Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 21 Settembre - ore 12.38

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

La diocesi festeggia la domenica delle Palme

La diocesi festeggia la domenica delle Palme

La Spezia - Si celebra oggi solennemente in tutta la diocesi la festa delle Palme, ricordo dell’ingresso di Gesù a Gerusalemme, alla vigilia della Pasqua ebraica. Ieri pomeriggio, in Cattedrale, il vescovo Luigi Ernesto Palletti ha presieduto il pontificale alla presenza di numerosi fedeli.
"L’ingresso in Gerusalemme – ha commentato il vescovo nell’omelia - fa parte del compimento del disegno di salvezza. Doveva essere una Pasqua particolare, quella, e i discepoli lo avevano colto. Erano pronti per sedersi uno alla destra di Gesù, nel Suo regno, un altro alla sinistra. Dei greci erano venuti a vederLo. Quando sciolgono il puledro da portare a Gesù, i discepoli non trovano alcuna opposizione, come era stato preannunciato loro dal maestro.  Tutti attendono l’entrata del maestro nella vittoria, la sua salita al trono. Manca poco. “Tra poco saremo liberi” – pensano tra sè".
"Questo – prosegue mons. Palletti - è il clima di attesa quando Gesù entra in Gerusalemme. I governanti ne sono consapevoli, infatti intendono portare a compimento il loro piano non durante la festa, per evitare un tumulto del popolo. Poi però le cose cambiano.  Perché il regno di Cristo non è quello atteso. La Sua potenza non sta nello sconfiggere i potenti della terra. Questo però comporta, nell'apostolo Pietro, la reazione di rifiuto. Il Messia viene travolto dal potere della morte. Il crocifisso è abbandonato da Dio stesso".
"L’attesa delle persone era corretta, la regalità si stava realizzando. Ma la lettura da parte della gente era appiattita sull'orizzonte terreno. Vedevano un regno di potenza magari anche di giustizia, ma in un orizzonte terreno. Pietro fa esperienza della fragilità terrena. Gli altri già fuggiti. Il mastro è solo".
"Il giorno di Pasqua getterà una luce particolare su tutta la vicenda. Ma – sottolinea il vescovo - per ora è solo lo scandalo della croce. Anche noi rimaniamo scandalizzati quando la croce tocca la nostra esistenza, e l’interrogativo risorge: dov’è Dio? Perché bisogna passare dalla croce? Possiamo però vedere sempre l’amore di Dio, che manda Suo figlio a morire per noi".
"Entriamo nella Settimana Santa - conclude Palletti - alla luce della risurrezione, ma consapevoli della fragilità che ci fa inginocchiare sotto la croce, implorando misericordia".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News