Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Marzo - ore 21.57

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

In Cina hanno ricostruito la Stazione Centrale: è la porta di un "borgo ideale"

Nella provincia dell'Hunan apre un parco tematico che riproduce un tipico paese italiano. Un po' Assisi, un po' Venezia e un po' la Spezia con la sua stazione del 1887. Perché questa scelta? La "porta delle Cinque Terre" è famigliare ai cinesi.

cosa di un altro mondo
In Cina hanno ricostruito la Stazione Centrale: è la porta di un "borgo ideale"

La Spezia - C'è tutto. Il piazzale, la pensilina, i portoni in legno, la scritta "La Spezia Centrale" e pure il logo delle Ferrovie dello Stato. Qualche leggera differenza nei volumi, ma a un primo colpo d'occhio è quella macchia di colore rosso che attira l'attenzione. Sopra la meridiana sventola la bandiera della Repubblica Popolare Cinese con il richiamo comunista e le stelle gialle nell'angolo in alto a sinistra. Non siamo in Piazza delle Medaglie d'Oro, ma a venti chilometri da Changsha, la capitale della provincia dell'Hunan.
Si chiama HB Italian Town, un borgo idealizzato che riproduce alcuni degli stilemi dell'architettura italiana più conosciuti nel mondo. Un isolotto fluviale di 250mila metri quadrati nel cuore della Cina, un parco tematico costruito dal colosso del cinema Huayi Brothers Media Corporation. In trenta mesi circa è nato dal nulla: un po' medievale, un po' rinascimentale e un po' barocco; un po' Assisi, un po' Venezia e un po' la Spezia.

Per lasciarsi alle spalle l'Asia e tuffarsi nel Mediterraneo si passa infatti attraverso l'entrata del parco che riproduce fedelmente la stazione principale della città del golfo. In perfetto stile umbertino - la stazione è del 1887 - i progettisti hanno perfino ricreato il gioco dei colori ottenuto nell'originale grazie ai tratti scuri delle pietre estratte nelle montagne qui attorno. Quelle della cinta muraria ottocentesca e anche dei fondi del centro storico per intenderci.
La scelta della Spezia Centrale come porta d'ingresso all'Italian Town, richiesta esplicitamente dai committenti, ha un motivo semplice: la stazione cittadina è la porta per le Cinque Terre ed è quindi un luogo famigliare per molti cinesi. La ferrovia è rimasta nell'immaginario delle migliaia di persone che ogni anno fanno tappa qui, spesso in tour che toccano anche le città d'arte toscane. Chissà se all'interno sono stati riprodotti anche gli affreschi di Luigi Agretti che raccontano l'espansione del periodo sabaudo sul mare e nell'industria. Viene da sorridere a pensare come la Spezia si sia interrogata per anni se specializzarsi come "porta delle Cinque Terre" in ambito turistico e adesso si ritrovi ad essere la "porta" dell'Italia intera a circa 8mila chilometri da qui.

"E’ sulla tovaglietta di un bar che è stata disegnata la piantina di un borgo italiano da costruire in Cina. Sembrava una fantasia scaturita da un bicchiere di vino in una notte di provincia. Sono passati tre anni. E’ nata una città. 45 attività commerciali, di cui 24 direttamente gestite da ben 40 italiani" spiega una nota del Consolato generale d'Italia a Guangzhou. Sono marchigiani gli imprenditori che hanno costruito questo gioiello, meta per gli amanti dello shopping, della gastronomia italiana ma anche della cultura, dall'opera alla pittura. Per l'inaugurazione sono stati staccati 70mila biglietti per una settimana di spettacoli legati al circuito di Umbria Jazz.
Quella italiana è solo una porzione di un parco che propone altre sei cities ispirate a temi differenti. Un veicolo di promozione straordinario, basti pensare che il target dichiarato sono un milione e mezzo di visitatori entro il primo anno e cinque milioni entro il 2021. I primi mesi sono stati un successo. Nel 2020 è prevista l'apertura di un altro parco tematico dedicato alle città dell'arte italiane a Chengdu, capitale del Sichuan. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News