Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 Settembre - ore 12.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Liguri fra i pochi a credere a Immuni, percentuale sopra la media nazionale

L'app è stata scaricata da meno di sei milioni di italiani pari al 9,9% della popolazione. Nella nostra regione dato al 12,4%.

contenimento del contagio

La Spezia - Complice la situazione creatasi negli ultimi giorni nello Spezzino, con il repentino aumento dei casi di Covid 19, potrebbe essere aumentato anche il numero di download dell'App Immuni, strumento nazionale varato a giugno dal Ministero della Salute per monitorare e contenere l'epidemia del Coronavirus.
Pensata per essere alla portata di tutti sugli smartphone che vengono usati quotidianamente da milioni di italiani, l'app non ha però avuto il successo sperato come confermano anche i dati – aggiornati al 31 agosto – diffusi ni giorni scorsi dal dipartimento innovazione della Presidenza del Consiglio e riportati dal Sole 24 Ore.

I download a livello nazionale sono infatti assestati a quota 5,5 milioni pari al 9,9% della popolazione e al 14% dei cellulari presenti in Italia. Per la prima volta però sono stati comunicati anche le percentuali delle singole regioni che vedono la Liguria fra le più virtuose. È netta infatti la spaccatura fra il Nord, che nei mesi scorsi ha affrontato la crisi più difficile, e il centro Sud dove le cose sono andate meglio. La percentuale più alta di cellulari con l'app è quella della Provincia Autonoma di Bolzano, mentre a livello regionale l'Emilia Romagna arriva al 13,3% seguita dall'Abruzzo con il 13,1%. Liguria e Toscana si posizionano subito dietro con il 12,4% mentre dopo il Lazio (11,5%), Lombardia e Veneto seguono rispettivamente a 10,8% e 10,7%. Molto lontane invece come detto le regioni del Sud con la Campania al 6,5% e la Sicilia al 5,4%.

Come sottolinea Il Sole dunque il tasso di download è stabile sui centomila a settimana, nonostante l'aumento dei casi registratosi nelle ultime due settimane in buona parte della Penisola e alla vigilia della ripresa dell'attività scolastica. Eppure, secondo quanto riferito dal Dipartimento innovazione della Presidenza del Consiglio, finora Immuni ha consentito di bloccare sette potenziali focolai grazie alle notifiche arrivate sugli smartphone di altrettanti cittadini che hanno così scoperto di essere positivi isolandosi in tempo. Dal 13 luglio ad oggi – come riporta il quotidiano – le notifiche registrate sono state 1878 a livello nazionale mentre sono stati 155 gli utenti positivi che hanno caricato i propri dati sui server. Per quanto riguarda la procedura da seguire in caso di notifica, il Ministero ha riferito che l'Asl compente, allertata dal medico, deve prescrivere i quattordici giorni di isolamento a partire dal rilevamento col contatto a rischio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Utenti di Immuni per Regione


Notizie La Spezia




FOTOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News