Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 29 Novembre - ore 11.08

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Opi: "Infermieri laureandi all'opera ok, ma con dovute forme e cautele"

La versione dell'Ordine spezzino delle professioni infermieristiche.

"In degenze non Covid"

La Spezia - Riceviamo da Opi - Ordine professioni infermieristiche La Spezia

Oggi, sul suo profilo Facebook, il presidente Toti ha pubblicato un contributo con alcune possibili misure di emergenza. Due i punti che tocchiamo; il primo: assumere infermieri anche se non hanno ancora completato il corso di studi, con iscrizione all'Ordine. Il nostro Ordine, ed il Coordinamento degli OPI liguri, nei giorni scorsi hanno segnalato una forte sofferenza nella dotazione organica nelle corsie e nei servizi: questa sofferenza, in particolare, vede una criticità aggiuntiva nella cresciuta quantità di colleghi e dipendenti positivi al Covid. Il problema della mancanza di infermieri liberi 'sul mercato' è reale e ricordato, in una recentissima intervista, dallo stesso presidente Toti, e le graduatorie del concorsone 2017 sono, inoltre, ormai esaurite: i nostri contributi su questo tema sono sul nostro sito istituzionale.

Ora, in Italia non è possibile esercitare una qualsiasi professione sanitaria se non si è iscritti al rispettivo ordine: è vero che siamo in una situazione di emergenza, e la conferma deriva dal bando della Protezione Civile nazionale del 24 ottobre scorso, che ha aperto dei posti ''per gli Studenti al 3° anno di laurea in infermieristica, assistenza sanitaria, tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro'' , per le attività di contact tracing che vengono comunque svolte in staff. Per analogia, in una condizione che in 'tempi di pace' nessuno avrebbe mai neppure pensato, se si ritiene di inserire studenti prossimi alla laurea in un team già attivo, ovviamente con le attenzioni organizzative del caso, e con 'paletti' ben precisi per ingressi in situazioni controllate, ciò può costituire un aiuto concreto. Questo andrebbe a produrre un contributo certamente importante per 'alleggerire' la pressione sull'intera organizzazione della rete ospedaliera ed anche territoriale.

Siamo a circa un mese dalle lauree di circa 200 neo infermieri liguri, previste nei giorni dal 23 al 26 novembre, e in questo mese, di norma, le ore di formazione sono quasi concluse; la novità potrebbe essere proprio quella di inquadrarli con contratti ad hoc come 'studenti in formazione avanzata' ma, ripetiamo, non si tratta di infermieri: vanno (se si raggiunge un accordo con l'Università e le Aziende Sanitarie) inseriti con una grande cautela, e con quello che si può ipotizzare come un tirocinio avanzato retribuito. Avrebbero le normali competenze previste per questi studenti che lavorano solo a fianco di personale già strutturato e, proprio per la criticità del momento, a nostro avviso andrebbero inseriti in degenze non Covid, o sulle attività distrettuali in team multiprofessionali.
Quindi la proposta, proprio in analogia col bando nazionale della Protezione Civile, ha un senso legato alla grande sofferenza organizzativa del momento attuale.

Sulla seconda idea, che recita testualmente: ''dare la possibilità di trasferire agli operatori sanitari le funzioni più semplici della funzione infermieristica'' possiamo osservare che questo trasferimento di ''attività semplici'' è già incluso nel solo testo che, in Italia, descrive le attività dell'oss: la Conferenza Stato Regioni del 22 febbraio 2001, e che altri ''trasferimenti'' non sono oggi possibili, e non lo sono da profilo. E' vero che esiste una emergenza in atto, ma la sicurezza delle cure prestate, e l'attenzione alle norme in essere, va mantenuta.
Cogliamo l'occasione per chiedere, e su questo abbiamo già avuto riscontro, avvisi per la nostra Azienda Sanitaria per incarichi a tempo determinato per soli titoli, con 'finestra' di apertura limitata, e della durata di almeno un anno (due sarebbe meglio), al fine di trattenere i colleghi precari del nostro territorio che stanno partecipando a bandi analoghi nel Genovese o in altre regioni, proprio nell'ottica di un altro dei punti importanti proposti da Toti, che è quello di assunzioni stabilizzate.

Noi confermiamo tutta la nostra disponibilità a lavorare ai tavoli tecnici, per concordare ogni possibile strategia utile ai cittadini ed ai colleghi per affrontare questo periodo difficile, e anticipiamo che -come avvenuto a Marzo- le iscrizioni al nostro Ordine dei neo laureati avverranno in emergenza, nello stesso giorno di consegna della domanda completa, con la formula della Determina Presidenziale, in accordo con la Commissione d'Albo e successiva ratifica del Direttivo, al fine di mettere subito i nuovi professionisti in condizioni di esercitare l'attività, come richiesto dalle Autorità regionali, dalle parti sociali e nell'interesse di tutti.

Opi - Ordine professioni infermieristiche La Spezia

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News