Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 23 Agosto - ore 22.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Il sindacato Nursind: "Asl assuma nuovi infermieri"

Il sindacato Nursind: `Asl assuma nuovi infermieri`

La Spezia - “NurSind chiede alla Asl della Spezia l'immediata sospensione dell’utilizzo improprio dell’istituto della pronta disponibilità per la copertura delle assenze del personale infermieristico, invitando la direzione aziendale a assumere infermieri per sopperire alle evidenti carenze”. E' la richiesta della segreteria spezzina del sindacato delle professioni infermieristiche Nursind tramite la sua segretaria Assunta Chiocca che attacca l'Asl sostenendo che l'azienda sanitaria faccia un uso improprio della pronta disponibilità del personale infermieristico.
“Il vigente contratto della Sanità non prevede e non disciplina in alcun modo l’istituto della "pronta disponibilità" così come l'ASL 5 l’ha invece introdotto, ovvero utilizzandolo come mezzo per sopperire alla carenza ormai cronica di personale infermieristico - si legge in una nota - . L’istituto della pronta disponibilità è previsto dalla norma per la copertura di quei servizi che non essendo aperti 24 ore al giorno, hanno bisogno di personale reperibili in pronta disponibilità, al fine di affrontare eventuali urgenze come, classico esempio, le sale operatorie”.
“Con l’attuale utilizzo dell’istituto- si legge ancora nella nota -, l’azienda spende soldi contrattuali nati per ben altro scopo, per coprire le assenze del personale infermieristico dovute a malattia, ferie, permessi e istituti di legge (ad es 104 per il supporto ai disabili) oltre a caricare di turni aggiuntivi gli infermieri già massacrati dai turni di lavoro nel reparto di appartenenza”.
“Inoltre, il servizio di pronta disponibilità deve prevedere che il personale sia impiegato nella stessa unità operativa in cui svolte il suo lavoro istituzionale - si legge ancora -, mentre nell’ASL Spezzino il personale in reperibilità può essere inviato a coprire assenze anche in altre realtà. Questo provata il fatto che gli infermieri possano trovarsi a lavorare in un reparto che non è il proprio, con tutte le evidenti difficoltà dovute alla non conoscenza dei metodi di lavoro, dei pazienti e delle misure di sicurezza previste in tali strutture, cosa espressamente vietata dal Dlgs 81/2008 in tema di sicurezza sul lavoro”.

“L’attuale modalità di utilizzo della reperibilità nella ASL Spezzina - prosegue Nursind -, ovvero l'utilizzo in pronta disponibilità di tutti gli infermieri dei reparti di degenza e il loro spostamento in altri reparti, sono un evidente abuso dell'istituto, sia dal punto di vista organizzativo che di sicurezza sul lavoro e che è stato, in altre sedi, dichiarato illegittimo da una sentenza della Corte dei Conti, che ha configurato un danno erariale a carico dell’amministrazione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure