Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 01 Marzo - ore 22.30

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Lo studio: 50 morti spezzini in meno all'anno riducendo le polveri sottili

Pubblicata su The Lancet Planetary Health un'indagine finanziata dal ministero per l'Innovazione spagnolo e dal Global Health Institute.

Oms
Incrocio tra Via San Cipriano e Via Veneto

La Spezia - Inquinamento e mortalità: un'accoppiata purtroppo vincente, finita al centro di uno studio condotto da ricercatori dell'Università di Utrecht, del Global Health Institute di Barcellona e del Tropical and Public Health Institute svizzero, pubblicato su The Lancet Planetary Health e finanziato dal ministero per l'innovazione spagnolo e dal Global Health Institute. L'indagine riporta alcuni dati non confortevoli per l'Italia, ad esempio che Brescia e Bergamo hanno il tasso di mortalità da particolato fine (PM 2.5) più alto in Europa.; nella top ten anche Vicenza (quarta) e Saronno (ottava). Lo studio analizza anche la mortalità da biossido di azoto (NO2): Madrid risulta la città con maggior numero di decessi in Europa; Torino e Milano figurano rispettivamente al terzo e quinto posto. Lo studio si chiede altresì quante morti premature potrebbero essere evitate ogni anno, se le città prese in esame riducessero PM 2.5 e NO2 ai livelli raccomandati dall'Organizzazione mondiale della sanità. La Spezia, si legge su The Lancet Planetar Health, potrebbe evitare 49 decessi prematuri correlati all'inquinamento da PM 2.5 e nessuno per quanto concerne quelli inerenti il biossido di azoto; questo secondo inquinante vede solo Milano e Torino in condizioni tali da poter sensibilmente contrarre ampiamente i decessi (rispettivamente 103 e 34 morti evitabili). La Spezia, rileva lo studio, ha una media annuale di 15.9 µg/m3di PM 2.5, mentre il livello massimo raccomandato dall'Oms è 10; per quanto concerne l'NO2, il tetto dell'Organizzazione è 40 µg/m3, superiore al valore medio annuale spezzino di 24.8 µg/m3. Torniamo, per chiudere, alle 'capoliste' Brescia e Bergamo: portassero il particolato fine entro i livelli predicati dall'Oms, conterebbero rispettivamente, secondo lo studio, 232 e 137 morti in meno ogni anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News