Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Marzo - ore 23.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

La polemica "offusca" il Giorno della Memoria e sbarca sui social

Due fuori programma in Sala Dante con la richiesta di provvedimenti nei confronti di una docente. E Guerri ha scritto una lettera al Liceo Mazzini. La docente: "Volevo solo esprimere la salvaguardia del concetto di umanità".

"politica becera" fa infuriare Saccone
La polemica "offusca" il Giorno della Memoria e sbarca sui social

La Spezia - Il Giorno della memoria alla Spezia ha rischiato di diventare il giorno delle polemiche. Tutto è nato da un post pubblicato dalla consigliera di maggioranza Patrizia Saccone nel corso del consiglio comunale straordinario dedicato alla commemorazione delle vittime della Shoah. Nel corso della mattinata infatti si sono verificati due fuori programma che hanno riguardato gli interventi di due docenti del liceo Mazzini non previsti nella scaletta. Secondo la sensibilità della consigliera comunale uno in particolare avrebbe espresso un'opinione politica non richiesta e non consentita in base all'ordine dei lavori stabiliti.

Saccone al termine del primo intervento ha postato quasi in contemporanea su Facebook il suo pensiero: "E' stato preso di mano il microfono ad una ragazzina - ha detto e scritto sui social - quella di oggi doveva essere una giornata di unità e comprensione. La docente ha fatto un intervento politico che va al di là del suo ruolo. Sono in sala Dante, un' insegnante nell' esercizio delle sue funzioni sale sul palco non invitata, e prendendo il microfono ad una ragazzina esprime un' opinione politica. Non vi dico se era un opinione a favore o contro il Governo... perché semplicemente non si fa! E' vergognoso usare la scuola per diffondere un ideologia politica. Vergognati cara professoressa!". Sempre in ambito virtuale a riprendere le parole di Saccone anche Jacopo Ricciardi, storico membro di Rifondazione comunista che dalla sua pagina ha commentato: "Abbiamo [...] l'ex assessore di centro sinistra, che poi con un triplo salto mortale è passata consigliera comunale del centrodestra, si lamenta se un insegnante fa riferimento ai rigurgiti razzisti che ci sono nel nostro paese. Povera Spezia in che mani siamo".

Immediate le reazioni sotto forma di commento, anche di chi non era presente nella seduta, alcuni dei quali si sono spinti a chiedere un provvedimento disciplinare nei confronti della docente che ha preso la parola facendo scatenare Saccone. Città della Spezia ha contattato la professoressa citata dalla consigliera e la dirigente scolastica Francesca Del Santo. "Ho voluto solo esprimere la salvaguardia del concetto di umanità - ha dichiarato la docente ai taccuini di Città della Spezia - . Tutti dovrebbero ribadirlo. Io ho presentato il lavoro della mia classe spiegando che il lavoro dei ragazzi era sulla musica nei lager. Ho sottolineato anche quanto fossero bellissimi tutti gli altri presentati fino a quel momento. Poi ho aggiunto che come scuola dobbiamo mantenere alto il concetto di umanità, rispetto a questa politica becera d'odio. E' un dato di fatto che a livello mondiale siano momenti critici. Io ho pensato a quanto avvenuto ieri fuori dai cancelli di Auschwitz (con una manifestazione di estrema destra in cui veniva sottolineata la totale responsabilità della Germania nella costruzione dei campi e nell'eccidio, ndr). Se a certa politica da fastidio una mia affermazione che può fare chiunque non posso farci molto. Io non sono avvezza alla politica e non sapevo dell'ordine dei lavori del consiglio comunale".

Dalla vicenda scatenata sui social, nella realtà, all'istituto Mazzini è arrivata una telefonata direttamente dal presidente del consiglio comunale Giulio Guerri che nel corso della seduta ha sottolineato, non senza imbarazzo, che sono presenti dei punti specifici da seguire. Il richiamo è stato fatto al termine del secondo toccante fuori programma dopo che la professoressa Scheer ha raccontato la sua esperienza (leggi qui).
"Io ho avuto una telefonata dal Comune - ha spiegato la dirigente scolastica Del Santo a CDS - mi riservo di appurare direttamente con la docente interessata esattamente cosa sia accaduto. Il Comune correttamente mi ha riferito di questo fuori programma, che francamente non mi aspettavo. Noi ci siamo impegnati con il lavoro dei ragazzi e spero che non venga offuscato e che venga rimarcato il loro grande sforzo assieme a quello dei docenti. Quando affrontiamo queste tematiche lo facciamo con assoluta consapevolezza di questo dramma senza fine. Noi ci mettiamo dentro tanta passione e può essere che in un momento di trascinamento possano essere uscite parole fuori dal contesto e questo accade quando c'è partecipazione. Mi confronterò con la docente, devo ascoltare, capire e infine ricostruire nel dettaglio quanto avvenuto".

Oltre al contatto telefonico tra la dirigente e il presidente del Consiglio comunale quest'ultimo ha inviato all'istituto una lettera formale nella quale si legge: " Questa Presidenza vuole esprimere il proprio rammarico per l'inopinata esternazione della professoressa [...], avvenuta prima della performance degli studenti di codesto istituto. Detto intervento, non previsto in scaletta, ha mescolato la presentazione degli studenti con un parere personale dell'insegnante che non era in sintonia ne con l'argomento ne con la solennità della commemorazione in atto durante il Consiglio Comunale Straordinario per il Giorno della Memoria. Quanto sopra per significare il disappunto per una palese mancanza di rispetto nei confronti di questa Istituzione e per evitare, nel Futuro, analoghi incidenti. Con immutata stima il presidente del consiglio comunale".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News