Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 17 Agosto - ore 22.47

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Le priorità di Salerno: "Direttore e sostegno delle imprese"

Il nuovo presidente di Promostudi si è presentato alla città. Grande soddisfazione da parte di tutti i soci. Peracchini: "Fondamentale creare un collegamento forte tra il mondo del lavoro e la nautica".

Nuovo corso
Le priorità di Salerno: "Direttore e sostegno delle imprese"

La Spezia - Con la nomina di Ugo Salerno all'interno del consiglio di indirizzo di Promostudi e l'elezione a presidente della fondazione universitaria, il Polo Marconi può riprendere la sua marcia, rallentata solo in parte dalle dimissioni di Giuseppe Bono.
Dal punto di vista didattico, ovviamente, nulla si è fermato, ma si attendeva il riassetto della governance, aspetto delicato in un momento di grandi cambiamenti, primo fra tutti quello della conclusione dei lavori e del trasferimento nella nuova sede.

Salerno, scelto per l'esperienza nel campo navale e nautico testimoniata da un curriculum di prim'ordine (leggi qui), si è mostrato sicuro della possibilità di poter accompagnare un cammino del crescita del polo spezzino, senza azzardare promesse o indirizzi futuri, in attesa di prendere completamente coscienza della situazione interna a Promostudi.
L'unica eccezione, riguardo alle scelte future, riguarda l'eventualità della nomina di un direttore che segua la gestione dal punto di vista operativo.
"Credo che un direttore sia importante per Promostudi - si è sbilanciato Salerno, che sul tema si è confrontato anche con i soci -. Occorre una figura dal profilo ideale e credo sia necessario chiudere la pratica in tempi ragionevolmente rapidi".

Ad aprire il giro dei benvenuto e dei ringraziamenti rivolti al nuovo presidente è stato il sindaco della Spezia, Pierluigi Peracchini.
"Ringrazio Salerno a nome della città per la disponibilità data nel ricoprire un incarico così importante, soprattutto in questo momento economico e storico in cui è fondamentale creare un collegamento forte tra il mondo del lavoro e la nautica. Il polo universitario si deve adeguare al futuro, che è sempre più vicino. Come città mettiamo da sempre a disposizione tante risorse per il Marconi, ma oggi è un grande giorno: è l'inizio del rilancio".
Molto soddisfatta della nomina di Salerno anche la vicesindaco e assessore all'Università, Genziana Giacomelli: "Dopo aver svolto un importante step di promozione con il recente salone Orientamenti alla Spezia, oggi compiamo un nuovo passo per un polo che rappresenta la nostra economia di riferimento".
"Ringraziamo Salerno per aver accettato questo incarico con grande spirito di servizio - ha detto il rettore dell'Università degli studi di Genova, Paolo Comanducci -. Da tempo a Genova abbiamo instaurato una collaborazione notevole con Rina, grazie al suo impegno. E' dotato di grande capacità pragmatica, sa analizzare i problemi e trovare soluzioni rapidamente. Inoltre - ha aggiunto il rettore - con la prossima apertura dei laboratori il polo didattico diventa una vera realtà universitaria. Potremo infatti attivare alla Spezia dottorati di ricerca che facciano radicare qua i docenti di domani. Dobbiamo partire dai giovani: è lì che c'è la potenza di fuoco della ricerca".
Parole importanti, quelle di Comanducci, che traccia così la possibile prossima soluzione per consentire l'avvicendamento tra i professori vicini alla pensione e le nuove assunzioni.
"Stiamo programmando proprio in questi giorni - ha svelato - il reclutamento di nuovi docenti per Ingegneria Navale e stiamo decidendo l'ingresso di una nuova generazione di docenti. C'è necessità di far fronte al turn over e oggi abbiamo le possibilità per farlo".

"Dobbiamo continuare a correre, siamo già una grande realtà. Il curriculum di Salerno ne fa la persona più indicata a mettere marcia in più", ha dichiarato Alberto Balbarini, consigliere delegato della Fondazione Carispezia.
E quanto sia importante imprimere in questo periodo una accelerazione alla crescita del polo spezzino lo ha spiegato Francesca Cozzani, presidente di Confindustria altro socio storico di Promostudi: "Il comparto industriale e in particolare quello della cantieristica e della nautica si è lasciato alle spalle grossa crisi e oggi crescere 15 per cento annuo. Servono quindi le figure professionali sempre più capaci e specifiche, e qua entra in gioco anche il corso di Ingegneria Meccatronica".
Lorenzo De Conca, membro del consiglio di indirizzo in rappresentanza dell'Autorità di sistema portuale ha sottolineato il "connubio naturale tra l'attività di ricerca e formazione e le realtà economiche presenti nel territorio in cui opera la stessa Adsp".
Ha ricordato la paternità dell'idea di una formazione superiore alla Spezia da parte della Camera di commercio, il presidente Gianfranco Bianchi: "Il la venne dato con il diploma di Design nautico voluto dall'allora presidente Pier Gino Scardigli. Negli ultimi mesi abbiamo visto nascere la futura sede e abbiamo assistito all'ingresso di Genova. Oggi siamo a un punto di svolta, con molte opportunità".

"Ringrazio tutti per la fiducia - ha concluso Salerno -. Sappiamo che la competitività di un Paese si basa su competenza e livelli di tecnologia superiori, e si fa essenzialmente con la formazione dei giovani. Cercherò di comprendere quale possa essere la maniera migliore per dare il mio contributo. Lo sviluppo delle attività è legato alle specificità di un territorio che è da sempre polo marittimo e navale di rilievo a livello internazionale. La Marina, la cantieristica e la nautica ne sono un esempio, ma non dobbiamo dimenticare la logistica, con le sfide del porto e dell'impiego futuro di Panigaglia, ma anche il terminal crociere. Vogliamo dare ai nostri giovani l'opportunità di formarsi e fermarsi a lavorare nella loro città. La visione strategica di lungo periodo del rettore è importante: radicare i professori è garanzia per il futuro di Promostudi. Una sede più grande va sostenuta con una offerta formativa che sia in grado di far cresce i volumi degli studenti. Ma dobbiamo anche pensare di avvicinare la Promostudi al mondo dell'industria, che contribuisca per avere giovani meglio formati per le aziende locali. Possiamo aiutare la imprese della nautica a essere più industriali ed efficienti, con persone competenti e formate. Se le aziende vogliono giovani preparati devono dare una mano".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News