Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 15 Agosto - ore 20.47

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Legambiente Sarti: "Per l'area Enel l'unica soluzione è nelle rinnovabili"

Legambiente Sarti: "Per l'area Enel l'unica soluzione è nelle rinnovabili"

La Spezia - Sulla realizzazione dell’infrastruttura "esperimento DTT Divertor Tokamak Test" per la ricerca sulla fusione nucleare per la quale è stata proposta l’ex area Enel si assiste al consueto scenario di “grandi opportunità per il territorio”, dalle “notevoli ricadute occupazionali”, non suffragate (per ora) da dati impostati su seri studi che tengano conto di tutti i fattori in gioco: ambientale, sociale, economico, della sicurezza.
Come purtroppo è costume, si tratta di proposte presentate quasi in dirittura di arrivo, vicinissimo alla scadenza fissata per le candidature, con il rischio che si arrivi a decisioni irreversibili senza che la comunità locale sia stata davvero coinvolta.

Stiamo oltretutto parlando di un sito, quello Enel, sul quale fino a pochi giorni gli stessi amministratori locali hanno dimostrato di non aver ben chiaro i tempi della dismissione della centrale, il ruolo di ENEL, nonché il percorso amministrativo sulla base del quale debba avvenire la transazione verso il nuovo utilizzo (questioni della bonifica, dell’Aia).
Oltretutto questo annuncio viene dato prima ancora della pubblicazione del famoso studio (commissionato allo stesso Enea) sui possibili scenari riguardanti il nuovo utilizzo dell’area.
Ciò che per Legambiente è doveroso sottolineare è l’aspetto della valutazione rigorosa dell’impatto ambientale, della sicurezza, dei rischi sanitari, in un Golfo che al proposito – utilizzando un eufemismo - ha una storia alquanto tormentata.

La posizione di Legambiente su Enel non cambia: le scelte devono realizzarsi a valle di percorsi che, tenendo conto di tempi certi di dismissione della Centrale e delle relative bonifiche che garantiscano per la qualità ambientale e la sicurezza di chi frequenterà i siti dismessi, informino e coinvolgano adeguatamente la comunità locale attraverso processi decisionali che si realizzino attraverso il metodo degli scenari comparati, da misurarsi in un quadro di sostenibilità economica, sociale e, soprattutto – parlando di Levante spezzino – ambientale.

Per questi motivi la prima opzione per Legambiente, nel caso si preveda la creazione di un importante centro di ricerca nell’area Ex Enel, rimane quella di un centro orientato alle energie rinnovabili.
Alla politica degli annunci preferiamo quindi quella del confronto nel merito, anche perché, diversamente, non sappiamo come potrebbero reagire turisti e investitori (crociere e alberghi) a reiterati annunci di "città di ricerca sulla fusione nucleare”

Stefano Sarti
Legambiente Liguria

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News