Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 02 Dicembre - ore 06.50

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il Gnl in porto raccontato dall'ingegnere di Arpal

Domenica scorsa il primo rifornimento in Italia.

"Non espone ai rischi del Gpl"
Il Gnl in porto raccontato dall'ingegnere di Arpal

La Spezia - È andato in scena lo scorso 25 ottobre alla Spezia il primo rifornimento di Gnl (gas naturale liquefatto) in Italia, evento che da un lato ha suscitato una certa curiosità, dal'altro ha visto intervenire con preoccupazione gli ambientalisti. A commento dell'evento ecco che interviene Arpal, l'agenzia regionale per l'ambiente. “La tutela dell’ambiente – osserva l'organismo di tutela e monitoraggio - si può portare avanti in molti modi. Uno dei più efficaci è senza dubbio la prevenzione che, quando effettuata al meglio delle conoscenze scientifiche e delle possibilità tecnologiche, permette di evitare la maggior parte degli incidenti e di minimizzare l’impatto delle attività. E non è un caso che La Spezia sia stato il primo porto in Italia, terzo nel Mediterraneo, ad effettuare nei giorni scorsi il 'pieno' di Gnl, addirittura ad una nave da crociera. Con un percorso durato circa due anni, infatti, è stato dapprima scritto un regolamento per l’accosto in banchina delle navi alimentate a Gnl e poi, negli ultimi mesi, la prima linea guida per il bunkeraggio, ossia il rifornimento con questo particolare combustibile”.

Cosa c’entra Arpal in tutto questo? “Arpal – spiegano dal'agenzia - è un ente tecnico, il cui personale è spesso specializzato in settori molto particolari, e il collega che ha collaborato con Capitaneria di Porto e altri organismi certificatori indipendenti alla stesura dei documenti indispensabili per queste operazioni è Tomaso Vairo, nostro analista di rischio, membro per l’Agenzia del Comitato tecnico regionale, docente ospite e ricercatore universitario sulla materia, autore di diversi articoli scientifici sul tema della sicurezza, alcuni dei quali specifici sul Gnl”. Ed è proprio l'ingegnere a raccontare come sono andate le cose. “È stata presentata la bozza sul bunkeraggio alla Shipping week di Napoli – afferma Vairo – e le linee guida sull’analisi di rischio saranno esposte alla Shipping 4.0 di Genova l’anno prossimo. Le navi a Gnl già devono soddisfare tutta una serie di requisiti specifici certificati da enti terzi. Noi ci siamo concentrati soprattutto sulle operazioni simultanee, altre attività che è possibile/non è possibile svolgere durante il rifornimento, e sulla definizione delle informazioni minime che devono contenere le analisi del rischio di nave rifornitrice e nave ricevente. Il gas naturale liquefatto è sostanzialmente composto da metano freddissimo, tenuto liquido a -162°C: è un gas che tende a vaporizzare molto velocemente, ed essendo più leggero dell’aria, altrettanto velocemente si disperde, per cui è ragionevolmente impossibile che all’aperto possa esplodere”.
Un comportamento, segnalano da Arpal, ben diverso dal Gpl (gas di petrolio liquefatto), composto sostanzialmente da butano e propano, “che invece non si disperde in tempi rapidi, ma tende ad accumularsi con esiti anche catastrofici”. E Vairo sgombra il campo: "Con il Gnl all'aperto non c'è questa possibilità, i rischi potrebbero venire da un eventuale infrigidimento delle strutture, che è facilmente evitabile con banali accorgimenti, o da una rapida transizione di fase in corrispondenza di importanti perdite subacquee, con il repentino passaggio dallo stato liquido a quello gassoso e la conseguente onda di pressione. Ma in un simile scenario, possibile solo in caso di gravi rotture agli scafi delle navi, l’onda di pressione non sarebbe sicuramente il problema principale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News