Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 17 Gennaio - ore 22.39

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Nasce un bosco nel parco del "2 giugno", ma al verde urbano servono più cure

Oggi in Comune una commissione sullo stato di salute dei parchi e delle aree verdi spezzine. I consiglieri:"E' stato fatto tanto, ma va risolto il problema dei topi"

Nasce un bosco nel parco del `2 giugno`, ma al verde urbano servono più cure

La Spezia - Un polmone verde rafforzato ma comunque bisognoso di cure contro il degrado e la presenza dei topi. E' questo lo spaccato emerso dalla commissione consiliare sui parchi e gli spazi verdi presenti nel territorio comunale, ma non mancano le novità. La principale è costituita dalla programmazione di un "effetto bosco" all'interno del parco del 2 giugno, sede di tre plessi scolastici e una scuola per l'infanzia, con la piantumazione di nuovi alberi compatibili con le caratteristiche del clima spezzino.
La decisione è stata presa durante l'incontro di ieri del tavolo del verde e ad annunciarla in commissione è stato il vice sindaco e assessore Cristiano Ruggia. Questa è però solo uno dei capitoli affrontati nel corso della riunione odierna, richiesta dalla consigliera Ariodante che ha stilato una serie di richieste rivolte all'amministrazione.
Punto sul degrado e le proposte di Ariodante. Una palestra all'aperto e la proposta di un campo da baseball."Io sono partita dalle segnalazioni dei cittadini - ha spiegato il consigliere Marcella Ariodante del Movimento cinque stelle- . Nelle nostre aree verdi e nei parchi ci sono situazioni di degrado. Penso a Montepertico, nel parco del 2 giugno i giochi sono in condizioni distastrose e una situazione analoga è presente anche in Piazza San Domenico di Guzzman. Al parco dei pesci di Bragarina manca la fontana da mesi e in Piazza Caduti della libertà permangono situazioni critiche come nel caso del Parco della Rimbembranza. Sarebbe anche opportuno valutare la possibilità di attrezzare un'area per gli skateboard, simile a quella presente nel parco dei pesci. Sempre rimanendo nel tema di spazi ad uso dei cittadini bisogna pensare ad un'ottica di innovazione. Un esempio sarebbe la destinazione del parco di Villa Ferrazzi attrezzata come una palestra all'aperto. In molte città italiane questo concetto è già stato assorbito, dovremmo fare lo stesso valutando anche la possibilità di strutturarla in modo che si possa creare energia alternativa. Voglio aggiungere, infine, la possibilità di poter destinare un'area al baseball praticato spesso nella comunità dominicana".
Ruggia, il punto della situazione.Nella prima parte della sua relazione il vice sindaco Ruggia ha spiegato come in questi dieci anni siano stati fatti passi importanti soprattutto nella restituzione dei parchi. "La palestra nel verde era disintegrata, il parco di Viale Alpi e della Pieve erano chiusi - ha detto -, ora sono fruibili tutto l'anno. Alla restituzione di queste aree si aggiungono i nuovi parchi, un esempio sono quelli del Favaro e del Favaro alto e gli Orti di San Giorgio solo per citarne alcuni. E ne abbiamo in cantiere altri in Valdurasca, nella zona di Pagliari e quello che sorgerà sulle vecchie mura. Non abbiamo lesinato sulle manutenzioni e sul parco dei pesci di Bragarina abbiamo già avvertito il geometra la questione è in fase di risoluzione. Per le criticità riscontrate a Montepertico era già partita una nota che tornerò a sollecitare. Per il parco del 2 giugno abbiamo studiato e approvato nel tavolo verde la piantumazione di nuovi alberi per ricreare un effetto bosco, ma per i giochi dovremmo rivalutare la situazione e provare ad inserirla nel prossimo bilancio. Devo dire che al mio ultimo presidio, in occasione della commemorazione del rastrellamento di Migliarina, ho trovato un parco ordinato e in buona salute. Voglio ricordare che nei nostri giardini pubblici sono stati fatti dei lavori importanti, tra i quali il recupero della fontana del Bigigèo, grazie ai contributi della Fondazione Carispezia e i Lions. Su Piazza San Domenico di Guzman ci troviamo davanti ad un problema di ordine pubblico, invece la rasatura è stata fatte con dovizia. Per la palestra all'aperto era stato aperto un percorso per Villa Ferrazzi. In questo ambito era coinvolto uno sponsor, quindi la proposta valida c'è ma va ancora formalizzata".
Il campo da baseball, ha aggiunto Ruggia, ha bisogno di particolari fasce di rispetto e comunque non rientra nelle competenze del verde urbano. Il preasidente di commissione Carro ha però segnalato che il problema del baseball non è da sottovalutare, perchè molti giovani lo praticano in aree non idonee quali il parco della Maggiolina.
I consiglieri tra proposte e denunce. Servono cartelli per riscoprire il patrimonio dei parchi. I topi devono stare lontani dai parchi. Il laghetto nell'ex area Ip Il consigliere Masia ha chiesto che venga fatta chiarezza sulle aree di sgambatura, attualmente due all'interno dei parchi spezzini, e per valorizzare il patrimonio dei giardini pubblici. Un tema quello legato all'ordine dei giardini ribadito più volte in commissione e tra le altre è stata avanzata anche la proposta di recintare l'area, come ha segnalato il consigliere De Luca, perchè a conti fatti il degrado continua a imperversare nella zona del palco della musica.
Per quanto riguarda il laghetto nell'ex area Ip, il consigliere Bucchioni ha chiesto come potesse essere valorizzata questa scoperta e soprattutto che fine hanno fatto le proposte delle aree verdi previste in quella zona. Infine ha chiesto un aggiornamento sul punteruolo rosso e sullo stato di salute degli alberi del parco del Colombaio. Su questo argomento anche il consigliere Petri ha sollecitato per una massima attenzione, affinchè si capisca la compatibilità con le zone abitate.
Il consigliere Mannucci si è concentrato sulla questione ratti, perchè in molte zone elencate in commissione la presenza di questi roditori è costante e potrebbe rivelarsi molto pericolosa. Di Vizia è intervenuto convenendo sul fatto che a seguito della vastità gli spazi il problema è la loro gestione. A suo avviso un maggiore coinvolgimento del volontariato potrebbe dare sollievo alla situazione. A chiudere gli interventi, il consigliere Liguori che ha precisato come questa fotografia, che dipinge ratti e degrado sia distante dalla realtà.
L'amministrazione risponde Ruggia in chiusura ha specificato che i tagli degli ultimi anni e il blocco del turn over hanno azzerato e bloccato le assunzioni limitando automaticamente tutte le manutenzioni. Per il vice sindaco c'è da migliorare sotto molti aspetti e ha escluso che venga realizzata una recinzione ai parchi pubblici perchè un atteggiamento di chiusura peggiorerebbe la situazione. In risposta ai consiglieri ha ricordato che per l'area ex Ip sono previste diverse aree verdi ed è in fase di progettazione un percorso per le aree di sgambatura. Infine, la sfida contro il punteruolo rosso sembra essere vinta e per il parco del Colombaio...seguiranno aggiornamenti, forse già da domani si saprà qualcosa di più".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure