Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Dicembre - ore 22.51

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Nuovo ospedale, arriva la variante. "Gennaio sarà il mese della verità"

Il sindaco Peracchini ha aggiornato i membri della commissione Sanità sugli ultimi sviluppi della complicatissima vicenda. Gli enti lavorano per accelerare i tempi, ma molto dipenderà dall'approvazione o meno dell'ultima proposta tecnica di Pessina.

Oltre 500 tavole
Nuovo ospedale, arriva la variante. "Gennaio sarà il mese della verità"

La Spezia - Le prossime settimane saranno quelle della verità. Asl, Provincia e Comune si esprimeranno sulla variante delle fondamenta preannunciata ieri dall'invio di 500 tavole a Ire da parte di Pessina costruzioni e finalmente si uscirà da una fase di impasse che va avanti da circa due anni.
O la va o la spacca. Se la nuova soluzione tecnica per la realizzazione delle fondamenta sarà valutata positivamente dagli enti preposti il cantiere riprenderà la piena operatività. In caso contrario l'impresa costruttrice dovrebbe andare avanti seguendo il progetto iniziale (da lei stessa elaborato e approvato a suo tempo da Provincia e Comune). Considerando questi mesi di tira e molla tra tutti i soggetti coinvolti, però, il timore è che a quel punto potrebbero subentrare nuovi attriti e che si possa ritornare punto e a capo. A quel punto la paura che striscia sempre meno latentemente tra gli spezzini, ovvero che il nuovo ospedale possa non vedere la luce, diventerebbe un'eventualità sempre più concreta.

Tornando ai fatti, questo pomeriggio il sindaco Pierluigi Peracchini ha aggiornato i membri della commissione Sanità presieduta da Marco Frascatore sugli ultimi sviluppi tecnici e burocratici della vicenda.
"Ieri si è riunito il collegio di vigilanza ed è stato riferito che Pessina ha inoltrato a Ire la proposta di variante per le fondamenta. Per velocizzare al massimo i tempi - ha spiegato il primo cittadino - la documentazione, composta da circa 500 tavole, è stata comunicata al Comune e alla Provincia, competenti per quel che riguarda rispettivamente il parere idrogeologico e sismico. La Regione, dal canto suo, si è impegnata per convocare la conferenza di servizi non appena la variante sarà presentata ufficialmente. In quella sede Asl potrà dichiarerà se ritiene la variante di interesse pubblico o meno e i tecnici di Comune e Provincia esprimeranno il loro parere. Nel frattempo i lavori per concludere i lavori della paratia si stanno avviando a conclusione e dovrebbero terminare entro la fine del mese".
La proposta di variante di cui si parla oggi prevede di realizzare le fondamenta con una struttura a "T" (invece che a "T rovesciata") sormontate da isolatori sismici che potrebbero essere più facilmente manutenuti. E' decaduta, invece, l'ipotesi di realizzare le fondamenta con il sistema della "platea alleggerita" di cui si parlò alcuni mesi fa. Un percorso di soluzioni ingegneristiche che ricalca quello della scelta dei progettisti da parte di Pessina, passata da "3C progetti" a "Iconia", per poi ritornare a "3C progetti".

I commissari hanno preso atto delle novità e sembrava che nessuno avesse domande da porre al sindaco, tranne il vicepresidente Roberto Centi e il capogruppo di Leali a Spezia, Guido Melley.
"Qual è l'affidabilità di Ire secondo lei? Così come Asl e Provincia si sono negati di fronte alla convocazione di questa commissione e questo mi conferma l'idea che in qualità di stazione appaltante, Rup e direzione del cantiere non stia seguendo nel modo migliore questa vicenda. Per questo ho chiesto a più riprese di fare maggiore pressione sulla Regione: sono loro che hanno voluto dare tutto in mano a Ire. Viene deciso tutto a Genova e sono preoccupato per questo andazzo. L'impressione di molti in città è che il progetto sia a forte rischio".

"L'interlocutore primario è Pessina - ha risposto Peracchini -. Non dimentichiamo che in tutta Italia gli ospedali si fanno, ma in un altro modo. Qua è stata scelta una strada complicata e piena di sorprese. Le terre da scavo dovevano essere smaltite in ambito portuale, ma non c'è stata contemporaneità tra le opere. La questione dell'altare di cui nessuno sapeva niente è ben nota, con tutti i rallentamenti che ha comportato. Abbiamo sbloccato la questione del conferimento delle terre, così come quella della variante della paratia, indispensabile per far riprendere i lavori. Poi è sorto il tema dell'ipotesi di variante per le fondamenta e nel contempo sono sorti i contenziosi con Asl: quello per la riserva da 10 milioni, rigettata dall'azienda sanitaria, e quello per l'escussione della fideiussione, per altri 10 milioni, a causa del mancato rispetto delle tempistiche da parte della ditta, oggi fermo in attesa del parere di Anac.

Prima che la commissione concludesse i lavori dandosi appuntamento all'aggiornamento da parte del sindaco dopo la convocazione della prossima commissione di vigilanza, Centi ha chiesto ulteriori rassicurazioni.
"Non possiamo andare avanti in questo modo - ha risposto il primo cittadino -. Ieri a Ire ho detto: "Basta. O i lavori per le fondamenta iniziano, secondo il progetto originario o secondo quella della variante, dopo il completamento della paratia, oppure si andrà verso un altro contenzioso nei confronti di Pessina. O si onora il contratto di appalto o non si onora. Gennaio sarà il mese della verità".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News