Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Gennaio - ore 22.22

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Per le feste spezzini più generosi con i meno fortunati

Menù speciali nelle strutture che si occupano delle persone in difficoltà e che non hanno una casa. Un coro si leva dalle associazioni: "Feste più ricche grazie alle gentilezze degli spezzini, non possiamo che ringraziarli".

la pandemia non batte la bontà
Per le feste spezzini più generosi con i meno fortunati

La Spezia - Una solidarietà sconfinata. E gli spezzini hanno mostrato ancor di più la loro capacità di saper donare qualcosa ai meno fortunati. Hanno scelto la Cittadella della Pace, la Locanda del samaritano al Montagna, il convento dei frati di Gaggiola, Missione 2000 e poi c'è chi, come la mensa Caritas di Sarzana, continuerà a impegnarsi senza sosta facendo un 'pacco scorta' per affrontare il primo gennaio con serenità.
Tanti piccoli gesti, molti anonimi, di chi con un anno devastante sulle spalle, sotto tutti i punti di vista, conserva lo spirito di saper donare. Ci sono in mezzo cittadini comuni, associazioni, mondo sanitario, ristoranti. La solidarietà non si è fermata e gli esempi da citare sono davvero tantissimi: dal mega panettone, vinto alla lotteria, donato da un cittadino di Pegazzano, ai pacchi aziendali regalati dipendenti Asl, dai chili di ravioli ai 30 chili di muscoli donati dai ristoratori e dai mitilicoltori.
Le feste di Natale e capodanno non sono mai state così... diverse, ma chi della solidarietà ha fatto la propria missione non fa mancare il proprio sostegno. Il 31 dicembre non ci saranno le colazioni con il sorriso, il pranzo a cura dei frati di Gaggiola con un menù speciale e la cena con Missione 2000. A Sarzana poi ci sarà la distribuzione dei pasti con un pacco "doppio". Restano i servizi di docce e pernottamento anche alla Spezia. Quindi nonostante la pandemia saranno delle feste sicuramente ricche di solidarietà.
Ma a raccontare quello che accade sono i protagonisti di queste missioni: Padre Gianluigi e Frate Sergio per il santuario di Gaggiola, Don Luca Palei, Elda Conte e Giancarlo Mione per Caritas della Spezia e Sarzana, Andrea Menichinelli di Missione 2000.
Così la generosità degli spezzini ha contribuito a confermare i menù speciali per Capodanno e primo gennaio.
"Ci saremo sia il 31 dicembre che il primo gennaio a pranzo - raccontano padre Gian Luigi Ameglio e fra Sergio Spiga - e poi anche il coniglio. Poi i nostri volontari prepareranno la crema pasticcera. Abbiamo avuto tante donazioni e a occuparti del menù speciale è stato il ristorante La Posta. Non possiamo dimenticare anche i gustosi hambruger donati dai Lions. Sono gesti importantissimi".
In Caritas c'è un gran fermento e si rinnova l'impegno di tutta l'associazione anche in questi giorni speciali. Nei dormitori il 31 sera ci sarà la pasta coi muscoli donati dai Mitilicoltori, scaloppine limone, verdure e lenticchie. Il primo gennaio poi 1 pranzo ravioli burro e salvia e muscoli alla marinara e panettone oppure pandoro. In Cittadella poi per il pranzo del 1° gennaio ci sarà riso senegalese...con carne di manzo, poi panettoni e pandori.
"Siamo di fronte a gesti di solidarietà sconfinata - ha detto Don Luca - oltre a questo cibo che in gran parte ci è stato donato, abbiamo ricevuto gesti importanti anche dal quartiere che ci ospita. In un anno difficile come questo la solidarietà non si è fermata. La sera del 31 incontrerò i ragazzi per lo scambio degli auguri e i volontari saranno, come sempre al loro fianco. Rimane un grande momento di attesa e di speranza l'arrivo dell'anno nuovo".
"E' importante ricordare - ha aggiunto Elda Conte - che ci sarà anche il servizio docce, il buono si ritira al centro di ascolto. E per l'emergenza freddo ci sono ancora tre posti".
A Sarzana si sono organizzati con i volontari per fare in modo che, in vista della chiusura del 1° gennaio, le persone abbiano una buona dose di cibo anche il giorno successivo.
"Chiaramente resterà l'asporto e siamo al lavoro per garantire un menù speciale che sarà un pochino più ricco vista la festività - ha detto Mione -. Abbiamo avvertito chi si rivolge a noi e siccome vogliamo aiutarli, anche se non saremo aperti, daremo un pacco più ricco che potranno consumare il 1° gennaio. Tutto ovviamente nella massima osservanza delle norme di sicurezza di contrasto al Covid".
Anche per Missione 2000 non sono mancate le donazioni. "Un anonimo ci ha donato ravioli per cento persone - spiega Andrea Menichinelli - e i nostri cuochi sono già al lavoro per la cena di domani e venerdì. In questo periodo dell'anno gli spezzini, che non ringrazieremo mai abbastanza per la loro gentilezza, non hanno fatto mai mancare le loro generose donazione. Quest'anno possiamo addirittura dire che hanno voluto fare qualcosa di più. La città, tutti, hanno dimostrato di avere davvero un grande cuore".

(foto: repertorio)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News