Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 25 Gennaio - ore 23.29

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

L'appello dei medici a cittadini e tifosi: "Massima attenzione, il virus gira"

Il presidente dell'Ordine dei medici chirurghi e odontoriatri della Spezia Barbagallo: "Sanitari sotto pressione e medici contagiati. E' il momento di non mollare sulle norme di prevenzione anticontagio".

in attesa del vaccino

La Spezia - "Si stanno contagiando anche i medici che non lavorano in ospedale ed è un segnale evidente che il virus sta continuando a girare". Così il presidente dell'Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri della Spezia, Salvatore Barbagallo, descrive la situazione sanitaria in provincia e lancia un appello alla cittadinanza per il rispetto delle norme di prevenzione anche in vista della prima partita che lo Spezia calcio disputerà all'Alberto Picco.
"L'attività sanitaria - spiega - è ripresa in maniera rilevante, perché tutte le attività che prima erano state sospese sono ripartite a pieno ritmo. Questo virus però non si ferma e chiaramente chi è a contatto con le persone in maniera ravvicinata, come può capitare ad un medico durante una visita, è esposto al rischio. I colleghi spezzini colpiti dal virus sono in condizioni stabili e non ci sono elementi di allarme ma nel resto del Paese, dall'inizio della seconda ondata, sono periti 70 medici sia di Medicina generale che di altre malattie specialistiche".

Il Covid fino alla vaccinazione sarà un compagno sgradito e per combatterlo sono necessarie anche precise accortezze da parte dei cittadini. "Nell'ultima settimana il calo dei contagi è stato significativo - prosegue Barbagallo -. E' un buon segno però non bisogna abbassare la guardia: la prima difesa è la mascherina seguita dall'evitare ogni genere di assembramento. Si tratta di norme prudenziali che dovremo rispettare anche per tutto il 2021, per i vaccini ci vorranno mesi con tutte le accortezze del caso. C'è grande interesse per quello anglo-italiano che non ha bisogno del congelamento. Adesso si può uscire e con i sacrifici di tutti siamo entrati in 'zona gialla', ma il processo per rientrare in quella arancione può essere davvero breve".

Davanti a questo panorama un pensiero viene rivolto anche alla prima partita del 16 dicembre, che lo Spezia calcio potrà disputare sul prato del Picco contro il Bologna. "Sarà una giornata molto delicata - ha detto Barbagallo - ed è ovvio che non possiamo chiedere alle persone di non festeggiare la squadra. E' un momento storico per tutti però servono delle accortezze. Se ci saranno assembramenti dovremmo scontrarci con un problema reale come quello della crescita dei contagi. Rinnovo l'appello che feci nel periodo della promozione: stiamo attenti".

Il rispetto delle regole, l'attenzione massima da parte di tutti si traducono anche in una minore pressione sul settore sanitario dove le preoccupazioni rimangono. "E' un dato di fatto che da parecchi mesi tutto il comparto è esposto a una forte pressione - conclude - sia per chi ha seguito i pazienti Covid che per coloro i quali hanno dovuto curato altre realtà. Ci devono essere delle attenzioni maggiori. In provincia della Spezia soffriamo di una carenza sia strutturale che di organico che la Regione, è un dato di fatto, non ha ancora colmato".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News