Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 23 Agosto - ore 17.46

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Italy Emergenza, la Uil: "Nessuno resti indietro e no a ritocchi di stipendio"

Il segretario Uil Fpl, Bagaglia: "Asl e istituzioni proseguano nella ricerca di una soluzione per i 44 lavoratori". Maggiani: "Le polemiche su posti letto e personale sono fuori luogo, la situazione sta migliorando".

Italy Emergenza, la Uil: `Nessuno resti indietro e no a ritocchi di stipendio`

La Spezia - La sanità continua a tenere banco nel dibattito politico e sindacale cittadino. Ad intervenire, oggi, è la Uil, tramite il segretario generale Nadia Maggiani e il leader della Uil Fpl Massimo Bagaglia.
"E’ chiaro che, come Uil, abbiamo l’intento di rendere di dominio pubblico le difficoltà lavorative nelle quali versano i 44 dipendenti di Italy Emergenza, cooperativa sociale alla quale è affidato il trasporto nei nosocomi spezzini, di fatto in scadenza il prossimo 31 ottobre. Lo abbiamo fatto in tempi non sospetti, non facendo alcuna scelta di campo, né politica, tanto meno imprenditoriale, ma di sola salvaguardia lavorativa. Ed è proprio su questo - dichiara Bagaglia - che vorremmo riportare l’attenzione. In questi giorni infatti abbiamo sentito e letto di tutto, fino a paventate opzioni di possibili assorbimenti di una sola parte dei 44 lavoratori da parte di nuovi eventuali aggiudicatari del servizio, come pure possibili ridimensionamenti salariali di stipendi - aggiungiamo noi: vicini già alla soglia di povertà - che dovrebbe garantire una soluzione per il mantenimento del posto di lavoro.
Insomma sconti per tutti ma non per quelle 44 famiglie che ormai da un anno lavorano con la morte nel cuore. Noi non ci stiamo. Nessuno si deve perdere per strada, nessuno deve vedersi ridurre lo stipendio. Apprezziamo gli sforzi che Asl e istituzioni cercano di portare avanti, sappiamo di incontri che si susseguono e che ci rimandano un segnale di coinvolgimento che fortemente abbiamo auspicato. A loro chiediamo di continuare l’impegno perché questa forza lavoro non vada perduta, ma semmai implementata".

Maggiani, dal canto suo, interviene facendo un accenno sulla polemica che in questi giorni alimenta il dibattito sulla carenza dei posti letto nella Asl 5.
"E’ vero: è stato da sempre il tallone d’Achille del nostro territorio, ma sebbene il problema sia reale - dice la segretaria provinciale della Uil - è altrettanto vero che leggiamo positivamente e apprezziamo l’inversione di tendenza che comunque l’Asl 5, su spinta della Regione cerca di attuare. E’ altrettanto vera l’atavica carenza di personale, ma il sapere che l’11 luglio si espleterà il primo passaggio del concorso pubblico per infermieri professionali fa ben sperare, non fosse altro per il fatto che in provincia non si ricorda un concorso pubblico da decenni con questa consistenza di deroghe".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure