Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 26 Marzo - ore 22.46

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

La differenziata va all'istituto Anna Frank anche con la realtà virtuale | Foto | Video

Gli studenti delle medie questa mattina hanno partecipato ad un progetto di sensibilizzazione alla raccolta consapevole dei rifiuti promosso da Ancitel.

La differenziata va all´istituto Anna Frank anche con la realtà virtuale <span class=´linkFotoA1´ style=´color: #000´> | <a href=´/fotogallery/A-lezione-di-differenziata-con-la-2256_1.aspx´ class=´FotoVideoA1´ style=´Font-size: 33px´>Foto</a></span><span class=´linkFotoA1´ style=´color: #000´> | <a href=´/videogallery/La-realta-virtuale-per-differenziare-1138.aspx´ class=´FotoVideoA1´ style=´Font-size: 33px´>Video</a></span>

La Spezia - Sfatare il mito della realtà virtuale come divertimento fine a se stesso. Nel progetto che questa mattina ha toccato La Spezia non ci sono morti viventi ed epiche battaglie spaziali da vincere ma rifiuti da differenziare correttamente. Così gli studenti della scuola media "Anna Frank" hanno indossato mascherina e cuffia progettate per la realtà virtuale e in ordine sono entrati in un'azienda che separa i rifiuti, ma anche in un appartamento dove in base agli oggetti selezionabili potevano capirne il riciclo. Domani parteciperanno gli studenti della Scuola E. Venturini, per un totale di oltre 300 alunni.
Waste Travel 360° è il primo progetto di realtà virtuale nel mondo dei rifiuti è viene utilizzato come innovativo strumento didattico nelle scuole italiane. La Spezia rappresenta la quarta tappa della campagna che nell’arco di 9 mesi coinvolgerà più di diecimila studenti in 40 Comuni italiani. Il progetto è ideato da Ancitel Energia&Ambiente con il supporto tecnico della start up Pearleye Hd Virtual Tour, e patrocinato da Anci e Ministero dell’ambiente.

"Questo progetto - ha spiegato la dirigente Grazia Geranio Dirigente dell'ISA numero 5 - serve a tutti, ma a voi studenti per essere dei cittadini migliori domani. Questa mattina non solo avete intrapreso un nuovo metodo per intraprendere un percorso civico, ma ne avete conosciuto uno nuovo di valenza scientifica. Avete acquisito così una nuova competenza di cittadinanza".
Lo scopo dell'iniziativa è far permeare il concetto che il rifiuto è un valore aggiunto se viene differenziato correttamente. "Vi abbiamo cercato di spiegare cosa succede dopo che una cosa viene gettata via - ha detto Valentina Causapruna di Waste Travel 360° e Ancitel Energia&Ambiente -. La modalità di apprendimento è talmente innovativa che coglie il pieno entusiasmo dei ragazzi. Attraverso la realtà virtuale capiscono che il rifiuto è un valore, una risorsa che può essere recuperato e riutilizzata per costruire qualcosa di nuovo. I ragazzi si sono dimostrati molto aperti a questa formula di apprendimento, abbiamo dato loro un quaderno e un questionario. Molti di loro ci hanno fatto i complimenti e ci hanno detto anche che questa modalità sarebbe bella anche per altre materia. Con queste tecnologia non va a sostituire in tutto il metodo di apprendimento didattico, che è sempre fondamentale ma lo sostiene in maniera fattiva".

Tra i sostenitori del progetto anche il Labter della Spezia che già con il progetto Scarty sono entrati nelle scuole. "Con le nuove generazioni - ha spiegato Fabio Giacomazzi del Laboratorio Territoriale di Educazione Ambientale del Comune della Spezia - è giusto intraprendere tutti i percorsi per coinvolgerle. Prossimamente diffonderemo dei questionari per ricevere un feedback delle iniziative condotte fino ad oggi, tra questi si inserisce anche il progetto Scarty. Per ora ci riteniamo soddisfatti perchè i primi a mostrare interesse sono proprio i ragazzi".

Le testimonianze di tre giovanissime studentesse.A tirare le fila della mattinata sono proprio gli studenti dell'Anna Frank. Agnese della IE, Chiara della ID e Valentina della I A raccontano le loro impressioni. "E' stato molto bello e interessante - racconta Agnese - . Abbiamo capito anche come si dividono i rifiuti se sono di legno e se buttiamo via gli elettrodomestici".
"I rifiuti più difficili da differenziare - spiega Chiara - sono le batterie ad esempio. Le famiglie spesso non sanno dove vadano buttati e magari vicino casa non hanno un luogo adatto per farlo".
"Abbiamo capito che è sempre molto importante rispettare l'ambiente - ha detto Valentina -. Ci hanno anche fatto tante domande sulle quali abbiamo dovuto riflettere attentamente. E' stata una bella esperienza e abbiamo imparato molto".

A chiudere l'incontro una canzone che ricorda appunto la necessità di differenziare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fotogallery

Video

16/03/2017 - La realtà virtuale per differenziare meglio


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure