Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 22 Aprile - ore 16.17

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Piazza Cavour, si cambia. Undici proposte sulle quali dire la propria | Foto

Da questa mattina i cittadini possono esprimere la loro opinione sul futuro della piazza, sia online che recandosi al Museo Lia.

Tre ipotesi per la viabilità
Piazza Cavour, si cambia. Undici proposte sulle quali dire la propria

La Spezia - Sei ipotesi progettuali per l'area della piazza (che diventano undici nelle diverse declinazioni) e tre proposte per la viabilità. Per una settimana, da oggi a martedì 10 aprile, gli spezzini potranno consultarle nell'atrio del Museo Lia, in Via del Prione 234 (dalle 10 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18) ed esprimere la loro opinione attraverso il questionario impostato dall'Ufficio partecipazione del Comune, coordinato dall'assessore alla Partecipazione, Luca Piaggi. Potranno farlo anche comodamente da casa, attraverso la pagina appositamente creata sul sito internet di Palazzo Civico (clicca qui), dove si trova tutto il materiale necessario per farsi un'opinione sull'argomento ed esprimere un parere informato.

Le ipotesi per la piazza (guarda la fotogallery allegata)
Nelle sei tavole ci sono diverse declinazioni di ogni idea progettuale, per un totale di undici diverse configurazioni, contraddistinte anche a livello di complessità realizzativa generale, costi, tempi di realizzazione e impatto sull'attività del mercato.

Ipotesi 1.1 - Complessità Medio/Bassa - Costo 3/4 milioni di euro - Tempo di realizzazione 2 anni
Si inizia con un'impianto che è sostanzialmente la base comune di tutte le altre: la chiusura laterale dei padiglioni, la riorganizzazione dei banchi e delle utenze, la presenza di bar e ristoranti all'interno del perimetro dei padiglioni e l'installazione di pannelli fotovoltaici sulle coperture.
Quello che caratterizza l'ipotesi 1.1 è il mantenimento della struttura esistente nella sua totalità e la creazione di uno spazio pubblico attrezzato nella parte centrale.
L'impatto sull'attività de mercato è limitato alle necessità logistiche e organizzative del cantiere.

Ipotesi 1.2 - Complessità Media - Costo 4/5 milioni di euro - Tempo di realizzazione 2 anni e 6 mesi
Questa volta, mantenuto l'impianto della chiusura dei padiglioni, della riorganizzazione dei banchi e degli altri interventi che, come detto sono comuni a tutte le ipotesi, la novità risiede nella realizzazione di nuovi volumi sotto le vele centrali, dove l'altezza è maggiore e dove quindi viene prevista una costruzione polifuzionale.

Ipotesi 2.1 - Complessità Medio/Bassa - Costo 3/4 milioni di euro - Tempo di realizzazione 2 anni e 4 mesi
In questo caso si andrebbe verso la rimozione delle vele centrali e la creazione di uno spazio pubblico attrezzato nell'area centrale, che coincide proprio con quella in cui insiste oggi la struttura che verrebbe tolta.

Ipotesi 2.2 - Complessità Media - Costo 4/5 milioni di euro - Tempo di realizzazione 2 anni e 10 mesi
Siamo di fronte all'unione delle proposte precedenti, con la rimozione delle vele nella parte centrale e la realizzazione di nuovi volumi polifunzionali al loro posto.

Ipotesi 3.1 - Complessità Media - Costo 4/5 milioni di euro - Tempo di realizzazione 2 anni
Oltre alle vele centrali, in questa configurazione, viene prevista la rimozione di uno dei padiglioni lato monte (Via dei Mille), con la creazione di uno spazio pubblico attrezzato che si amplia dalla parte centrale sino al settore liberato dalla struttura.

Ipotesi 4.1 - Complessità Media - Costo 3/4 milioni di euro - Tempo di realizzazione 2 anni e 8 mesi
Questa proposta rappresenta un ulteriore evoluzione di quella precedente, con la rimozione delle vele e dei due padiglioni lato monte. Al loro posto sorgerebbe una grande area pubblica attrezzata (una piazza nel senso comune del termine) con il mantenimento del mercato nella zona che si affaccia su Via Fratelli Rosselli. In questo caso, però, ci sarebbe un impatto più deciso sulle attività commerciali degli ambulanti che dovrebbero essere ricollocati per un periodo di 2anni e 2 mesi.

Ipotesi 4.2 - Complessità Alta - Costo 10/11 milioni di euro - Tempo di realizzazione 3 anni e 2 mesi
La differenza progettuale rispetto all'ipotesi precedente risiede nella realizzazione di un parcheggio interrato al di sotto della metà della piazza lato monte, sopra la quale è prevista l'area pubblica attrezzata. L'impatto sulle attività del mercato sale a 2 anni e 8 mesi di spostamento dei banchi.

Ipotesi 5.1 - Complessità Alta - Costo 8/9 milioni di euro - Tempo di realizzazione 3 anni e 4 mesi
In questa configurazione ci sarebbe la rimozione totale della struttura attuale e la realizzazione di due nuovi padiglioni dai volumi ridotti (chiusi lateralmente e con pannelli fotovoltaici) nella metà lato mare, mentre l'area centrale e il resto della piazza rimarrebbe a uso pubblico. I banchi subirebbero una delocalizzazione lunga 2 anni e 10 mesi.

Ipotesi 5.2 - Complessità Alta - Costo 12/13 milioni di euro - Tempo di realizzazione 3 anni e 10 mesi
Via tutta la struttura attuale anche in questo caso, con quattro nuovi padiglioni e spazio pubblico attrezzato nella zona centrale. L'impatto sulle attività del mercato sale a 3 anni e 4 mesi di spostamento.

Ipotesi 5.3 - Complessità alta - Costo 15/16 milioni di euro - Tempo di realizzazione 4 anni e 4 mesi
Si tratta dell'ipotesi più costosa e rivoluzionaria, con la realizzazione del parcheggio interrato per tutta la superficie della piazza, la costruzione di due padiglioni nuovi lato mare e la piazza pubblica dal centro a Via dei Mille. Impatto sulle attività del mercato: 2 anni e 10 mesi.

Ipotesi 6.1 - Complessità Media - Costo 4/5 milioni di euro - Tempo di realizzazione 2 anni e 10 mesi
Questa proposta è stata avanzata da Cna nelle scorse settimane (leggi qui). Verrebbero rimosse le vele centrali e ci sarebbe una connessione tra le coperture dei padiglioni. La differenza rispetto alle ipotesi elaborate dal Comune sta nello sfruttamento dei volumi dei padiglioni in altezza, con la realizzazione di un piano superiore da destinare a punti di ristoro e altre tipologie di commercio.

Le ipotesi per la viabilità (guarda la fotogallery allegata)
Tra le questioni aperte nel futuro di Piazza Cavour, anche in base alle risultanze del questionario somministrato dall'amministrazione comunale nell'autunno scorso, spicca quella dell'accesso all'area, e dunque quella della viabilità. Per questo motivo sono state elaborate tre diverse configurazioni, sulle quali gli spezzini possono esprimersi, sempre tenendo conto di essere di fronte a linee progettuali, non a soluzioni che saranno messe in pratica nel dettaglio.

Ipotesi A
La prima idea prevede l'istituzione della sosta a rotazione con tariffa agevolata dalle 9 alle 13 nella vie a corona della piazza, mentre le due vie adiacenti all'area del mercato sarebbero accessibili in auto con sosta breve e sbarre di accesso.

Ipotesi B
Questa configurazione prevede la pedonalizzazione delle strade che cingono il mercato e la sosta agevolata dalle 9 alle 13 nei dintorni. L'accesso alla piazza sarebbe garantito da un servizio navetta dai parcheggi di Viale Fieschi, Piazza d'Armi e dalla zona di Piazza Europa. Da valutare, in questo caso, anche la possibilità di avere a disposizione il parcheggio interrato, con i costi che ne derivano per le casse comunali.

Ipotesi C
L'ultima proposta avanza l'ipotesi di creare una Ztl con sosta consentita ai soli residenti nelle strade esterne all'area della piazza, mentre le due vie adiacenti al mercato sarebbero accessibili per i non residenti con sosta a rotazione breve e sbarre di accesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fotogallery

Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News