Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 26 Febbraio - ore 19.35

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Piazza Cavour, fotovoltaico e manutenzioni con 2,9 milioni. Il resto attende

Il Comune aspetta di poter affidare l'appalto per il lavori sugli impianti, la pavimentazione e le strade. Le vele e le coperture per ora non si toccano e resta il nodo dei parcheggi.

1,2 milioni scivolano su altri progetti

La Spezia - Dove eravamo rimasti? Da quasi un anno il progetto di riqualificazione di Piazza Cavour era sparito dai radar, frenato dalle lunghe discussioni sui parcheggi e su progetti alternativi a quello selezionato dall'amministrazione, tolto dall'agenda politica dall'arrivo della pandemia e ridimensionato nelle modifiche che apporterà alla struttura, all'organizzazione e alle funzioni di un ampio spazio del centro storico.

L'argomento è ritornato in auge in commissione consiliare, con l'audizione degli assessori ai Lavori pubblici e al Commercio, Luca Piaggi e Lorenzo Brogi. Con la regia di Fabio Cenerini i lavori sono come sempre stati trasmessi in diretta streaming sul canale YouTube del consiglio comunale della Spezia (clicca qui).
Piaggi ha fotografato la situazione aggiornando i commissari: lo stanziamento regionale del gennaio del 2018 è di 4,1 milioni di euro e dopo una fase di partecipazione svolta insieme al consulente esterno Giovanni Allegretti è stato stilato a un documento contenente le linee guida per un concorso di idee architettonico al quale hanno partecipato una ventina di studi. La commissione ha in seguito selezionato cinque progetti e tra questi ha vinto quello capitanato dall'architetto Laura Falcone che prevedeva tra le altre cose la realizzazione di un elemento centrale polifunzionale e l'abbattimento delle "vele". Il progetto di fattibilità è stato inviato alla Soprintendenza che ha ritenuto la piazza vincolata chiedendo di rimuovere le vele ma di lasciare la maggiore visibilità interna possibile, limitando anche l'uso di banchi fissi. Al contempo, un anno fa, si è fatto lo studio per valutare la possibilità di ricavare parcheggi interrati o sopraelevati. I primi sono stati esclusi, anche dalla Regione, perché l'area è esondabile. Bocciata anche l'altra opzione.
"A marzo 2020 è esplosa la pandemia - ha proseguito Piaggi - e a settembre è stato portato avanti il primo dei due stralci funzionale del progetto, quello che prevede la manutenzione straordinaria della piazza per una spesa di 2,9 milioni. L'altra parte delle risorse resta a disposizione del Comune per altri progetti mentre l'abbattimento delle vele e il prolungamento delle attuali coperture rimangono all'interno di un atto approvato che si potrà portare avanti in un secondo momento".
L'intervento manutentivo coinvolgerà impianti elettrici, impianti idraulici e sistema di raccolta dei rifiuti, saranno installati pannelli fotovoltaici per 20 KW (rendendo quasi autosufficiente il mercato) e ci sarà la riorganizzazione dell'area esterna ovvero dei marciapiedi e delle strade che bordano la piazza. La pavimentazione sarà sostituta all'interno e all'esterno della piazza e tra un pilastro e l'altro, nella parte alta, saranno collocate delle velette per proteggere dal sole e dalla pioggia i banchi, come richiesto a più riprese dagli operatori.
La consegna del progetto definitivo è attesa a giorni e seguirà una nuova valutazione da parte della Soprintendenza. Poi sarà il momento del bando di gara che sarà lanciato a inizio estate per poi procedere con le lavorazioni, senza interrompere il mercato.

Rispondendo a Guido Melley, che riguardo all'assenza di soluzioni per i parcheggi ha parlato di "incompiuta di mandato" domandando poi la destinazione del denaro che avanzerà, l'assessore ha spiegato che le risorse saranno sommate a quelle per altre opere in corso di appalto, come la riqualificazione dei portici di Viale Italia e il progetto previsto nell'area dell'ex Convento delle clarisse.
"Come evidenziato nello studio di Atc Mp dall'ingegner Ceccarelli ci sono solamente due aree possibili per realizzare posti auto - ha proseguito Piaggi - e hanno entrambe grosse criticità. La Palazzina delle associazioni d'arma è fuori dalla nostra disponibilità. Per quanto concerne la zona dello sprugolotto Cozzani abbiamo dato incarico a uno studio di geofisica per due ragioni: capire se si può fare un parcheggio funzionale alla piazza del mercato e per conoscere meglio il fenomeno carsico presente, visto che è ancora attivo, anche nell'ottica della sicurezza delle palazzine e delle strade nei dintorni".

Cenerini ha premuto nuovamente il tasto dei parcheggi: "Sono contrario alla realizzazione di 22 parcheggi con una spesa di 300mila euro in Via de Nobili: non sarebbero assolutamente sufficienti per il mercato. Siamo nel 2021, si fa di tutto, possibile che alla Spezia non si possa realizzare un parcheggio in struttura?".
Prima lo studio, ha replicato Piaggi, poi si vedrà.
Gli spostamenti dei banchi durante i lavori tirati in ballo da Oscar Teja, hanno portato l'assessore a prevedere agitazioni e disagi quasi fisiologici. "Si cercherà di compartimentare al massimo il cantiere", ha aggiunto.
Donatella Del Turco ha suggerito di dotare la piazza di wi fi gratuito e di panchine con prese per la ricarica dei cellulari, dettagli che potrebbero comparire nell'ultima fase della progettazione.
In risposta a Patrizia Saccone, che ha chiesto lumi sulla copertura delle spese del mercato in passato per fare un raffronto con quelli futuri, dimezzati dall'impianto fotovoltaico, è emerso che è previsto un impianto di riciclo dell'acqua.

Nel finale la discussione si è spostata sul lato politico con Melley che ha ricordato come il rifacimento di Piazza Cavour fosse stato presentato dal sindaco Pierluigi Peracchini come "un elemento distintivo del mandato, su un'opera che effettivamente manifestava qualche problema. Ma dalle grandi idee si è tornati indietro".
"La montagna partorisce il topolino", ha rincarato la dose Marco Raffaelli. "Questo progetto occupava una pagina delle linee programmatiche del sindaco e tutto si riduce a una manutenzione straordinaria di una struttura per la quale non è stato elaborato nessun contenuto di quelli lasciati immaginare, come gli eventi o lo street food".
Cenerini non è stato da meno, rimarcando quanto sia fondamentale pensare di realizzare un parcheggio in struttura nella zona.

"E' vero che la politica è l'arte del possibile - ha concluso Piaggi - ma ci sono anche stop tecnici con cui fare i conti. E in questo caso non siamo di fronte all'assenza di fondi, o di condivisione o di volontà. Bisogna prendere atto dei pareri tecnici ricevuti e riguardo ai posteggi fare il meglio possibile nelle zone limitrofe. Un primo passo sarà il raddoppio degli stalli in Piazza d'Armi. Ritengo infine che il contenuto sia fondamentale, ma prima il contenitore deve essere a posto. Per cosa fare un domani in Piazza Cavour l'assessore Brogi incontrerà presto tutti i numerosi portatori di interessi coinvolti in questo progetto".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News