Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 30 Maggio - ore 14.47

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

La Spezia, chiude la Porta santa. Il vescovo Palletti: "La Misericordia rimane"

La Spezia, chiude la Porta santa. Il vescovo Palletti: `La  Misericordia rimane`

La Spezia - “Oggi, qui in cattedrale, si chiude la porta santa della Misericordia. Ma la porta giubilare è solo un segno, limitato nel tempo e nello spazio. La porta della Misericordia del Padre rimane sempre aperta, perché ha un nome e un volto: Gesù Cristo”. Lo ha detto il vescovo diocesano Luigi Ernesto Palletti, celebrando domenica scorsa in Cristo Re, alla Spezia, La Messa pontificale per la chiusura dell’anno santo della Divina Misericordia. Commentando le letture del giorno, monsignor Palletti ha sottolineato che la Parola di Dio accosta la Misericordia a verità, a responsabilità ed a profezia. La Misericordia viene offerta da Dio, senza sconti sulla verità. Bisogna sempre chiamare bene il bene, male il male. Ma la Misericordia – ha proseguito il vescovo – diventa anche responsabilità, e allora abbiamo la grande lettera dell’aspostolo Paolo: “Chi non vuole lavorare, neanche mangi”. Bisogna poi evitare la tentazione di una fede che diventa magia. La risposta dell’uomo, infatti, è sempre necessaria: mossi dalla grazia, dobbiano sempre portare il nostro contributo, magari anche con solo pochi pani e pesci. La Misericordia, infine, suscita in chi la riceve il dono della profezia. Essa dunque è fondamentale, ed abbraccia la vita dell’uomo. Ma anch’essa si ferma sulla soglia del cuore di chi non la lascia entrare: “Ecco, sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me”. Citando questo versetto dell’Apocalisse, Palletti ha invitato tutti a tenere aperta la porta del proprio cuore, perché Gesù possa entrare sempre. Al termine della Messa, il vescovo ha ricordato gli incontri, già in corso nei vicariati, per la presentazione delle linee pastorali per il nuovo anno: “Non c’è un progetto nuovo. La novità è Cristo. Bisogna andargli incontro, rinnovando il cammino ... Chiediamo dunque questo come grazia per noi e per tutta la nostra Chiesa diocesana». In una cattedrale piena di fedeli, con molti sacerdoti e religiosi che concelebravano, Palletti ha infine salutato il ritorno in pubblico, dopo un lungo periodo di malattia, del vescovo emerito Bassano Staffieri, che ha concelebrato insieme al vescovo africano di Bubanza, in Burundi, Jean Ntagwarara: «Ringraziamo per questo il Signore e la preghiera, in questi mesi, di tutta la comunità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








FOTOGALLERY



I SONDAGGI DI CDS

Mimmo Di Carlo in scadenza di contratto, vorreste vederlo ancora sulla panchina dello Spezia?
56,3% 
43,7% 






























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure