Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 19 Agosto - ore 08.59

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Inquinamento, Fontana: "In porto le regole sono rispettate"

Inquinamento, Fontana: "In porto le regole sono rispettate"

La Spezia - In merito ai recenti articoli apparsi sulla stampa locale riguardanti l'inquinamento dell'aria derivato dalle attività delle navi in porto, senza voler minimizzare il problema, vorrei puntualizzare alcune questioni.

Le normative in tema di emissioni inquinanti derivanti dalle combustioni dei motori delle navi sono emesse da organismi internazionali quali l'IMO (International Maritime Organization) al quale aderiscono tutti i Paesi del mondo, dall'UE e recepite nell'ordinamento nazionale; esse mirano a limitare ed a ridurre gradualmente gli effetti inquinanti dei combustibili per uso marittimo.

L'uso obbligatorio dal 1 gennaio 2015 di gasolio a bassissimo contenuto di zolfo - inferiore allo 0.10% - delle navi all'ormeggio nei porti o all'ancora nelle rade della UE costituisce una misura importante nella limitazione delle emissioni di zolfo e di particolato in atmosfera..
I controlli sulla qualità del carburante inoltre sono rigorosi e frequenti da parte del personale delle Capitanerie di Porto e delle Dogane coordinati dalla Autorità di Sistema Portuale e a nostra conoscenza non si sono riscontrate infrazioni alle norme
 
Quindi sgombriamo il campo della errata convinzione che nel Porto non vengano fatte rispettare le regole in materia ambientale perché l’efficienza del Porto si misura anche nella qualità dei controlli!

Per quanto riguarda la elettrificazione delle banchine non c'è alcun dubbio che essa risolverebbe tutti i problemi portando le emissioni inquinanti a zero, tuttavia ci sono due questioni che vanno tenute nella giusta considerazione.

La prima riguarda il costo per gli armatori necessario ad adeguare le navi per poter ricevere corrente da terra: non si tratta semplicemente di attaccare una spina ma sono necessari importanti e costosi interventi strutturali e per assorbire tale investimento è fondamentale che il costo dell'energia elettrica da terra risulti inferiore a quello autoprodotto dalle navi con i generatori. 

La seconda considerazione di carattere più generale è capire come sarà prodotta l'energia elettrica da fornire alle navi in banchina perché se questa è prodotta ad esempio con un aumento della combustione del carbone è evidente che il vantaggio in termini ambientali sarebbe risibile e sposterebbe solamente il problema delle emissioni inquinanti di qualche centinaio di metri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News