Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Maggio - ore 14.04

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Novant'anni fa moriva Egidio Bullesi

il ricordo di egidio banti
Novant'anni fa moriva Egidio Bullesi

La Spezia - Giovedì scorso sono ricorsi novant’anni dalla prematura scomparsa, a soli ventiquattro anni di età, del servo di Dio Egidio Bullesi. Era un giovane dal carattere estroverso che, nella sua breve vita terrena, fu fondatore di un gruppo scout, catechista, marinaio, operaio, terziario francescano e soprattutto testimone dell’amore di Dio e della sua bontà infinita. «L’Italia sarà grande solo quando sarà veramente cristiana!», lasciò scritto Egidio, le cui virtù eroiche sono state riconosciute nel 1997, durante il pontificato di san Giovanni Paolo II. Il suo direttore spirituale fu don Antonio Santin, futuro arcivescovo di Trieste. Terzo di nove figli, era nato il 24 agosto 1905 a Pola, allora appartenente all’Impero austro–ungarico, ed ora è sepolto in Croazia, nell’isola di Barbana, ma la memoria della sua figura si intreccia strettamente con Spezia.

Alla Spezia infatti, già allora importante piazzaforte marittima, Egidio Bullesi fece scalo durante il servizio militare nella Marina italiana, negli anni Venti, a bordo della “Dante Alighieri”. Sarebbe poi morto giovanissimo nel 1929 in seguito a una polmonite contratta in servizio. Ma è stato soprattutto nel dopoguerra che si è parlato di lui, sino alla fondazione, all’inizio degli anni Ottanta, dell’associazione laicale che tuttora porta il suo nome. Una parte della sua famiglia, infatti, con Lino, uno dei fratelli, che faceva il sarto e che venne ad abitare in piazza Brin, proprio accanto alla chiesa, si trasferì alla Spezia insieme a tanti profughi istriani, e questo consentì appunto la conoscenza della figura del giovane venerabile e la costituzione, promossa in particolare da Bruno Dal Molin, che ne è tuttora il presidente, dell’associazione “Egidio Bullesi”.

L’associazione ha dedicato il suo impegno di tutti questi anni, con intuizioni in qualche modo profetico, al tema oggi attualissimo dell’”alleanza tra le generazioni”, favorendo l’avvio di un “villaggio famiglia” dove accogliere persone e famiglie anziane, non però isolate tra loro, ma unite e in sinergia con famiglie giovani. Su questo tema la “Bullesi” ha per così dire fatto scuola, ed oggi attività del genere vengono impostate a vasto raggio.

Egidio Banti

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News