Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 03 Dicembre - ore 09.12

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Peracchini: "La Spezia ha fatto scuola. Decisioni forse impopolari nell'interesse della salute pubblica"

Il sindaco rivendica le sue scelte e attacca: "Inseguire gli umori degli elettori sulle questioni sanitarie è semplicemente vergognoso, perché l’unico fine da perseguire è quello della salute pubblica".

sul nuovo dpcm

La Spezia - "Le nuove misure di prevenzione sanitaria diramate dal Governo confermano che la Città della Spezia, nella gestione del cluster di settembre, ha fatto scuola a livello nazionale, coniugando la tutela della salute e la tutela dell’economia del territorio". Ne è fermamente covinto il sindaco Pierluigi Peracchini che commenta così il nuovo dpcm: "Nel documento si può disporre di perseguire il nostro modello, cioè la chiusura di strade o piazze nei centri urbani dove si possono creare situazioni di assembramento, soprattutto di notte, consentendo l’accesso solo a chi deve tornare a casa o andare nelle attività commerciali. Si tratta di provvedimenti mirati per localizzare e limitare il più possibile quelle zone maggiormente colpite dal virus, isolandolo con efficacia ed evitando un lockdown generalizzato".

Il riferimento alle decisioni prese a settembre, in particolar modo sul quartiere Umbertino e al cluster della comunità dominicana, è chiaro: "Rivendico con orgoglio di aver preso quelle misure, che ora fanno scuola, e soprattutto di averle assunte nonostante fossimo in piena campagna elettorale. A un passo dalle elezioni regionali, infatti, c’è chi si è assunto la responsabilità di prendere decisioni forse impopolari ma che hanno avuto il merito di tutelare a qualsiasi costo la salute pubblica della nostra comunità e c’è chi invece ha preferito incentivare la disgregazione sociale infangando le istituzioni. Inseguire gli umori degli elettori sulle questioni sanitarie è semplicemente vergognoso, perché l’unico fine da perseguire è quello della salute pubblica, avvalendosi di strumenti esclusivamente scientifici, come abbiamo fatto: quando c’è un’emergenza sanitaria non è più una questione politica ma è tutta una questione di responsabilità, anche morale, che l’amministrazione spezzina e Regione Liguria hanno dimostrato di essersi pienamente assunte durante tutto il periodo emergenziale. Ed oggi il nostro modello è indicato come il più virtuoso e il più efficace per tutta Italia, applicato a tutti i livelli istituzionali, dai Comuni, dalle Regioni, fino al Governo".

Infine il solito appello: "Il momento in cui ci troviamo è difficile e delicato, per questo vorrei invitare tutti gli spezzini alla responsabilità e alla prudenza. Abbiamo dimostrato non una ma per ben due volte, e a distanza di mesi, che siamo una comunità forte, solidale e coesa, per questo invito tutti al massimo e rigoroso rispetto delle nuove regole di contenimento del virus, perché tutto dipende da noi".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News