Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 03 Marzo - ore 14.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

L'agricoltura sociale come forma terapeutica e di inserimento

Solidarietà ai tempi del Covid, l’evento di beneficenza si fa “in digitale”.

il progetto
L'agricoltura sociale come forma terapeutica e di inserimento

La Spezia - L’attuale pandemia di Covid-19 sta modificando molti aspetti della nostra vita sociale ma non è riuscita comunque a fermare l’appuntamento di beneficenza organizzato ogni anno dal Family Banker Fabio Boggio di Banca Mediolanum, in collaborazione con Afrodite Onlus della Spezia e Fondazione Mediolanum Onlus. L’evento a sfondo sociale, finalizzato alla raccolta di fondi, si è svolto nella giornata di mercoledì 3 febbraio in veste digitale e con partecipanti “virtuali”, ma sempre attenti, sensibili e generosi: grazie alle loro donazioni, un gruppo di giovani diversamente abili della nostra provincia, individuati dalla Associazione Afrodite Onlus, potrà accedere al progetto “Agricoltura sociale”; l’iniziativa mira ad inserire dieci ragazzi con handicap psico-fisico e socialmente disadattati all’interno di alcune aziende agricole locali.

Tre i relatori che si sono alternati illustrando i vari aspetti del progetto: Fabio Boggio, ha ricordato come questo nobile progetto sarà attuabile anche attraverso il generoso contributo economico di Fondazione Medioalnum Onlus che, come già avvenuto in passato per iniziative simili, raddoppierà l’importo delle donazioni raccolte tra i partecipanti-benefattori. Il presidente dell’Associazione Afrodite, dott. Mauro Bornia, ha spiegato come le persone, attraverso l’agricoltura, soprattutto in questo periodo di isolamento forzato, possono sentirsi in qualche modo utili o “non di peso” alle famiglie, oltre che recuperare l’ autostima e raggiungere emancipazione sociale, dando un contributo fattivo alla comunità. I destinatari del progetto potranno infatti vedere concretamente il risultato del loro lavoro in termini di produzione agricola, all’intero di alcune Aziende facenti parte della Cia (Confederazione Italiana Agricoltori).

È proprio il presidente della Cia Liguria di Levante, Alessandro Ferrante, a riferire nel suo intervento che recenti esperienze hanno dimostrato l’efficacia dell’agricoltura sociale come strumento formativo ed educativo. Il tutto nella massima sicurezza e con rendicontazione degli effetti-benefici; infatti, in questo periodo di emergenza sanitaria, il poter svolgere tali attività nella natura ed all’aria aperta, ha sicuramente un valore aggiunto in termini di sicurezza e di riduzione dei rischi di contagio. Al termine dell’esperienza non è escluso poi uno sbocco lavorativo per i partecipanti, sempre seguiti e monitorati dall’Associazione e dagli enti competenti (Servizi Sociali, Azienda Ospedaliera Territoriale).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




FOTOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News