Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 24 Gennaio - ore 20.23

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

La "celtica" Marinasco, patrimonio identitario

Nell’epoca in cui è facile smarrire i connotati distintivi della propria identità, ripristinare il simbolo laico oltre che religioso di una presenza civica, è opera che merita.

La `celtica` Marinasco, patrimonio identitario

La Spezia - Marinasco, ci vai e da lì domini l’onda, bellissima, del Golfo. Ma il mare nel nome non c’entra. Il finale in asco ne svela l’antica origine preromana, un’impronta celtica confermata dall’iniziale marna che nell’idioma gallico indicava il conglomerato calcareo-argilloso. E allora comprendi nel nome il bisogno della sicurezza che l’altura assicurava.
Marinasco fu anche stazione importante in una bretella (non di allora questo termine) che legava Arcola al Bracco inserendo questo lembo ultraperiferico di terra del Golfo nella grande via dei traffici.
Marinasco, tuttavia, per noi è soprattutto la sua pieve che intitolarono al Protomartire. Qualsiasi testo della nostra storia dice che Santo Stefano fu matrice di ogni altra organizzazione religiosa che poi fiorì sul territorio, si eccettui San Venerio, l’altra pieve.

Pieve, parola bellissima che mi affascina da quando, or è mezzo secolo ed io studentello quasi imberbe, venni iniziato alla sua comprensione. Deriva dal latino plebe che è cosa diversa dal significato deteriore che ha poi assunto. Nell’idioma dei Padri, plebeo era chiunque non vantasse lombi nobili e plebe era il popolo che trasferiva il suo nome a quei presidi religiosi attorno ai quali si radunava convinto. Né sapresti oggi dire se il momento di coesione lo desse l’atto della devozione o la consapevolezza di costituire un ensemble coeso, un’università di popolo unito da un progetto di vita comune. È così che all’istante avverti nella parola il senso laico dell’appartenere al territorio.

Questa fu la pieve di Santo Stefano a Marinasco sull’altura e lì fecero una chiesa dall’impianto cistercense che fu il modo ligure del gotico. Eretta nel XIII secolo, tale si mantenne fino al 1780 quando, rovesciata sul piano orizzontale, la parte absidale divenne vestibolo ed il più modesto paramento interno venne volto nel fasto sontuoso del barocco.
Se mutò l’immagine, la chiesa mantenne però l’appeal sempre vedendo folla nei banchi. Come ogni cosa terrena, tuttavia, conobbe l’ingiuria del tempo che tuttora non risparmia il vecchio tempio.
Oggi è forte l’interesse a ripristinare l’antica bellezza, ed è premura ben giustificata: non solo per il valore artistico, ma anche, per me soprattutto, perché nell’epoca in cui è facile smarrire i connotati distintivi della propria identità, ripristinare il simbolo laico oltre che religioso di una presenza civica, beh, è opera che merita. Pensiamoci bene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure