questo, i mesi con più interventi sono stati agosto (60) e settembre (59). Va da sé che quelli che hanno fatto registrare meno attività sono stati marzo e aprile (12 in tutto, sei per ognuno dei due mesi).

La casistica degli interventi vede al primo posto i casi di caduta accidentale che rappresentano circa il 40% del totale. A seguire smarrimento della strada, incapacità di riuscire a proseguire su un sentiero non adatto alle proprie caratteristiche o all’abbigliamento (ad esempio infradito sui sentieri vicini al mare) e malore. Chi è stato soccorso nel 2020 stava facendo soprattutto escursionismo (oltre il 50% dei casi) oppure andava in mountain bike o per funghi. Ad essere stati soccorsi sono stati soprattutto gli uomini (71%) rispetto alle donne (29%).

La riviera di levante è stata più movimentata rispetto a quella di ponente. A fare la differenza anche quest’anno è stato il forte richiamo (ma anche spesso la poca attenzione degli escursionisti) di monte Portofino e Cinque Terre. Nel ponente, invece, si sono registrati molti interventi per bikers in difficoltà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News