Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 17 Agosto - ore 18.56

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Pellegrinaggio mariano a Ziona di Carro

Pellegrinaggio mariano a Ziona di Carro

La Spezia - “La speranza cristiana non confida nel caso, ma è legata alla sapienza e alla certezza della morte e risurrezione di Gesù”. Lo ha detto il vescovo Luigi Ernesto Palletti, celebrando ieri la messa del pellegrniaggio del primo sabato del mese, che a Luglio ha fatto tappa al santuario della Madonna della Speranza, a Ziona di Carro, nel verde ormai estivo dei monti della Val di Vara.
“Oggi siamo venuti ad un santuario che porta nel nome il legame di Maria con la virtù della speranza”, esordisce Mons. Palletti, che sottolinea da subito il legame tra speranza e sapienza. La vera speranza Qnon è uno “speriamo che vada bene, che non mi succeda questo o che mi succeda quello”. Questa è la casualità, non la speranza. La speranza del vangelo è altra cosa. Si basa sulla sapienza e viene da Dio. Non è legata al caso, ma a Qualcuno che dà stabilità. E’ Gesù la speranza che si concretizza nella nostra vita». Parafrasando Giovanni, potremmo dire che “Dio si è fatto speranza”.
“Guardando a Gesù vediamo che la speranza richiede anche un cammino da compiere verso di Lui, che è la mia certezza. La nostra speranza si basa sulla certezza della Sua morte e resurrezione”.
La speranza di essere salvi non è legata al caso, ma alla certezza della selvezza seguendo Gesù.  QIl Signore compie per noi le promesse del Vangelo – spiega Palletti. Ma chiede di seguirlo (“se sarete miei discepoli”, “se vuoi”, “se uno mi ama”, “se segue i comandamenti”, etc.)». Le promesse sono certe, ma sfidano la nostra libertà. E lì inizia il cammino della speranza. "La promessa è certa. Ma bisogna camminare con atti di fede e di carità (“qualsiasi cosa fatta al più piccolo l’avete fatta a me”). Speriamo nella Sua misericordia, provvidenza e amore. Non abbiamo ancora una visione completa. Serve un cuore che si affida alla Sua parola e cammina nella Sua parola. Maria è madre di speranza perchè è madre di sapienza. La speranza è già certezza: “fate quello che vi dirà”.  La speranza è sicura, ma va abbracciata giorno per giorno”.
Il vescovo ha poi concluso ricordando l’intenzione principale dei pellegrinaggi mariani del primo sabato del mese. “La nostra chiesa spezzina ha una speranza particolare, che Gesù chiami nuovi sacerdoti e che chi è chiamato sappia dire il proprio “sì” senza tentennare. Sappiamo quanto bene c’è nella Chiesa e quanta necessità nelle nostre comunità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure